4 Marzo 2020

La banca dei zingani: anteprima da “I soliti veceti”

el sunto Oggi alle 18.30 la presentazione de "I soliti veceti", esordio letterario di Raimondo Cappai e Paolo Stanese, al buffet da Roby in via torrebianca 32

Mercoledì 4 marzo alle 18.30 presso il buffeto da Roby in via Torrebianca 32 ci sarà la presentazione ufficiale de “I soliti veceti”, di Raimondo Cappai e Paolo Stanese. La storia di una banda di cinque in… soliti sospetti.
Ecco un’anteprima tratta dal libro!
Il libro si trova già in libreria, nei negozi di souvenir e online.

LA BANCA DEI ZINGANI

“Ou! Calimero, dei, conta dei zingani!” ziga Toio za alegro.
Calimero, che no gaveva più el cascheto de cavei neri come de picio e gaveva el muso pien de rughe per i ani passadi con suo pare in mar (el papà de Silvano e Ricky iera ‘Adriano re dei mari’ che ghe gaveva lassado in eredità la barca de pesca) taca a contar: “Ah, i zingani, che bel, quanti bori…”, con una man sula fronte e i oci rivolti al sofito.
A dirla tuta, Michele no iera propio contento de star là in pie, al fredo, in via Carducci a scoltar un’altra storia zucada per i cavei da quei veci zigaloni. I lo gaveva apena masinado in questura con un milion de domande. El iera stanco e no ghe piaseva star in pie. Ma el doveva resister, che in mezo a quele maldobrie se trovava sempre qualche notizia interessante sconta tra i detagli.
“Me ricordo che tuto ga cominciado quel bel giorno, oh sì signori, iera propio un bel giorno, che davanti la stazion dei treni iera ulmo de taxi e la municipale me ga scazado via perchè iero in mezo ala strada col mio taxi. Iero l’ultimo dela fila, e se capissi, anche là i me ga tratado de Calimero!”
Beveva e contava, contava e beveva. Ricky iera più bravo de una putela del nuoto sincronizà co iera de gestir la respirazion tra i biceri e le panzane.
“E lora son ‘ndado in quel budel de strada che xe via Flavio Gioia, che se desso ve par mal, no savè cossa iera nei ani Setanta quando che i Jughi lassava per tera tute le scovaze de Ponterosso: scatole de scarpe, borse de nailon, cartaze, per non dir de pezo. E insoma, son là che zerco de ingrumar qualchedun che per sbaio no xe andado drito per l’uscita prinzipale e eco che riva tre zingane bele in carne, carighe de borse, coverte con le solite straze colorade e con el feciau sul cogon.”
“Feciau?” domanda Michele.
“Fazoleto, in testa” ghe rispondi ‘el Caval’ che conossi ben le parole misciade de suo fradel.
“Insoma, le iera conzade come le mussulmane de ogi dei…” continua Ricky per taiar curto.
“Beh, insoma, le babe mussulmane lo fa per rispeto de Dio” disi Michele in automatico.
“E lore inveze le se vestiva cussì per sconder le forme e confonderse tra de lore, va ben?” disi Calimero picado per le continue interuzioni e zonta: “Una volta, in Coop, go visto una de lore ingrumar con una sola man tre cartoni de un litro de late. Ancora me ricordo la marca, iera Ala Zugnano! Tic tac, in un secondo, con l’altro brazo in gesso, la ga cazado tre litri de late soto la cotola. Con una man!!!”
Michele volessi dirghe a Ricky che la marca de late no iera Zugnano ma Zingnago, ma ghe seca interomper de novo e alora el se tapa la boca.
“E insoma, le monta de drio tute e tre, meno mal che la mia FIAT 125 iera bela larga!”
E tuti i veci zo a rider.
“Una de lore me parla e me disi solo: ‘Zagreb’. Zagabria, insoma, in tanta mona zo in Jugo, te capissi? Alora per mandarle fora de l’auto sparo alto, ciò. Trezento carte, ghe digo. Iera come mezo mese de lavor, per mi. Le tre babe le cominza a parlar tra de lore e a ravanar soto le cotole e spunta come per magia trezento carte in man!”
“Te se rendi conto?” ziga Toio tuto rosso in viso, che co senti parlar de soldi facili, se impiza tuto.
“Ciò, a sto punto me toca. Fazo el pien in Cortemagiore e andemo zo a Zagabria, tuto lisso come l’oio. Lore contente le me domanda el numero de telefono per ciamarme de novo. E insoma, in quatro e quatro oto, divento ‘Calimero amico dei zingani’. Tuti i coleghi me cioleva pel cul! I me vedeva con sta zente in auto e i rideva… sti poveri mone, che no saveva che ogni giorno fazevo con una sola corsa anca venti volte una intiera zornada de lori!”
