9 Giugno 2016

Scriver in triestin: i segni de acento

el sunto L'uso degli accenti nel dialetto triestino, nelle sue differenze con la lingua italiana

Le puntate precedenti:
1. Introduzion
2. l’alfabeto
3. la x
4. la h
5. le dopie
6. la zeta
7. L’apostrofo nei suoni
8. L’apostrofo in punteggiatura
9. L’apostrofo in final de parola
10. Gli errori nell’uso dell’apostrofo
11. L’aferesi

E vignimo ai acenti: anzi, ai segni de acento – perchè l’acento xe de la parola parlada, e ‘l segno de acento de la parola scrita.

Prima de tuto, però, ciarimo ancora una volta: le regole – o meo le costanti spontanee – non pol esser altro che quele del triestin stesso. Le regole grafiche, inveze, no pol esser altro che quele de l’italian – aplicade a l’esigenze de le parole triestine, naturalmente – se se vol che la gente legi e capissi facilmente. E questo, torno a dir, xe cussì perchè noi imparemo a leger su testi in italian. Che nissun se iludi che la facilità che se ga e la comprension che se otien scrivendo a la pacianca – come che se vedi sui forum o sui blog de internet – se le otignissi anche scrivendo un libro o dei articoli. Chi che scrivi solo che a modo suo, o senza regola, forsi su’ mama lo legerà, ma za su’ molie o su’ marì storzerà el muso. Per no parlar po de la dificoltà che gavessi i grafici, i coretori de boze a starghe drio, nel caso che el se metessi in testa de doprar letere, segni e segneti de vario tipo. Resta comunque el fato che le regole grafiche xe quele de l’italian fin ‘ndove che el triestin coincidi col’italian; là indove che inveze el triestin ga esigenze in comun col venezian – o tuto al più solo che sue – bisogna adotar quele tradizionali del venezian o, nel secondo caso, fabricarsele seguindo la logica, la coerenza, l’economia ec.

In comun col’italian el triestin ga el fato che el segno de acento va solo che su le vocali in fin de parola. Del tuto inutile xe acentar la vocal de la silaba final se la se seguida de una consonante. E perciò gnente paròn, petès, baùl, perchè senò se dovessi scriver anche savèr, magnàr, cortèl, savòn ec. Ecezionalmente se lo meti su qualche parola che tuti sbaglia e che se voleria che la fussi pronunciada giusta, come Via Tigòr (inveze che via Tìgor), te se cincìni (inveze che te se cìncini), Cedàs (inveze de Cèdas) ec.; opur – se propio se vol – su un polissilabo che senza segno de acento risulteria scrito preciso de un altro (àncora/ancora, prìncipi/principi, cònsoli/consoli).

In comun col’italian el triestin ga, oviamente, el segno de acento sui polissilabi che termina in vocal tonica (zità, troverò, però, magnarè, imbambinì). Unica diferenza sta nel fato che su la e final acentada l’italian pol gaver o un segno de acento grave (è, cioè, Noè, tè ec.) per la e ‘verta, o un acuto (trentatré, poté, perché, ec.) per la e serada; el triestin, inveze, ga sempre el segno grave (savè, volè, perchè, stè ec.) perchè la e final in triestin xe sempre ‘verta.

Un bon numero de ‘sti polissilabi xe fruto de troncamenti. Presempio andà de andado, avù de avudo, indò de indove ec.; e qua bisogna ricordar che, se el polissilabo, dopo gaver subì un troncamento de una intiera silaba, el resta polissilabo e ‘l finissi in vocal tonica, no ‘l porta apostrofo, ma segno de acento (es. insempiado fa insempià, cusido fa cusì, vissudo fa vissù ec.). E questo val per el triestin come per l’italian che de virtute in antico el ga fato virtù, de libertade el ga fato libertà, de cittade el ga fato città. Ma, se inveze de restar polissilabo el diventa monossilabo, el porta apostrofo (es. in italian: poco fa po’, modo fa mo’, prato fa pra’, frate fa fra’; in triestin frate fa fra’, dove fa do’, stado fa sta’, dado fa da’). Stà, , e, imperativi dei verbi star, far, dar e andar, no gavendo subì nissun troncamento, i ga el segno de acento, indove che in italian i imperativi sta’, da’, e fa’ e va’ ga l’apostrofo, perchè xe troncamenti silabaci de stai, dai, vai e fai.

Come che se vedi de questi esempi, dunque, i participi passati triestini sta’ e da’ xe i unici do participi passati troncai che no porta segno de acento; e questo perchè xe i unici participi passati che, per troncamento, de polissilabi che i iera, i xe passai a monossilabi. Ecezion nel’ecezion xe i monossilabi che deriva de polissilabi aferetici con vocal final tonica (es. ‘ndà, ‘vù, ‘ndò); qua el segno de acento se lo meti lostesso per ricordar che la parola intiera xe un regolare polissilabo (andà, avù, indò) con vocal final tonica che porta el suo bravo segno de acento.

Nereo Zeper

Tag: , .

Un commento a Scriver in triestin: i segni de acento

  1. Giuliana Cavaggioni ha detto:

    ‘ssai interesante sior Zeper, per noi che stemo fora de tanti ani po’ ‘ncora de più, che co torno a Trieste me par che i parli tuto altro de quel che parlavimo noi zinquanta ani fa. A coleghi che lavora là ghe go dito “se vedemo in Acquedoto” e nisun saveva dove che iera. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *