23 Settembre 2012

Trieste-Krakow in bici 9: you’re Jure, festaza bruta tra streghe, vampiri e omini in mudande

Qua le puntate precedenti
As usual, foto bele de Marco Massimiliani. Quele brute xe mie. Forsi xe anche qualcheduna che ghe go fregà a Cionn. Bu.

Maldobrie. Una parola che fa subito vegnir in mente storiele divertenti, ambientade dele nostre parti, dove tante volte el ciapar fis’ci per fiaschi xe ala base de tuta una serie de situazioni memorabili. Tuti gaverà vissù la propia maldobria almeno una volta nela vita. Poi xe chi che fa colezion proprio, e ga sempre qualche storiela de contar. In serata, ospiti de Jure, o almeno cussì pensavimo, gaveremo la sensazion de viver in una maldobria. E un raconto in più de portarse a Trieste. Una maldobria de quele che inizia ben, ma che dopo xe de scampar, prima che finissi malamente. E visto che saremo proprio nel paese del castel de Nosferatu, xe el caso de corer più che te pol. Ma tanto ormai semo abituai a corer, in bici come a pie.
La colazion xe fissada per le 8. Se sveiemo. La mula però no xe ancora rivada, dovemo spetarla un poco. Ecola. Un’auto parchegia. Ad acompagnarla xe un mato, sul laido andante. El sparissi fora. Noi intanto se sentemo, la vien a cior le ordinazioni per la colazion. Femo el batudon: sete bire! La ridi. Semo contentoni e ne par de gaver fato el viz dela vita. Bon, xe le 8 de matina, no se pol pretender un livel de comicità più meo de cussì, dei. In quel, torna dentro el laido. Dove el iera andà? A secarse una bira de mezo in un minuto, ale 8 de matina. E desso el va via con l’auto. Ah. E noi che pensavimo de gaver fato el batudon. Robe che la ne porti le bire per bon, ciò. Bon, figura de damer dei. Ordinemo le robe serie.

Fritaia de struzzosauro e impanadura de tripa de Obelix. La colazion dei campioni. Mi e Pasta però sbaiemo. Ne riva un banale piato de parsuto e formaio. Che tra l’altro riva inspiegabilmente per ultimo, anche se xe l’unico piato che no ga niente de cusinar.
Fora dela pension, prima de partir, aprofitemo del belissimo posto per far un poca de revision dele bici. Massimo cambia la camera d’aria, che gaveva el becucio incugnà. Mi ghe dago una controlada ala mia, per veder se xe qualche residuo del tiro de ieri de cui no me son acorto. Tuto par a posto, e se metemo in marcia. In salita. Subito. Una bela rampa de prima matina e passa la paura.

Pedalemo in mezo a paesagi de montagna. Verde, tanto verde. Pochissime machine. Semo tranquili e podemo star in clapa, ciacolar. Però xe tante salite anche, che te taia el fià. La giornata xe una de quele stupende. Semo stai fortunai in sto viagio, come del resto anche nel precedente. Mai un giorno de piova, sempre basai del sol. Se metemo un poca de crema, altrimenti se scotemo sicuro. Rivemo a un ponte un poco scassà.

Tegnirà el peso? Quei assi li vedo bastanza malandai. E ocio che no sia ciodi in fora. Qualchidun scegli de farselo a pie per sicureza. Ma no dei, monta in bici, daghe de orgoglio ciclista! Drio de noi, riva un’auto. La se infila sul ponte senza nissuna para. Trema tuto. Via veloci!
Incrocemo chi xe messo pezo de noi in quanto a bagagli. Forsi solo Pasta podeva farghe concorenza el primo giorno, che el se gaveva portado praticamente la sucursale de casa.
Le sine del treno ne separa dela nostra strada. Cionn xe sicuro che xe de andar de là, e che no xe altro modo per passar. Va ben, no ghe sarà la TAV proprio per de qua se spera, con un poca de atenzion e de fadiga andemo oltre senza problemi.

Se fermemo a pranzar a Zilina. Trovemo anche un matrimonio dove podemo far sfogio dela nostra rinomata eleganza de ciclisti ccgnaf. Xe la famosa legenda che ai matrimoni se ingruma de paura. Sarà. Noi per el momento ingrumemo panini e radler in un centro comerciale che ga anche vasche con squaleti veri e se rilassemo, zercando de no disturbar tropo i sposi. Se metemo in un angolin, drio una fontanela. Semo bravi, cocoli, discretamente silenziosi e no sporchemo. No ve vanza un pochi de risi che gavemo fame, invece de butarli per tera?
Le pause pranzo comincia a diventar ogni giorno più longhe. Se fermemo in un bareto per cior un cafè. Le cameriere xe ‘ssai cocole. Massimo ordina una limonada. La mula ghe chiedi che limonada. Massimo ghe disi una limonada po’. La mula ghe disi de sì, ma che limonada? Limonada de limon. Risposta giusta. Ridemo. La mula ridi. In efeti scoprimo che là el termine “limonada” vol dir tipo spremuta, e dopo te ga de specificar de cossa.

Pupolo de Michele Zazzara

Vien fora un’altra cameriera. Cocola anche questa. E dentro ghe ne xe una terza. El tasso de cocoleza aumenta. E la pausa pranzo se slonga inesorabilmente. Bon muli, mi vado un salto dentro a cior acqua! Bon speta che ghe chiedo anche mi! Vegno anche mi cussì le saludo! Dopo gaverle saludade quaranta volte, rivemo ripartir. E incrocemo sta nagana che se rampiga con la bici sui pai. E noi che pensavimo de esser bobe.

Le strade continua a esser piacevoli e poco traficade. A un certo punto notemo un poco de casin. ‘Ssai ciclisti che bagola anche. Ma anche gente che cori, con petorali col numero. E ghe xe la polizia che sera la strada. Una gara de triathlon. O de qualcossa simile. I ne lasserà passar? Alternative no gavemo, se i ne bloca qua ne toca spetar. Andemo avanti col muso de tola. La polizia ne varda, ma no i ne disi niente. Fata la xe. Semo sul percorso de gara. Una strada enorme, corsie tute per noi. E ogni tanto dei birili dove far la classica sfida Oberdan vs Galilei. Se zoghemo un poco, poi trovemo la ciclabile che cori lungo el fiume. Solo che ghe xe una bela rampeta de sterato de scalar. Provemo a ciapar velocità, ma xe mission impossible, ne toca sburtar le bici a man, tra le ridade dei organizatori del triathlon che ne varda.

Fadiga. E no xe finida qua. La strada comincia a rampigarse. Semo rivai al gran premio dela montagna, la rampigada santissima, rampa del 14%.
Le salite fa selezion. Ognidun va al propio ritmo, no se se speta. L’unico desiderio xe che la finissi el prima possibile, e ognidun ga el propio modo diverso de farla finir prima. Chi se la fa tuta de un tiro, chi fa dele micropause per rifiatar, chi sta sentà col cambio più legero e chi che se la fa in pie, ala Pantani. Siani xe el nostro Pantani. Cionn invece se lamenta che el cambio legero podessi esser ancora un poco più legero. Rivai in cima, se chiedemo se per bon el 23 setembre gavemo l’intenzion de farse scala santa in salita. Ma ghe penseremo una volta tornai (comunque sì, la femo tuti meno che Cionn che tira fora scuse indegne).
Volemo farse la foto de rito in quota. Siani, el fotografo uficial, zerca de sistemar l’autoscato. In quel passa un motociclista, el se ferma e el se ofri de farne la foto. El disi che el xe bravo. Cocolo de sicuro. El ne fa tre foto, cambiando posizion. El se meti a bordo strada. Tropo vicin. El fa un passo indrio. Tropo vicin. Altro passo indrio. Temerario, el scata e el scampa prima che un pulmann se lo porti via.

El ne conta che el xe a far un bel giro in moto. Che la Slovacchia xe bela perchè xe piena de saliscendi. Invece co riveremo in Polonia se anoieremo perchè sarà tuto drito. A queste parole, esultemo, in pien contrasto con la sua opinion. No vedemo l’ora che sia tuto drito. E lui no vedeva l’ora che ghe sia saliscendi. In fondo stemo andando entrambi nele direzioni giuste alora, par. El mondo xe bastanza grando per acontentar tuti. Se saludemo. No ghe parti la moto. Poco mal, quela che per noi iera una rampa per lui xe una discesa. El sburta la moto, el salta su al volo e via andare.
Desideri diferenti. A seconda de come te son, de chi te son e de quali strumenti te usi, i tui desideri sarà sempre diferenti. Cussì a noi, in bici, stanchi e messi ala prova de ogni pedalada, una strada drita adesso ne sembra el paradiso. Te se la godi, te decidi ti la velocità, te la esplori nela sua totalità, te se senti libero. In moto invece diventa l’inferno dela monotonia, e no te vedi l’ora che qualcossa vegni a portarte un po’ de vitalità.
Dopo la salita, riva sempre la discesa. Semo nela vale del’Orava. Butandose in zo xe zima. I più previdenti se meti la giacheta. Ti te meti? La xe dentro la borsa… te dirò che no go ‘ssai frescheza. Bon, intanto scendemo, penseremo lungo el percorso. Inutile dir che senza giacheta se bati broche de paura, ma no gavemo comunque voia de fermarse per metersele. Rivemo zo ibernai. Bravi mone.
Ancora un po’ de boschi e de statale, e rivemo al castel de Orava, dove i ga girà Nosferatu nel 1922. Tramonto, atmosfera vampiresca. Paese deserto. Cerchemo una stanza. Se dividemo. Mi e Massimo andemo a controlar un albergo. No xe nissun. Un cartel disi de andar a chieder al personale al pian de sora. Va Massimo, mi resto a spetarlo zo. El torna. Te ga visto qualchidun? Sì, una mula. Te sa se i ga camere? No, no la capiva. Te sa i prezi? No, la parlava solo slovacco. Ah bon, e con che informazion tornemo dei altri? Che la xe figa. Bon, za qualcossa, andemo. I altri intanto sta parlando in italian con un mato. Facile cussì. Questo ne proponi due apartamenti a un duecento metri de distanza l’un l’altro, senza colazion. I ne chiedi cossa gavemo trovà noi invece. Una mula figa che parla solo slovacco. Ben. Mandemo lo strumento per le lingue Michele e Cionn a ritentar la fortuna con la mula. Par che ghe sia stanze. E colazion. Dunque optemo per l’albergo e saludemo el mato dei due apartamenti.
Oltre ala mula trovemo anche la mama a spetarne. In due le gestissi tuto, anche la cusina. No xe ‘ssai gente in efeti, anzi, semo propio solo noi, però ogni volta che ne servi qualcossa dovemo andar a zercarle sconte in qualche buso del’albergo. Metemo al sicuro le bici, se lavemo e scendemo a zenar, che xe za tardin. Trovemo un local ‘ssai bel, con l’enesima cameriera che ne sta a tuti cocola za a prima vista. Se ricordemo che semo nel regno de Nosferatu, e Massimo per andar sul sicuro ciol el goulash al’aio. Mi resto fedele ai gnocheti. E tanto per cambiar me riva prima el secondo che el primo. Ale 22, i ne fa cortesemente capir che xe ora de andar. I ne disi che de solito i sera ale 21, e che stavolta i ga fato un’ecezion solo che per noi. Ustia ciò, se vedi che i vampiri vien fora presto. Xe meo assecondarli e andar a dormir. Le nostre bire de ripristino-sali le gavemo za bevude, quindi andemo verso l’albergo contenti.
E qua ga inizio la maldobria de Jure l’imbriaghela canterina in mudande.
Sula via del ritorno, incrocemo una clapa de un zinque slovacchi con un fusto de bira. Con lori ghe xe anche el mato che ne ofriva i due apartamenti. Italiani! Grande festa! Venite anche voi! Ci siamo tutti, venite, birra per tutti! Inutile dir che convincerne xe stada l’impresa più dificile dela sua vita. El ghe gaverà messo almeno… mezo secondo. Li seguimo, e za prevedemo che doman pedalar sarà più dura del solito.
Rivemo al suo local. Entremo. Senteve là cari ospiti! La grande festa –ci siamo tutti- xe cussì costituida: un tavolo in fondo con zinque omini. Un tavolo fora con tre de lori. Lui. La moglie che sta spinando bire. Ben dei, se preanuncia una festaza epocale. Robe che el barachin de Barcola ghe fa un baffo. Riva le prime sete bire. Oto con la sua. El ne ciacola. El se ciama Jure. El ne conta che el sa l’italian perchè el ga lavorà in Italia, no me ricordo dove, forsi Lignan. La bira xe finida. No femo in tempo a dir niente che za gavemo un altro bicer davanti. Eh bon ah. Coss’te vol far, bevemo. El dialogo comincia a diventar sempre più ofuscà. In Italia xe crisi sì, ma là de lori xe ancora pezo. Le paghe xe 200-300 euri al mese. Iniziemo a gaver le dimensioni dei 60 euri che ghe gavemo chiesto ai automobilisti su cui me son schiantà ieri. La bira xe finida. No tute. Indiferente. Riva altri sete biceri pieni. Qualchidun beverà due se xe tropi. El miracolo dela moltiplicazione dei bocai. Basta veder in sta foto quanti che ghe ne xe in meno de metà tavolo.

