21 Ottobre 2019

Nuovo Cine Swarovsky: el paradiso del triestin

el sunto Nuovo Cine Swarovsky: due ore di divertimento, musica, curiosità e ricerca, con gran coinvolgimento del pubblico in sala

Ghe xe do modi de salvaguardar e promuover el triestin:

Uno xe ciacolando e discutendo, de solito in italian, sul fato che no xe più el triestin de una volta, i fioi lo dopra sempre de meno, e co i lo dopra i lo missia col talian, e lora forsi a sto punto xe meo gnanca no parlar più in triestin perchè te ris’ci de rovinarlo e piutosto che far mal meo no far.

El secondo inveze xe ciacolar de meno sul’oportunità o meno de doprarlo e… doprarlo, nela vita de ogni giorno e nele propie iniziative e spetacoli, che xe el più bel modo de tegnirlo vivo.

Va ben, no xe vero che xe solo sti do modi, xe una banale generalizazion e in mezo ghe xe almeno 50 sfumature de nero (el cafè, no el color), ma me pareva un bel incipit (incipit, giusto per sporcar el triestin e far rabiar i puristi del’academia del kruskovac) per contarve del spetacolo de Davide Calabrese e anca una bona scusa per scriver sto toco in triestin.

Nuovo Cine Swarovsky conta la storia de una compagnia de teatro che se ritrova de un giorno al’altro con la possibilità de ciapar fondi per la tutela del dialeto, con la condizion però de inventarse un spetacolo in poche ore. Cussì partirà la costruzion dela storia, con el publico che sarà fato partecipe de diverse scelte, a partir del titolo del spetacolo stesso, dei nomi dei protagonisti (imancabili Toio, Jure, Jole, Svetlana…) e anche del tirar fora diverse parole triestine (panariz, cocal, bobici, cucherle) che dopo vegnirà inseride a sorpresa nel copion grazie ale notevoli capacità de improvisazion dei atori (sula cui bravura penso che nissun gaveva dubi). El bel de sto viz xe che co vien fora quela parola, tuto se ferma, e Leonardo Zannier, che ga el ruolo del presentator de tuto l’ambaradan -sia del spetacolo vero che del spetacolo nel spetacolo-, el legi significato e esempi de frasi costruide con quela parola. Insoma se torna al punto uno: sto qua xe un modo sai sgaio de doprar el triestin, de far divertir la gente in triestin, e nel stesso momento de aprofondir qualche parola che magari i più giovani podessi gaver perso.

A tuto sto bel lavor, se zonta la particolarità dela scelta dele musiche. A farghe da colona sonora a Nuovo Cine Swarovsky xe infati le canzoni dei Sardoni Barcolani Vivi, che ciapa cussì un importante riconoscimento per i dieci (o diese, come che volè) ani de storia dela clapa. Periodo in cui i ga fato vegnir fora la beleza de zinque album, che, a parer mio ma a ocio diria anche del regista Davide Calabrese, sta segnando in maniera significativa la storia dela canzon popolare triestina. E in futuro mi no me stupiria de sentirle sonade in osmiza, tra un finanziere e un tran de Opcina.
Anche sta scelta secondo mi ga un significato notevole: trope volte se senti dir che “no xe più le canzoni de una volta”. In realtà, a vardarse ben in giro, la canzon popolare triestina sta benissimo, e oltre ai Sardoni Barcolani Vivi se pol tranquilamente zontar i nomi de Andrea Bussani, Maxino, Beps, Toni Bruna, solo per dirne qualchidun e dimenticarne altri che speremo no se ofenderà.
Doprar e ri-arangiar canzoni moderne xe sicuramente el più bel modo de sostener el triestin vardando avanti inveze che indrio, che xe sempre meo, perchè caminando per indrio se ris’cia de tombolarse.

Insoma, sicuramente un gran bel spetacolo che val la pena vardar e scoltar.
Un toco de segnalar? Ariella Reggio che descrivi el novo movimento che punta al’egemonia a Trieste: i veci. “Semo sempre de più, vivemo sempre de più!”
A Trieste, a vardar i nostri “veci”, diria che no ghe xe alcun dubio che tuti no vedemo l’ora de diventar come lori.

Le prossime date xe (sempre al Bobbio):

lunedì 21, ore 20:30
martedì 22, ore 16:30
mercoledì 23, ore 20:30
venerdì 25, ore 20:30*
sabato 26, ore 20:30*
domenica 27, ore 16:30*
martedì 29, ore 20:30*
mercoledì 30, ore 20:30*
giovedì 31, ore 20:30*
*repliche fuori abbonamento

Maggiori informazioni e prenotazioni sul sito de La Contrada.

P.s. “Ma perchè te ga scrito sto toco in triestin? Ghe xe almeno un per de erori e de parole taliane triestinizade. No iera meo scriver diretamente par talian? Piutosto che far mal, meo no far!
😛

Tag: .

2 commenti a Nuovo Cine Swarovsky: el paradiso del triestin

  1. Avatar Ariella Reggio

    Bravissimo Diego Manna e grazieeee

  2. Avatar lia Narduzzi

    Chi che ga scrito xe sai sgaio,xe vero che miscemo tuto anche qualche parola de oltre confin tuto fa sbicia nel nostro triestin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.