14 Febbraio 2021

San Valentino nella canzone popolare triestina

el sunto San Valentino e il romanticismo della canzone popolare triestina. Una zaia de scontrosa grazia e unpolitically correct a ufete!

Buon San Valentino!
Ah, prima che fè pupoli sul tono del post: xe ironico, se scherza, xe un viz, no longhi! E no xe censurado niente, quindi: Parental advisory, ghe xe anca parolaze. Ma xe quele dela cultura popolare, quindi sepol 😛

Gnente, ispirado da un post su facebook del buon Stefano Rascioni, nel quale el fazeva notar el romaticismo dela canzon popolare triestina, eco una bela lista dei testi dele canzoni romantiche triestine, perfete per San Valentino. Un bel mix de unpolitically correct su qualsiasi tema.

(El bel pupolo de copertina xe de Sara Paschini e xe ciolto dal calendario A trieste volentieri, che podè comprar qua -cussì, giusto per far un poca de reclàm-).

AI BAI TU ME LA DARAI
Andando zo pel corso (ai bai tu me la darai)
incontro una flon flon (zigozela zon zon zon)
e mi ghe vado drio (ai bai tu me la darai)
ghe offro una porzion (zigozela zon zon zon)
e co ghe pago el conto (ai bai…)
la me peta un scampon (zigozela…)
e mi ghe coro drio (ai bai…)
la beco in un porton (zigozela…)
ghe tiro su el sipario (ai bai…)
me beco un bel sgrafon (zigozela…)
la va ciamar le guardie (ai bai…)
i me fica in canon (zigozela…)
e dopo nove mesi (ai bai…)
xe nato un bel mas’cion (zigozela…)
che nome ghe daremo (ai bai…)
ghe daremo Giovanin
capobanda del casin

LE MULE DE SAN GIACOMO
Le mule de San Giacomo / le porta el cristo in peto (2 volte)
le gà ‘l marì che naviga / l’amante soto el leto
Le prega el bon gesù / che ‘l marì no ghe torni più!
Le mule de San Giacomo / le ga la boca grande (2 volte)
e quando che le ridi / se ghe vedi le mudande
Bim-bum-bam / prima in boca e dopo in man!
Le mule de San Giacomo / ghe piasi l’altalena (2 volte)
e quando le va in alto / ghe se vedi filomena
Bim-bum-bam / prima in boca e dopo in man!
Le mule de San Giacomo / disì che no tacòna (2 volte)
le ga ‘l contachilometri / tacàdo sula mona
Bim-bum-bam / prima in boca e dopo in man!
Le mule de San Giacomo / disì che le xe serie (2 volte)
però le ga la mona / che no va mai in ferie
Bim-bum-bam / prima in boca e dopo in man!
Le mule de San Giacomo / no xe certo putane (2 volte)
però senza pompini / le morirìa de fame
Bim-bum-bam / prima in boca e dopo in man!

I LOVE YOU JOHNNY
E adesso che xe partì el batel
no poso più fumar Camel
Caro Johnny co ti te son partì
me ricordo che iera un venerdì
E la sera butada sul paion
te disevo I love, I love you John!
Mi go pianto, go pianto del dolor
perchè te ieri un negro cussì bon
Bon, bon, bon!
E mi mai più troverò un altro american
Come ti che te me davi el cevingam
I love you Johhny, I love you Texas
se vuoi far l’amor con me
tu mi dare cioccolata
io ti dare la patata
I love you Johhny, I love you Texas
se vuoi far l’amor con me
tu mi dare mandarini
io ti fare six pompini
I love you Johhny, I love you Texas
se vuoi far l’amor con me
tu mi dare sigarette
io ti dare le mie tette
Sti americani xe tuti muli ochei
i fa barufa tirandose i cavei
i ga inventà però una nova moda
co i fa barufa i bevi uischi e soda
e mi no trovo un altro american
cussì bon cussì bon
che me daghi el cevingam in man!
I love you Johnny…

LA DONA XE COME UNA VIPERA
la dona xe come una vipera x3
volesi poderla copar
e l’omo xe come un angelo x3
basta saverlo ciapar

XE MEIO UN BICER DE DALMATO
Xe meio un bicer de dalmato
che l’amor mio
che l’amor mio
che mi tradisce
Non voglio amar più femmine
perchè son false
perchè son false
intel fare all’amor

XE UN CALIGHER
Xe un caligher
la mia ma… la mia mama
xe un caligher,
la mia mama la me vol dar:
caligher che fa le ghette
a volte larghe a volte strette,
dighe de no…
xe un caligher, dighe de no!
Xe un marangon…
marangon che fa la tola, torna a casa che spuza de cola…
dighe de no…
Xe un micelin…
micelin che fa forchette, el ghe toca ale babe le tete…
dighe de no…
Xe un furlan…
furlan che magna polenta e ghe sponzi le tete al’armenta…
dighe de no…
Xe un Triestin
la mia ma… la mia mama
xe un Triestin,
la mia mama la me vol dar:
Triestin che bevi vinazza
dopo el manda tutti in monazza,
dighe de sì…
xe un Triestin, dighe de sì!

NO LA ME VOL PIU’ BEN
No la me vol più ben,
e no la me vol più ben,
la prega Dio che crepo,
la prega Dio che crepo!
E no la me vol più ben,
e no la me vol più ben,
la prega Dio che crepo,
inveze stago ben!
E mio marì xe bon,
el xe tre volte bon
ma solo la domenica x2
’l me onzi col baston!
Babe, parlè, parlè,
Babe, parlè, parlè,
parlè ’ncora una volta
che dopo creparè!

Buon San Valentino!

… e go evitado de meter el torero Manolito…

Go dimenticado qualdiduna?

 

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.