Riva la pausa sbecolez, e mentre i veci se incocona come colombi, Ricky se senti in dover de continuar con le tartine in boca: “Iero l’autista fidado dei zingani. Però no iera vera fiducia, sa? Iera solo pati ciari e amicizia longa.” A quel punto el vecio se sofiga con una tartina e zerca de mazarla col bever. Ghe ne aprofita ‘el Caval’, che ghe ziga: “Contighe dela banca dei zingani!”
“Ah, la banca…”
Michele trova un scagno per meterse comodo, el capissi che la storia no sarà curta.
“Dopo un pochi de ani che fazevo bei soldi coi zingani, che se moveva solo in taxi per no esser perquisidi, perchè el taxi xe un servizio publico ma in proprietà privata e ghe vol el mandato, tre omini e do babe me domanda se posso portarli a Beograd. E là son andado pesante, muli. Un milion e dozentomila lire per ogni taxi. Do taxi. L’altro iera Silvano che go spaciado per un altro tassista e che disemo el ga ciolto in prestito l’auto de un colega vero che me stava un poco sui corni.”
“Gavevi le ciave?”
“Ma cossa ciave? La 128 se verzeva con un per de forbici de eletricista, te scherzi?” disi ‘el Caval’ seren.
“E insoma,” continua suo fradel Ricky, “partimo per le nove de matina e tra strade de una volta e pause, per farla facile, rivemo a destinazion ale do de note. Solo che no xe nissun. Andadi via tuti! Raus! Rulot, auti, tende, tuto. Solo le scovaze nel prà xe rimaste. Alora i ne domanda de trovar una cabina. Ciò, te dovevi veder, i butava dinari in quel telefono come in una slot de Sezana! Telefona che te telefona, ciama che te ciama, i intendi che la carovana se ga spostado altri dozento chilometri più in zo.”
“Praticamente in Albania!” disi Michele.
“Bah, disemo un posto imbusado tra Montenegro e Kosovo, che a l’epoca iera solo che pochi contadini e qualche cavra. E soratuto iera ancora tuta Jugo.”
“E sè andadi?”
“Lori ne ga domandado de portarli ancora più zo ma noi, che ierimo driti e gavevimo sempre fame, ghe gavemo dito che i ne doveva pagar el dopio o gnente!”
“Moralmente inecepibile” taca a comentar Massimiliano, ‘el maestro’.
“Ah, vara, gnanca per cul. Se iera per mi, li lassavo là a magnar l’erba del prà. Fato sta che i ga fato la solita scena de disperazion butandose per tera e pianzendo e giurando che i ne gavessi pagado. Ma mi e Silvano conosevimo ben i nostri dindi: o te se fa pagar prima dai zingani o te son ciavado in partenza!”
E tuti taca a rider de novo.
“I torna de novo al telefono e buta zo un altro sacheto de monedine e ala fine i ne disi che va ben, ma che dovemo prima passar in banca. Iera le tre de matina, che banca te vol che sia verta a quela ora? Ma lori ne disi de fidarse. Ne fa guidar per meza ora in pice stradine nei boschi a sud de Belgrado. El più vecio de lori, gaverà gavudo sessanta ani, me disi de ralentar a un zerto punto. El se buta in avanti e scominza a vardar in su co la boca verta. Mi no capisso ma, come che disi lui, vado avanti pian a dieci a l’ora fin che el me disi ‘Alt!’. Me fermo e lui scampa in tel bosco. Dopo meza ora el torna con do milioni e quatrozentomilalire, e digo lire! No marchi o dinari. Me li poza in man. Sporchi de tera. Chissà in che buso segreto i iera soteradi. E cussì, con Silvano gavemo capido cossa che xe la banca dei zingani. Sachi de plastica imbusadi in bidoni sconti soto tera nei boschi che lori trova vardando i rami dei alberi più grossi… te capissi? I ga una mapa in testa dei rami e cussì i trova i posti.”
“Bidoni coi soldi, che roba ah!” disi Michele, pensando al vecio che se orienta coi rami.

Tag: .

2 commenti a La banca dei zingani: anteprima da “I soliti veceti”

  1. Avatar Franco

    Già comprato e letto. E commentato su Goodreads.
    Piacevole lettura.

  2. Grazie Franco! Vado a leggermi la recensione 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.