9 Marzo 2021

“Rose” incanta il pubblico con musica, danza, parole e arte

el sunto Il concerto-evento “Rose”, promosso dal Teatro Verdi di Trieste, in onda ieri sera sull’emittente televisiva Telequattro, ha incantato il pubblico

Il concerto-evento “Rose”, promosso dal Teatro Verdi di Trieste, in onda ieri sera sull’emittente televisiva Telequattro, ha incantato il pubblico con un percorso che ha accompagnato gli spettatori tra musica, danza, parole e arte.

Realizzato in occasione della Giornata internazionale della donna 2021, in collaborazione con l’assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Trieste e con il Conservatorio Tartini, ha visto in scena Orchestra e Coro del Teatro Verdi, in aggiunta a molti ospiti speciali. 

A dirigere l’orchestra per l’occasione è stata Stephanie Praduroux, con un repertorio contraddistinto dalle note di Gioachino Rossini, dal Guglielmo Tell, e ancora dalle musiche di Vincenzo Bellini, Giuseppe Verdi, Claude Debussy e Charles Gounod. Maestro del Coro è stato Paolo Longo.

Ad aprire la serata un video con il balletto di Cler Bosco, una coreografia danzata all’alba, mentre la città si risveglia, sul molo Audace, sul fronte mare di Trieste, con il Teatro Verdi sullo sfondo. Filo conduttore della serata la voce dell’attrice Isabel Russinova, che ha curato anche i testi, portando in scena le storie toccanti di tre donne, legate dallo stesso nome, Rose, e dalla stessa tempra, un carattere forte e deciso, che le ha rese protagoniste di piccole e grandi rivoluzioni nel corso del tempo.

Ecco il racconto di Rose Luxemburg, rivoluzionaria dal grande carisma, Rose Parks, attivista americana, simbolo del movimento per i diritti civili, e Rose Freedman, ultima sopravvissuta all’incendio di una fabbrica in cui morirono 146 ragazze.

Ad arricchire il concerto la sassofonista Giovanna Mastella, i soprani Nina Muho ed Elisa Verzier, il mezzosoprano Kimika Yamagiwa, il baritono Enrico Cossutta, le ballerine Cler Bosco e Alessia Gardina. In platea sono state collocate le opere della pittrice e scultrice Lisena Aresu, mentre alcuni suoi disegni sono stati proiettati sul fondale del teatro.

Le protagoniste della serata hanno indossato gli splendidi abiti della stilista Regina Schrecker, presente durante l’evento. Il progetto è ideato dal Direttore Generale del Teatro Verdi Antonio Tasca, curato dal Direttore Artistico Paolo Rodda, con il coordinamento organizzativo di Daniela Astolfi, Responsabile dei Servizi Musicali.

«Un grande concerto – commenta Tasca – in occasione della Giornata internazionale della Donna, la declinazione delle arti al femminile è stata espressione sublime di armonia e passione, espressione di vita e sentimento. Penso sia stato un incontro di emozioni felici da ripetere. Un grazie – sottolinea – a tutte le lavoratrici ed i lavoratori del Verdi ed alle artiste ed artisti che hanno partecipato».

In attesa di accogliere nuovamente il pubblico a teatro, il Verdi non si ferma, e continua una programmazione che anche nei prossimi giorni prevede concerti e ulteriori novità.  

 

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.