3 Luglio 2020

La voce della Bora

el sunto Pubblichiamo questa bella poesia sulla Bora scritta durante il periodo di quarantena da Carla Mocavero. Un giorno di Bora è il più adatto per leggerla

LA VOCE DELLA BORA

Quando l’anima perde la sua voce
l’uomo resta senza vita,
il silenzio lo avvolge e lo imprigiona
mentre il virus imperversa tra di noi:
impossibile sentirlo, impossibile vederlo,
piccolo, piccolissimo, ma c’è
in noi, tra i nostri amici, tra la gente.

Quando improvvisa la bora ci ridesta,
il suo urlo accorato sembra umano,
spalanca le nostre  finestre chiuse
e ci raggiunge, sa e vuole dire tutto
a noi che non capiamo
morti di paura, e infine la sua voce
ci raggiunge e ci rincuora
ci riporta alla vita, pronti alla battaglia.

Carla Carloni Mocavero

Il disegno di copertina è di Bernardino Not, tratto dal libro “La leggenda della Bora” di Edda Vidiz, che si può trovare in libreria nonché online a questo link.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.