19 Maggio 2014

La divina commedia in triestino

el sunto La divina commedia tradotta in triestino. E' l'idea di Nereo Zeper, studioso e massimo esperto del dialetto giuliano

divina commedia triestino

Tradurre la Divina Commedia di Dante Alighieri in dialetto triestino non è certamente un’operazione semplice, sia per lo spessore fisico che per quello culturale dell’opera. Ci ha pensato Nereo Zeper, probabilmente il maggior esperto vivente di dialetto triestino, pubblicando al momento la versione dialettale dell’Inferno e del Purgatorio.

La Divina Commedia in triestino si può trovare in tutte le librerie di Trieste e su Botega.La, il negozio online di libri triestini.

Certo Dante aveva a disposizione il toscano, lingua quant’altre mai ricca ed espressiva, e il traduttore di questo Purgatorio ha un triestino che è povero sia quanto al lessico sia quanto alla sintassi (pensiamo solo alla mancanza di pronomi relativi che non siano il misero che). Ciò nonostante lo sforzo di nobilitarlo è stato compiuto e il campo semantico di tante voci – che al lettore non possono non suggerire ancora il tono greve dei parlanti più beceri – è stato allargato.

Forse questo lavoro non è che un tentativo di elevare il tono del triestino, forse è solo una prima spinta, ma il dialetto ha un disperato bisogno di recuperare la stima dei triestini – stima che un tempo aveva anche tra le persone colte – e di uscire dal campo ristretto del comico o peggio della canzonaccia da osteria. Ha bisogno d’amore e di fantasia e di parlanti che posseggano l’orgoglio di farlo sentire. E di scrittori che abbiano la faccia tosta di impiegarlo.

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.