17 Novembre 2013

La manifestazione contro il CIE del 16 novembre finisce con i fuochi d’artificio

Non è stata una festa, ma neanche una processione, certamente le attese per la
manifestazione del 16 novembre erano tante, meno le persone che hanno partecipato.
Vi erano diverse organizzazioni sociali, politiche, individualità, varie soggettività, ma per quello che ho potuto vedere poche le persone slegate dalle organizzazioni, poca la cittadinanza. Sarà per il fatto che si è abituati a perdere, sarà per il fatto che regna il disfattismo, oggi doveva essere una giornata dalla risposta collettiva condivisa per dire, come è stato scritto sui muri del CIE, ed in alcuni striscioni, mai più CIE.
Il destino di quello di Gradisca è sospeso tra la riconversione in toto in CARA, in ristrutturazione e poi riapertura del CIE oppure semplicemente in chiusura definitiva, soluzione a cui oggi credono in pochi, ma mai disperare. Un destino sospeso così come sospesa è la condizione di centinaia di migranti, la democrazia e la tutela dei diritti umani in questi centri ove la dignità non è e non potrà mai essere di casa.
Si parte dal centro di Gradisca, dopo aver calato dall’alto di una gru un striscione con scritto basta CIE, si percorrerà il lungo vialone che ti condurrà innanzi a quella struttura che sarà letteralmente protetta da un numero consistente di forze dell’ordine.

Non si riscriverà più la parola libertà, ma mai più CIE, sul muro di quel lager.

Nel bel mezzo della strada, che separa la campagna dominata dalla luna piena, ed il muro che ha imprigionato sentimenti umani, verranno collocate delle reti metalliche con esposte alcune foto di migranti in cerca di libertà.

Ed il tutto terminerà con dei fuochi d’artificio sparati sul tetto del CIE.

Color rosso, poi arancio, poi fumo e nuovamente notte.


Il corteo ritornerà al centro di Gradisca.
La polizia rimuoverà la mostra dalla strada.
E domani sarà quel che sarà.
Tra azioni creative, comunicazioni variegate, fuochi d’artificio, chiusura temporanea(?) del CIE, e scarsa partecipazione della cittadinanza, buona quella delle organizzazioni che hanno indetto la manifestazione rilevata la concomitanza di altre iniziative nazionali, come la marcia No Tav o quella nella terra dei fuochi, insomma tuto ben quel che finisi ben, per adeso.

Marco Barone  

Tag: , .

6 commenti a La manifestazione contro il CIE del 16 novembre finisce con i fuochi d’artificio

  1. Avatar John Remada

    Per una volta siamo d’accordo barone,siete abituati a perdere e a prenderle,aggiungo…

  2. Avatar alpino

    “…esposte alcune foto di migranti in cerca di libertà” Un giovane Kabobo che sorride al suo nuovo piccone..

  3. Avatar Fiora

    un po’ a tarallucci e vino sta manifestazione, con rispetto parlando?!

  4. Avatar John Remada

    Ma certo,neanche loro ci credono,visto che i fatti li smentiscono,poi con tutte le frasche della zona che facevano da sirene….in compenso a Monfalcone qualche guerrigliero ha imbrattato la sede della lega con vernice rossa e scritte varie…roba di poco conto,direi….

  5. Avatar Kaiokasin

    # 3 Se ci sono incidenti (di solito “chi sburta di più” tra alcuni manifestanti e i poliziotti schierati) sono violenti, e gli organi di informazione danno grande spazio, per la felicità dei violenti e delle forze dell’ordine. Se va tutti liscio si dice che va a “tarallucci e vino”. Che si deve fare?
    Penso che far chiudere un CIE non serva a niente, bisogna riformare l’intero sistema dell’immigrazione (ma chi, Letta?).

  6. Avatar Fiora

    @5
    “Penso che far chiudere un CIE non serva a niente, bisogna riformare l’intero sistema dell’immigrazione”
    Altroché Kaiok.! non v’è dubbio e farne anche una questione condivisa con tutti i paesi dell’U.E.con oneri proporzionati e regole uguali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.