8 Luglio 2013

Quando la Galina con do teste zogava a Sesa Color

Più riguardo a Polska... rivemo!Bon dei, a quasi due mesi dela publicazion de Polska… rivemo!, libro mio e de Michele Zazzara che se trova nele librerie più bobe de Trieste (tute trane Giunti e Mondadori), eco in anteprima una seconda maldobria ciolta del libro, dopo quela dela Trieste furlana del futuro. Qua invece se parla del passato, quando soto la Galina con do teste se organizava adiritura una roba mitologica come:

EL TORNEO IMPERIALE DE SESA COLOR
Testo di Diego Manna, pupoli di Michele Zazzara

– Scolta Ciano, tuto sto parlar de colori me fa tornar in amente de quela volta che i fazeva i tornei de sesa color.
– Ah, me ricordo sì, che se zogava sempre in corte. “La sesa la ga el color… rosso!” e tuti a zercar qualcossa de rossoprima de esser ciapai! Desso i muleti gnanca no i saverà come che se zoga, figurite.
– Ma cossa in corte? Mi te parlo de robe serie, dei tornei del’impero austrungarico propio.
– Ah ah, ‘ssai bela questa! El torneo imperiale de sesa color! E mi te crederò anca!
– Bon, scolta, se desso i fa l’Olimpiade dele clanfe a mi propio no me par gnente de strano se dozento ani fa i fazeva
el quel de sesa color.
– In efeti, se te la meti cussì…
– Insoma, a quei tempi iera propio un evento importante, ghe iera anca l’imperator istesso lui medesimo a vardar. Se tegniva ogni quatro ani a Trencin, che desso xe in Slovacchia, rente dei monti Tatra, e ghe partecipava tuti i muleti che passava le selezioni, de tuto l’impero i rivava.
– Anca de Trieste?
– Anca, sì, mancassi altro. Dei, impignissime el bicer che te conto de quela volta che gaveva partecipà la picia Jole Kukich.
– Ciapa, no sia mai che te se sechi la lingua.
– Alora, Jole quela volta la gaverà gavù sì e no un oto ani. E la amava tuti i colori, fin de co che la iera nata. E insoma la iera là, a Trencin, in mezo a tute ste mulete.
– Ma cossa, mas’ci no iera? Solo mulete podeva partecipar?
– Eh, coss’te vol che te digo, i mas’ci se perdeva tuti ale qualificazioni. Sa come che xe ste robe, le babe ga una sensibilità ai colori più meo che noi. Quel che per noi xe rosso per lore xe carminio, cremisi, scarlato, malva, amaranto, amarantiga, porpora, porpurì, cossa casso so mi. E ‘lora i muleti mas’ci andava fora subito. Come primo color lore le ciamava el pisello. E là metà dei muleti tirava fora el cirulin perchè no i conosseva coss’che iera el verde pisello. E i vegniva eliminai. E dopo le ciamava el ciano che completava l’opera.
– Ciano? Qua son! E cossa centro mi? Che opera go de completar?
– Eco, apunto, te vedi che gnanca ti no te sa. Ciano el color, no Ciano el nome, moniga! E inveze i muleti cossa fazeva, i coreva in giro a domandarghe ala gente se i se ciamava Ciano, e i vegniva eliminai, se capissi. E inveze ciano xe una specie de azuro. Cioè, azuro xe, po’.
– Celeste, come?
– Ma sì, azuro o celeste o ciano cossa te vol che cambi. Solo che a sti tornei de sesa color i iera seri, no te podevi sgarar. E cussì in finale rivava solo che mulete. Solo una volta nela storia, propio l’edizion prima de quela de Jole, se gaveva qualificà anca un muleto, de Vienna, ma el gaveva perso propio in ultimo, co che i iera restai solo che in do. Una delusion che no te digo, povero putel, tanto che de quela volta el iera sparì e nissun lo gaveva mai più visto.
– Eh povero, el saria stado el primo mas’cio a vinzer, chissà che amareza ara!
– Va ben, no ga importanza. Insoma, speta che te conto ‘vanti de Jole. Alora, sto torneo imperiale se tegniva int’un
grando anfiteatro rente de un bosco. Una ala volta, le mulete andava in mezo e le ciamava un color a testa, le contava
fin diese e dopo le ghe coreva drio ale altre, che doveva scampar int’el bosco a zercar qualcossa del color giusto per
salvarse. La campionessa in carica ciamava per ultima.
– Ah, ma che bel che doveva esser ciò, emozionante squasi.
– Sì, sì, iera una roba ‘ssai sentida. L’anfiteatro iera sempre pien, iera ‘ssai publico che seguiva. Insoma, anca quela volta, dopo la cerimonia de apertura e el saluto al’imperator, el torneo ga finalmente scominzià. E subito Jole ga capì che là le mulete no scherzava. La prima ga ciamà el bistro e la seconda el celadon, e le ga fato strage.
