18 Settembre 2013

Lussinpiccolo: incontro dei responsabili dell’ITAL – UIL

Si sono incontrati martedì mattina a Lussinpiccolo i responsabili della circoscrizione estero dell’ITAL- UIL per coordinare l’assistenza a tutti i pensionati residenti nelle isole di Lussino e Cherso. Ester Sau coordinatore regionale ITAL – UIL FVG ha messo in luce come da alcuni anni l’ ITAL UIL – con la collaborazione dell’associazionismo italiano e delle organizzazioni sindacali locali legate alla UIL da una comune adesione ad organismi internazionali, ha ampliato nel mondo la sua presenza arrivando, oggi, ad avere ben 287 sedi tra uffici operativi e recapiti anche nelle zone pit periferiche ove sono presenti collettivita’ italiane importanti al fine di poter garantire una tutela al maggior numero di nostri connazionali emigrati. La responsabile per l’estero Gabriella De Caro dopo aver evidenziato l’ottimo andamento delle pratiche relative alla campagna dei RED 2013 nelle isole di Lussino e Cherso, ha rilevato lo sforzo organizzativo – sostenuto sostenuto dalla UIL, dalla UILP, dalla UIL Scuola Estero, dal CAF e dalla UIM -per garantire alle cornuniti italiane all’estero anche tutta una serie di nuovi servizi come, per esempio, in ambito fiscale.
Uno sforzo che, finalmente ha dato i suoi frutti visto che l’ ITAL UIL e’ risultato nel 2012 il primo dei patronati italiani per volume di attivita’ nel mondo. Il consigliere regionale FVG della UILP (Unione italiana lavoratori pensionati) e rappresentante isolano della UIM Mariano L. Cherubini ha messo invece in risalto l’assistenza degli operatori che con il loro lavoro quotidiano in difesa dei diritti degli italiani all’estero, nell’esplicito caso in Croazia, hanno consentito di raggiungere questo importante risultato. Un risultato che sara’ di sprone per tutta l’organizzazione a continuare anche in futuro in questo impegno a favore delle collettivita’ italiane emigrate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.