22 Dicembre 2013

La Pallacanestro Trieste cede in casa a GZC Varoli

Nessun regalo di Natale della Pallacanestro Trieste ai suoi tifosi. La compagine di coach Dalmasson cede in casa per 62-74 contro la GZC Varoli. A niente vale l’ottima prestazione di Ryan Hoover (13 punti, 4 assist, 3 palle rubate) che nel secondo quarto con 8 punti in due minuti era riuscito a riportare Trieste in partita.

Pur avendo degli ottimi giocatori, ciò che sembra mancare alla Pallacanestro Trieste è un vero e proprio leader e cecchino “infallibile” capace di trascinare la squadra per buona parte della partita. Non bastano un Ruzzier, talento dalle più rose previsioni (“meglio del sedicenne Cavaliero di quindici anni fa” dicono i pro) e idolo indiscusso del pubblico di casa (soprattutto dei bambini), che dimostra un andamento altalenante in campo o i sempreverdi Carrà e Hoover che con i loro tiri impossibili hanno tenuto a galla Trieste per buona parte della partita.

Sembra poi incredibile come a metà campionato Trieste non abbia alcun sponsor sulle maglie da gioco che porterebbe un minimo  di liquidità nelle casse della società.

Menzione a parte meritano le (sconvolgenti) offese razziste all’indirizzo di alcuni giocatori neri della squadra di Varoli degne dei “migliori” stadi di calcio italiani provenienti da una sparuta minoranza di tifosi triestini.

Tag: , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.