– Ma cossa, bistro e celadon xe colori? Mi me par che le se li ga insognai de note.
– Bistro xe nero, celadon xe verde. O azuro. O ciano. Insoma, qualcossa de simile dei. E le mulete che ghe tocava dopo le ga ciamà robe ancora più dificili. Testa de moro, kaki e gainsboro.
– Parolaze ciò! Cussì, davanti del’imperator? Pice ma za senza un minimo de quel che se ciama!
– Ma moniga! Xe colori anca questi! Xe maron e do grigi. E el bel xe che sti colori qua li conosseva tute, gnanca una
no xe stada eliminada.
– Orco tron, iera proprio sgaie ste creature.
– Le più meo del’impero po’. E cussì le xe andade ‘vanti con l’ardesia, l’ecru, el nembo, el turchese perla mistica, el
pervinca, el tera de siena brustolada, el fucsia bordesto lilato, l’oro vivo smorto…
– Ma come oro vivo smorto ciò… xe vivo o xe smorto?
– E cossa te vol che te digo, cussì se ciama. Sarà zalo po’. Zaleto, femo. Sarà tipo color vin bianco, eco.
– Ah, bon, ciapa ancora un bicer de oro vivo alora, cussì dopo te sarà ti smorto.
– Che viz, ara, propio de pissarse indosso de rider. Bon, comunque, a un certo punto una xe stada adiritura eliminada
per mandato del’imperator.
– Remengo, e cossa la gaveva fato?
– La gaveva ciamà el color azuro savoia.
– Ancora ben che no i la ga impicada, povera stela!
– Te sa sì, no iera un bon periodo per ciamar quel color, ostregheta. I generali voleva adiritura processarla per alto
tradimento, ma ala fine i la ga lassada andar, con la promessa però che de quel zorno la se gavessi vestì sempre de zalo e nero.
– Polenta e sepe, i colori dei Asburgo, me par giusto! Bon, e el torneo come xe andà ‘vanti?
– Gnente, dopo le mulete che restava iera sempre de meno e i colori sempre più dificili. Cussì xe nati pupoli co che una ga ciamà el blu de prussia e un’altra ga capì blu de persia e una terza contrastava che quel che gaveva portà una
quarta iera blu comando stelare.
– Blu comando stelare…
– Esisti, esisti. Sarà blu po’, come i altri. E dopo xe nato el stesso casin tra el rosso pompeiano e el rosso veneziano, e tra l’ovo de petirosso e l’ovo de petirosso ciaro…
– Sì, e l’ovo de petirosso col scagot.
– No, quel no esisti. Bon, per farla curta, ala fine de tuto sto cinematografo le iera restade solo che in tre, tra cui Jole, e ghe tocava a ela ciamar. E dopo de ela, per ultima, gavessi ciamà la campionessa.
– In finalissima praticamente, brava Jole. E che color la ga ciamà?
– Un che ghe piaseva tanto a sua nona, che la gaveva un per de cotole cussì che la doprava ogni zorno. El verde pino
grigio.
– Orco bis’ci, verde o grigio?
– Eh, xe la stessa roba che se ga domandà la terza concorente. La campionessa xe stada brava e ga trovà subito, inveze
ela no la ghe vegniva fora e la xe corsa a domandarghe al pare, che iera sconto int’el bosco.
– Ah, un fufignez!
– Eh sì, no i gavessi lassà se i se gavessi inacorto. Fato sta che sto pare che ga dito che secondo lui la gaveva capì mal, e che Jole gaveva sicuro ciamà verde pinot grigio, e che quindi el verde iera quel dela boza de pinot grigio. E za che el ghe ne gaveva una là con lui, per slucar ogni tanto, el ghe la ga molada.
– E la ga salvada?
– No, el verde pino grigio xe una specie de blu in pratica. Insoma la xe stada eliminada po’, e le xe restade in do, Jole e la campionessa, con l’ultima ciamada.
– Ah che ben ara, tension ciò.
– Te sa sì. Alora la campionessa xe andada in mezo al’anfiteatro e la xe stada un poco in zito, cussì, per crear un pochetin de suspence, se capissi.
– Eh, za me vedo el clima che iera ciò, tuti cole rece spalancadeper scoltar. E cossa la ga ciamà?
– E insoma, dopo un do minuti de silenzio, la ga fato laciamada più dificile dela storia, che ancora desso i la nomina int’ei libri che parla de Trencin. Un color che nissun de lori gaveva mai inteso prima, solo i giudici più studiai, quei che saveva tuto de tuto el mondo, e che i se interogava de come che una muleta podessi conosser quel color. E come che la lo ga dito, cussì se ga sentì un “Ooooooooh!” del publico, che xe restado a boca verta, pareva squasi che la gavessi fato una striganza.
– Bon, che color la ga ciamà, dei che son curioso!
