Foto di ForumTrieste
27 Ottobre 2019

Il ritorno del tram di Opicina: la provi in Friul

el sunto Mercoledì 30 ottobre alle 11 al Teatro Miela la presentazione de"Le disgrazie del tran de Opcina", ambientato in una futura Trieste friulana

Tran de Opcina: approfittiamo della notizia di oggi dell’arrivo delle traversine (dele sine, insoma) e dell’imminente (forse) avvio dei lavori per la messa in posa delle stesse e quindi il ritorno del tram vero e proprio previsto (forse) per l’estate 2020, per dare invece la notizia di un ritorno certo:

Le disgrazie del tran de Opcina, dopo esser stato presentato a Opicina il 4 ottobre, sarà presentato anche in centro a Trieste durante il festival della Fantascienza (e altro no podeva esser).
L’appuntamento è per mercoledì 30 ottobre alle ore 11 presso il ridotto del Teatro Miela, con l’autore Diego Manna e l’astrocicloviaggiatore Ivan Lo Vullo.
Il libro di trova già in tutte le librerie e negozi di souvenir più boba nonché online.

Questa la sinossi del libro: Trieste, 2052. La zità xe controlada dal COFE, Centro Operativo per la Friulana Egemonia, che pian pianin ga conquistado un poco tuta la region. Una dele prime robe che el ga fato xe stà vietar el capo in b, el spritz bianco, el teran e adiritura proibirghe ai fioi de parlar in triestin. El tran de Opcina, un tempo tanto cocolado, xe stado inveze trasformado in un barachin per petessoni al’Obelisco.L’unico in grado de tegnirghe testa al COFE saria el MONA, el Movimento Organizzato per la Nazione Alabardata, ma de tanti ani ormai no se sa più niente de lui.Ma propio quando tuti par ormai gaver perso le speranze, e el Podestà Furio Teimbiavo e la sua vice Chanel Nacici xe adiritura colaborazionisti dei furlani, eco che salta fora l’inimaginabile.Zinque muleti dela Scola Elementare James Joyce, durante l’ora de frico e cotecio, i scoprirà un’antica profezia che li catapulterà in una corsa incredibile contro el tempo, tra sfingi ciacolone, ristoranti McFrico’s de lusso, clanfe moleste e una zaia de veci insempiadi. Inseguidi dai maestri Loris Mandi e Gianni Bastonich, dai agenti Copotutti e Xeciodi e dal Podestà e la sua vice in persona, i doverà adiritura passar per l’inferno triestin, coi sui temibili gironi dela bora, dele bobe e dele comesse ranzide. Ghe la farà i nostri zinque eroi a ristabilir l’equilibrio nel’eterna sfida tra MONA e COFE?

Qua la bella recensione di Davide Stanic.

E qua un poche de monade in anteprima 🙂

tran de opcina 2 tran de opcina 3 tran de opcina tran de opcina

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.