Riva un vecio ‘ssai mal in arnese. Magro, in pie per miracolo, oci gnanca de vetro, propio de fondo de botiglia. El se la ridi con Jure. Voio darghe la man. El me varda circospeto. Non dà la mano. Dopo un poco, sì. El se ciama Jano. Gavemo la sua fiducia. Pasta, che nutri un notevole interesse antropologico per i personagioni, lo tegnirà de ocio per tuta la serata per carpirne i segreti. E voi a Trieste cossa fè? Noi a Trieste cantemo. Tachemo con “La scoresa”, che ne par un bon bilieto de visita. L’atmosfera se riscalda. La galina con do teste. Azzurro. Azzurro? Sì, misteriosamente, spinti de chissà quai ricordi infantili, cantemo azzurro, che probabilmente nissun canta più de quando se andava in gita in pulmin con le elementari. Però xe veramente emozionante, no me la ricordavo cussì. Riva un altro slovacco. Disastro. El canta un atimo, el ghe spandi la bira sule braghe a Jure. Panico. Desso vien fora longhi. Jure se impiza, ma se distuda subito. Bon per fortuna no semo stai noi. El se cava le braghe e el resta in mudande per tuto el resto dela serata. El suo amico se senta e gavemo un tentativo de dialogo totalmente sconesso de qualsiasi logica. Tipo: ma sé italiani? Sì. E perchè visitè l’Italia? Veramente ghe vivemo. Sì ma poi quindi con le bici passè in Italia prima de tornar a casa? E sè vegnui in bici fin qua? Del’Italia? Ma come gavè fato rivar le bici qua? E desso tornè in Polonia? A casa vostra? Cantemo dei. Marinaresca. Momento topico, Paolo porta le man sul cuor.
E bire che riva. L’unico che riva a dar ascolto ala coscienza xe Pasta. De sconton, el fa tuto un zogo de traslazion biceri per cui el suo xe sempre quasi svodo, e el bevi poco niente. Ghe femo notar che el xe sleale. El ne disi che femo pur i galeti desso, vederemo doman sui pedai chi sarà in forma e chi no. Acetemo la sfida.
Per capir l’atmosfera, basti vardar questo. 1000 punti a chi capissi el labiale de Michele prima de ribaltar Siani.

Nela foga, me giro e ribalto tre bici dei muloni in fondo, pozade sule nostre panche. Desso i ne remena. Femo finta de niente. Canta avanti dei. Ma sì dei, canta che te passa. Finida la canzon, con notevole abilità indiana scivolo tra le panche e vado a tirarle su. Ma i me napa. Ghe sorido. Ben cussì. Abraci. L’atmosfera però sta pian pian cambiando. Se corzemo che la moglie de Jure sta segnando qualcossa. Cossa la se segna? Le bire. Ostia sua. Ma no iera tute oferte dela casa? Eh, no. Eh bon, penseremo dopo dei. Cantemo avanti. Michele se disperdi a un altro tavolo fora, a parlar con la moglie e con altri due non pervenuti. Jure xe sempre con noi. Massimo percepissi che la bala ghe sta girando in cativa. El comincia a gaver paura. Massimo, el più grosso de noi. I discorsi riva su temi più caldi. Jure ne fa notar che lui sa l’italian mentre noi no savemo el slovacco. No va ben. Come se giustifichemo? Cionn ga el colpo de genio: beh, sa come xe, gavemo fato el percorso, gavemo visto per che paesi passavimo, e no xe che se gavemo messo a imparar tute le lingue, ma giusto un poche, cussì. La Slovacchia poi gavemo pensà che comunque Michele se rangia con el sloven, e ala fine Slovacchia e Slovenia poco cambierà dei, sarà circa la stessa roba. Sbianchemo. Desso le ciapemo sazie. La butemo in rider. Anche se no volessimo, comunque con tuta quela bira rider xe la roba che ne vien più naturale. Jure la ciapa ben. Ma el ne disi che xe ora de pagar le bire. 25 euri. In sete. A 2 euri a litro. Bon, ne xe andada più che ben. Paghemo. El ne ofri anche el giro de grape. Non osemo dirghe de no. Intanto, trovo la mula più bela del local e me la sbaciucchio. Un poco ranzida. Pecà, la gaveva bei oci. Bon, prima che Jure se ingelosissi xe el caso de scampar. Ma continuemo a cantar per tuta la strada, avolti nele tenebre. Femo un casin alucinante che se anche iera Nosferatu probabilmente el ne gavessi mandà a remengo. E se poi el vegniva a ciuciarne el sangue el se imbalinava direto e i ghe ritirava la patente de svolo per l’eternità. Le bire ne ga salvà la vita. Rivemo nel nostro albergo e morimo, speranzosi che per magia doman matina saremo tuti freschi come rose.

Distanza 102.9 km
Media 17.2 km/h
Max 55.1 km/h
Tempo 5:59 h

Tag: , , .

7 commenti a Trieste-Krakow in bici 9: you’re Jure, festaza bruta tra streghe, vampiri e omini in mudande

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.