– La ga alzà la testa, la ga vardà l’imperator int’ei oci, e la ga zigà: “Panza de moniga!”
– Ooooooooh! Bon, però xe un color che se conossi, no?
– Sì, ben desso, ma a quei tempi nissun lo gaveva mai inteso, te go dito.
– E Jole cossa ga fato?
– Eh, Jole iera una muleta che no se dava per vinta, e alora per intanto la xe corsa come una mata int’el bosco per no
farse becar, e la ga scominzià a pensar a cossa che podeva esser quel color.
– Rosa po’!
– Te la fa facile ti. E po’, sa quanti rosa che esisti? El rosa palido, quel pastel, l’incarnato, el scuro, el shoking, el medio, el vivo, el rosso rosa, el salmon… miga la podeva butar a caso!
– Bon, la podeva zercar una moniga de qualche parte e farse mostrar la panza.
– Xe ulmo de monighe int’el bosco, vara, e no le speta altro che mostrarte la panza a ti. Lassemo star. Insoma, intanto
che la caminava, intanto che la studiava, intanto che la pensava a cossa far, la ga trovà una grota bastanza nascosta,
e la xe andada drento, per ciapar tempo stando in pase.
– Ma xe pericoloso, pol esserghe orsi drento!
– Per fortuna orsi no la ga trovà. Ma sa cossa la ga trovà?
– Una moniga!
– Sì, de clausura int’ela grota. Ma no dir monade sempre! La ga trovà un muleto, anzi, squasi un mulo ormai. E sa chi che iera?
– Ah, no digo più gnente, dopo te me disi che digo monade.
– Ma dei, no sta far cussì. Te digo mi chi che iera. Iera el muleto che gaveva perso la finalissima quatro ani prima.
– Là el iera? E cossa el fazeva?
– Dopo che el gaveva perso, el ghe iera restado cussì mal che el gaveva giurà che el gavessi trovà un modo per farghela
pagar a tuti e per vinzer lui. Alora cossa el gaveva fato: el iera restado là quatro ani int’ela grota a bazilar drio un aparechio ridutor de colori, aciò che in futuro no ghe sia tute ste monade de sfumature che solo le babe vedi, ma che tuto se possi divider in tre grandi categorie: bianco, nero e colorà.
– Ah, che bel ara. Za vedo: “La sesa la ga el color… colorà!”
– Za, un poco triste insoma. Ma ormai el iera squasi ala fine del suo lavoro, e se nissun lo fermava i colori iera destinai a diventar un tuto un.
– Ma sto aparechio come iera fato?
– No ga importanza. Sarà sta’ un aparechio, una diavoleria, un strolighezo, un masinin insoma dei, indiferente. Fato sta che Jole, che come te disevo amava tuti i colori fin de picia, co che la ga visto sta roba ghe xe vignuda la pele
de oca…
– … E la panza de moniga?
– No, quela no, se no la gavessi vinto facile. Insoma, ghe ga ciapà i zinque e la ghe ga rifilà un do piadoni int’el daur al mulo che gnanca Primo Carnera saria stado bon.
– Ma lui no tirava zauche?
– Ma bon, iera per dir che la lo ga tirà zo. Lopez, piadoni, papini, no ga importanza come. E la se lo ga strassinà fin
int’el’anfiteatro, per dirghe al’imperator cossa che el stava combinando e che iera de fermarlo subito. E propio co che
la iera in mezo de tuto el publico, la campionessa la ga becada.
– Uremenghis, che pegola ara. E bon dei, comunque la xe rivada seconda, me par ben.
– Seconda? Te sa perchè el panza de moniga se ciama cussì?
– Che monade, perchè le monighe xe sempre cola tunica e la panza no ghe ciapa mai sol.
– Ecolo. E secondo ti quanto sol gaveva ciapà el muleto a star quatro ani int’ela grota?
– Ah, te vol dir che la ga vinto?
– Eh sì ah, el muleto iera propio de color panza de moniga, pulito. E cussì la ga vinto po’. E no solo, l’imperator ghe ga da’ anca la medaia al valor, per via che la gaveva salvà i colori.
– Che onor ara, chissà che contenta che la iera!
– Te pol imaginarte! Co la xe tornada a Trieste i ghe ga fato una festa ‘ssai ma ‘ssai granda, la campionessa de sesa
color de tuto l’impero gavevimo!
– Che bei tempi ara che iera quei. Bon dei, dame el libro che legemo ‘vanti.

Ben bon, ricordeve che Polska… rivemo! xe in tute le librerie più bobe de Trieste al costo de 10 euri!
El xe anche su anobii, qua, se volè meter un comento.

Hai scritto qualcosa (o fatto foto, o video, o pupoli…) di divertente/ironico/satirico su Trieste, Gorizia e dintorni? Mandacelo al Quel dela Quela! Scrivi a manna@bora.la

Tag: , , , .

3 commenti a Quando la Galina con do teste zogava a Sesa Color

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.