5 Aprile 2014

Andar per cinema a Gorizia: ricordo di Macedonio

el sunto Pubblichiamo l'incipit di un'altra testimonianza su Francesco Macedonio, tratta dal blog di Gorizia Piazza Traunik.

ndr. Pubblichiamo l’incipit di un’altra testimonianza su Francesco Macedonio, tratta dal blog Piazza Traunik.  Ne aveva già scritto Paolo Stanese qui

Andar per cinema a Gorizia: ricordo di Macedonio

L’ artista e amico

di Nereo Battello

Ricordare Macedonio mi riporta agli anni 1945, all’immediato dopoguerra a Gorizia, alla sua abitazione in Piazzutta, ai film visti e discussi allora (si rammenti che a Gorizia sotto l’occupazione tedesca i cinema proiettavano – oltre alla produzione italiana: “Ossessione” di Visconti, per esempio, lo vedemmo al cinema Verdi – i film tedeschi, anche sottotitolati, e quelli francesi di Vichy. Finita la guerra, sopravvenuto il Governo militare alleato, vedemmo al cinema la produzione americana e i film neorealisti di Rossellini, De Sica, De Santis, Lattuada, Vergano soprattutto). Ci scambiavamo i (pochi) libri che riuscivamo ad acquistare: ricordo l’antologia di Gerardo Guerrrieri “Palcoscenico di Broadway” edizioni OET – Roma 1945. Macedonio lo utilizzò per le prime regie del “Piccolo” e ciò “Hello di fuori” di Saroyan e “In attesa di Lefty” di Clifford Odets. Ricordo anche, mai però messa in scena, “La puteine respectueuse” di Sartre acquistato da Paternolli nel 1947 ed altri testi teatrali nonché, dal 1948 in poi, la rivista “Cinema” nella sua nuova serie, i costosi volumi di “Bianco e Nero” e più avanti la rivista “Sipario”.

Continua a leggere sul blog Piazza Traunik

Tag: , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.