2 Luglio 2020

Le piante aromatiche dei petessoni

el sunto Terza puntata della rubrica "l'orto dei diversamente furlani". Oggi si parla di piante aromatiche e del loro utilizzo in cucina

Un bon orto strafanic devi sicuro gaver anche le piante aromatiche, che xe bastanza facile de coltivar (le va avanti a aqua -poca- e sol) e dà bastanza sodisfazion per odori e uso che se pol farne.

Meo de tuto forsi xe meter le aromatiche in una parte dedicada solo a quele. Se dopo gavè un can o un gato che ghe bagola intorno, vederè che xe anche piacevole co el ve torna in casa tuto aromatizado al rosmarin. Evitè de cusinarlo oviamente  (el gato/can, no el rosmarin).

Ocio che va fata atenzion sula posizion e sule associazioni. Mediamente le aromatiche va tute d’acordo, ma meo far un minimo de atenzion. Qua xe una bela lista de consigli/sconsigli. Poi oviamente tuti disi el contrario de tuto, quindi come al solito, in un orto strafanic, meo de tuto xe sperimentar, zogarse e poi l’anno dopo imparar dal’esperienza. Tipo tanti disi che el rosmarin e la salvia se odia. Mi no savevo e li go messi vicini per sbaio. In efeti el primo anno la salvia me xe quasi morta, e za stavo per farghe el funeral e cior un’altra e spostarla. Ma invece la ga resistido e da un dei rameti più stitici  xe vegnuda fora una super pianta.

Alora diria de struturar sta puntata con una lista dei esperimenti che go fato e dei risultati che podè replicar se volè e sopratuto un do righe de cossa servi poi ste piante:

  • Rosmarin: el grande classico. Servi per un poco tuto (insaporir la carnaza, usarlo come penel per meter l’oio nel polo ala griglia,… ecc)
  • Salvia: mi go quela cole foie grandi. Con cui se pol far quela roba bonissima che xe la salvia in pastela.
  • Salvia colorata: xe più picia e “leopardada”. A cossa la servi? Bu, forsi a un clinz, ma la xe sai bela e quindi la pol permeterse de esser inutile.
  • Basilico: eco questo xe impegnativo. Mentre i altri elencai fin desso no mola mai el colpo, el basilico dura solo d’estate e doverè ripiantarlo ogni giro. La roba fastidiosa xe che el ghe piasi a tute le bestiuze che xe in orto, per cui se partì dal seme diretamente in campo… i ve lo fa fora prima che el rivi a ciapar el primo sol. Quindi xe de partir in vaseto e poi trapiantarlo quando el xe diventà muleto un poco più robusto. Ma ocio che le bestiuze continuerà a puntarlo. Mi go trovado un trucheto per ficarghela che parti da una considerazion: come te fa a far in modo che un petesson no te rubi la tua bira? Semplice: te ghe meti vicin una bira che ghe piasi de più. Per cui vicin del basilico go messo do fiori de porro che evidentemente ghe piasi sai ale bestiuze, e infati le xe tute là soto e le lassa in pase el basilico. Se poi volè esser propio malvagi, podè spostar de sera el fior del porro e far passar “l’araldo dela morte” a far repulisti dele bestiuze, che essendo tute vicine vicine xe sai facili de ciapar. Ma dei araldi dela morte parleremo in una prossima puntata.
    Quante robe se pol far col basilico penso che savè meo de mi, anzi sicuro.
  • Timo: altro grande classico, sai facile de coltivar, el fa tuto lui praticamente. Anche lui ga mile usi, come condimenti, per infusi e per grapete. Eco, mediamente le aromatiche, se no savè cossa farne, podè sicuro trovar la riceta per la relativa grapa/liquor/roba de petessoni.
  • Timo limone: varietà del timo un poco più giala un poco più bela e col profumo che sa de limon. Mi lo uso per la carnaza.
  • Santoreggia: sai facile de far cresser, anzi xe propio infestante quasi. La ghe piasi sai ale cicaline purtropo, quindi sarà un poco una guera per evitar che ve la rovini. Se pol usarla per un bonissimo liquor ala santoreggia o se pol anche diretamente meter un poca in una boza de aqua fresca per aromatizarla (ma senza lassarla là più de un giorno).
  • Prezemolo: no pol mancar. Nel mio orto strafanic no el xe mai stado particolarmente fortunado però, quindi son ancora in fase de sperimentazion. Supongo che no el gradissi el tropo sol.
  • Elicriso: Xe quela specie de rosmarin (sai circa) de un verde un poco più scolorido. Grande classico co andè in vacanza a Cherso, Lussin, in Istria, insoma un poco in tuto el Carso mediteraneo. A cossa el servi? A farve sentir in vacanza. Oviamente se pol far come al solito liquori/grapete ma ga anche un uso notevole in erboristeria.
    Mi lo tegno principalmente perchè ga un bel color che ben se integra coi altri 😀
  • Basilico viola: eco un altro che tegno solo per el color e perchè el xe sai bel. El xe sai rognoso de piantar, un poco come el basilico. Ma co el supera la fase “muleto”, el diventa propio un bel putel.
  • Melissa: xe infestante, per cui la vien su senza alcun problema. La ga un bonissimo odor e come la santoreggia se la pol meter dentro l’aqua fresca per darghe el classico gusto de “caramella Ricola alla Melissa/Limoncella”. No pol mancar oviamente anche el liquor ala melissa.
  • Menta: ocio che ghe ne xe de tante varietà. Xe infestante anche questa, quindi doverè bazilar un poco a controlar che le radisi no ve colonizi tuti i spazi dele altre aromatiche, che un poco se la podessi ciapar. La menta fa oviamente vegnir subito in mente la parola mojito.
  • Lauro/Laverno/Lavarno/Alloro: no ve lo caverè più dale scatole. E ocio che potenzialmente diventa un albero de 5 e passa metri. A cossa servi? Per far le corone per le lauree. Bon, se usa oviamente anche nei arosti.
  • Origano: anche questo vien su sai facile. Poi podè farlo secar e usarlo per condir i sughi.

E po bon. Queste xe le aromatiche che go mi e che pol star tranquilamente insieme. No xe sai de bazilar perchè (escluso el basilico e el prezemolo) bevi tute sai poco. Disemo pur che praticamente lasso che le bagni la piova coi sui ritmi. Xe giusto de controlarle un poco che no le se cressi tropo una sora l’altra e de taiarghe i fiori a quele che volè usar invece per le foie (basilico in primis). Altrimenti lore le se concentra sul far i fiori e le foi resta stitiche. Ma se le gavè piantade più per bel veder che per altro, alora lassè pur anche qualche fiorelin, in particolare quei del basilico viola xe sai bei. E ghe piasi anche ale api, che servi anche per el resto del’orto.

Tag: , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.