7 Aprile 2021

El dialeto dei fachini – parlar a la versari

el sunto Inizia oggi una rubrica dedicata al dialetto parlato una volta dai facchini nel Porto di Trieste, il cosiddetto dialetto "negron"

dialetto portoCola parola negron fina qualche decina de ani fa se intendeva l’omo volgare, de modi e de lingua: el zoco, el basual, el grezon.
Logicamente el dialeto triestin parlà dei negroni iera un dialeto altretanto grezo e pesante, tanto ch’el professor Doria, el più importante studioso del nostro dialeto, gaveva fato distinzion tra el dialeto patoco – quel che ogi parla solo i veci – el dialeto slavazà – quel missià col’italian che ogi parla i giovini – e ‘l dialeto negron, che no parla più nissun.

A dir la verità, però, qualcossa del negron xe restà.
‘Sti resti no xe sicuro patrimogno de le putele de bona familia – per quanto a le volte anche quele… – ma in ogni modo grezoni e bobe in giro ghe ne xe ancora, e più de un trato de quel linguagio se pol ancora sintirlo in boca a ‘sti qua.

A parte le parolaze, che quele xe el bagalio no solo de ogni legera ma anche de ogni mulon che se rispeti, el trato più tipico del vecio negron xe el parlar “a la vèrsari”, ossia a la riversa, invertindo l’ordine de le silabe.
Intanto disemo che questo de parlar a la riversa xe un trato che se pol sintir tra i grezoni de varie parti de Italia, e che xe el sistema più conossù de no farse capir de chi che scolta e no lo conossi. E quindi, se se xe in canon, de le guardie carcerarie o de la Pulia in genere, se se xe in Porto, dei capi o de chi che non xe triestin e che per qualche razon ga comunque de far coi fachini.

Iaspi (spia), liapu (pulia), nonca (canon), namo (mona), is (si), lianta (talian) xe le parole a la versari più conossude: quela che però xe sparida xe la capacità de dir svelti a la riversa intiere frasi, de dialogar “a la versari”.

A Trieste, via de ‘sto qua, ghe iera anche un altro gergo de ‘sto genere: i lo ciamava “el sangiacomin”.
Per dir, metemo, “ieri de sera son tornà casa in bala” i diseva:
ieghedè-righidì deghedè seghedè-ragadà sogodòn togodòr-nagadà cagadà-sagadà ighidìn bagadà-lagadà”.
A le silabe che finissi in vocale, se le finissi cola a, se ghe zonta un gadà, se le finissi cola e se un ghedè, se le finissi cola i … e cussì via.
A quele che finissi in consonante, la consonante se ghe la zonta dopo (es. in bala = i/ghidì/n ba/gadà-la/gadà; altro es. sangiacomin = sa/gadà/n-gia/gadà-co/godò-mi/ghidì/n).

La prossima volta parlerò ancora de quel poco che xe restà del dialeto dei negroni.

 

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.