3 Agosto 2020

La taglia dei pesci: l’importanza delle dimensioni

el sunto “Giù le mani dai piccoli” è il quarto principio di sostenibilità promosso del progetto “Dal profondo del piatto” e riguarda la taglia del pescato

Una delle più classiche sfide tra pescatori riguarda sicuramente le taglia dei pesci pescati. Chi non ha mai visto la classica foto in cui si fa a gara a chi ha pescato il pesce più grosso? Sotto sotto, anche questo tipo di competizione nasconde un importante principio di sostenibilità, che è quello di rispettare la crescita degli individui più piccoli.

Rispettare la taglia dei pesci significa consentire a ogni essere marino di riprodursi almeno un volta nella vita. E quindi garantire anche alle generazioni future di pescatori di poter continuare a vivere delle risorse del mare. Per la misurazione dei pesci esiste una tabella che riporta quasi tutte le specie più consumate (allegato III del 1967/2006). La regolamentazione della pesca prescrive l’obbligo di rispetto di misure minime per i pesci pescati. Al di sotto del limite fissato i pesci devono essere rilasciati mentre sopra lo stesso limite possono essere prelevati fino ad un quantitativo massimo anch’esso stabilito per legge.

Ciò rende ancora più importante la questione già affrontata della sostenibilità dell’attrezzo da pesca usato. Più questo è selettivo, più ci potrà garantire un controllo anche sulla taglia dei pesci pescati. Una rete a strascico, ad esempio, difficilmente potrà fare a meno di catturare anche pesci piccoli, spesso uccidendoli durante il trascinamento. Molto meglio le reti da posta, che hanno delle maglie più larghe dove le taglie piccole possono passare.

Quanto al ristoratore che acquista pesce sotto taglia, può incorrere in una sanzione pecuniaria rilevante, ma anche in azioni penali: l’acquisto di specie protette o di taglia inferiore alla norma favorisce la pesca di frodo.

Il contest grafico di questa settimana del progetto “dal profondo del piatto” tratta proprio il tema della taglia dei pesci, con dodici lavori tra cui votare quello che maggiormente ne riassume il principio:

GIU’ LE MANI DAI PICCOLI

Occhio alle taglie: mangia solo pesce adulto! Darai così il tempo agli individui di crescere, maturare, riprodursi e garantire il futuro della specie. Se non sai qual è la taglia minima, informati con il pescivendolo o consulta il “Regolamento CE n. 1967/2006 del Consiglio del 21 dicembre 2006”

Ecco gli elaborati, che si possono votare sulla pagina dell’Area marina Protetta di Miramare a questo link.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.