20 Settembre 2012

Trieste-Krakow in bici 8: un venerdì 17 di guasti, miracolose guarigioni e schianti contro auto

Qua le puntate precedenti
As usual, foto bele de Marco Massimiliani. Quele brute xe mie. Forsi xe anche qualcheduna che ghe go fregà a Cionn. Bu.

Venerdi 17 porta sfiga. Ma no dei, no iera venerdi 13? Iera anche el programa, quel col zio Tibia. Venerdi 13 se ciamava, son sicuro. Si ma anche venerdi 17 porta sfiga. Eh bon ah, sarà do giorni che porta sfiga, un no bastava, cussì xe ancora più combinazioni possibili. La moltiplicazion dela sfiga. Bon, ma te xe mai sucesso qualcossa de particolare de venerdi 17 o venerdi 13? Mah, no me ricordo miga. Forsi go ciapà un do de piche, che sfiga ara, mona mi che go tirà sarde proprio venerdi 17, se no sicuro me andava ben. Infati prima de mandarme a remengo la ga vardà el calendario, me ricordo benissimo. “Te son ‘ssai bel e cocolo, ma xe venerdi 17. Ciau”. Ma credo de gaverne ciapà qualchidun anche martedi 15, giovedi 22, domenica 12, sabato 7, lunedi 29 febraio… ciò, xe carigo de giorni che porta sfiga, ara.
Insoma, sta roba del venerdi 17 xe monade dei.
E invece, pedalando verso Cracovia, sto venerdi 17 ne xe nato de tuto, guasti, tiri contro auti, scarpe rote, tentativi de furto. Sì, ma sè morti? Orca, no, semo ancora qua a contarlo. Bon, alora diria che gavè gavù cul. Via, sfatà subito el mito che venerdi 17 porta sfiga. Ma andemo con ordine.
Dopo una colazion a base de krapfen e cafè, passegemo per Piestany con l’anda de una boyband incocalida.

Se fiondemo in farmacia, a cior un poche de droghe per tegnir su i tochi de quel che resta de noi. Entra Cionn e Siani, che ga un poco mal de gola, e Michele, ancora ciapà col dolor al ginocio che lo tormenta de giorni. Noi restemo fora. La farmacista però vista dela finestra la par ‘ssai cocola. Bon speta che fazo un salto dentro a far finta de vardar cossa combina Cionn. A turno andemo dentro a vardar cossa combina Cionn.
El simbolo de Piestany, per chi no sa, xe un omo che rompi in do una stampela. A Piestany, in farmacia, Michele se compra quela che Pasta batezerà come “la marmelata”. Una poltiglia color amarena a base de chissà che verdure, che ga veramente un odor che te fa vegnir voia de zercar come che la xe. Ma la xe fata per riparar ginoci, meo evitar de magnarla. La marmelata comunque funziona. El ginocio migliora e la stampela virtuale de Michele vien finalmente rota in due. Il miracolo dela marmelata di Piestany. Quasi meo del’aqua de Lourdes.
Trovemo un negozio che vendi targhete. Targhete coi nomi de persona. Nomi slovacchi. Peto. Duro. Mato. Ciò. Peto! Questa xe per ti! Mi voio Duro! Mi ciogo Mato invece! Sì dei! Quanto costa? Tre euri. Tre bire de mezo. De matina, el nostro tasso de istrianità rasenta liveli ufologici. Tre euri. No dei. Xe tre euri! No se pol. Dopo un’ora, lontani, con l’istrianity-rate sbassà de quanto basta, se pentiremo amaramente de no gaverle ciolte.
Obietivo dela giornata xe rivar a visitar i canyon dove che i ga filmà qualche toco dela Storia Infinita. No savemo qual, ma sicome xe un canyon imaginemo l’inizio, quando compari Mordiroccia. Mordiroccia. Voio proprio veder quanti se ricordava el nome de sto personagio. El canyon xe un poco distante del paese dove volessimo dormir, ma con una picia deviazion podemo farghela, basta no perder tropo tempo e rucar, che val la pena.
Oviamente, visto che gavemo furia, ne capiterà de tuto.
La tapa de ogi xe molto bela. Lontani dei auti e del trafico, se divertimo sui sterai che fianchegia el fiume.

Le riode de strada no xe proprio el massimo per sto tipo de teren, e semo tuti in atesa che qualchidun caschi che cussì el ga de butar de bever.

Mentre Cionn e Siani, cartina ala man, disquisissi su quale xe el percorso migliore, i altri se diverti a tirarse drio stropacui.
Un ponte ne fa atraversar el fiume. ‘Ssai bel sto ponte. El fiume però forsi ga bisogno de un refill. Ciama la foto de rito.

Rivai a Trencin, se metemo a zogar con la fontanela de aqua, che disegna un arco soto de cui passemo un ala volta. Un, do, tre giri. Fioi divertidi che ridi de noi. Se sentemo e pranzemo coi nostri panini de supermercato. Riva la prima sfiga. Massimo se acorzi de gaver un ragio roto. Se domandemo de quanto tempo el xe roto, se xe roba de ogi o se xe za cussì de giorni, magari del’inizio del viagio. Se domandemo cossa pol nasser, con un ragio roto. Che pian pian se rompi anche i altri per el tropo sforzo, probabilmente. Se la strada continua come stamatina poi, pol esser veramente longhi. El nostro tutor Cionn zerca un negozio de bici coi sui potenti mezi tecnologici internetiani. Lo trova, xe bastanza vicin. Sarà de veder solo se sarà verto cussì presto de dopopranzo. E anche se i riverà giustar tuto velocemente, perchè el canyon ne speta e volessimo vederlo col ciaro. Movemose.
La cicloficina xe verta. I mati xe decisamente cocoli. No i parla una parola de inglese. No i parla gnanche triestin. Pecà. Rivemo farse capir lo stesso. No xe cussì dificile mostrarghe el ragio roto. El capissi anche che volemo che el ne lo ripari. No se sa mai, magari el podeva pensar che ghe volevimo dir qualcossa tipo “ara che bel che el xe cussì, volemo cussì anche i altri”. Restemo a vardarlo far el lavor, rapìdi dela manualità e interessai a fregarghe i segreti del mestier. A fianco de noi, un calendario de mecanico de bici. Cioè con tuti i ingredienti tipici dei calendari de mecanico, solo che al posto dei auti ghe xe le bici. Ara che bela la bici de agosto. Buta un ocio anche su quela de setembre dei. Gira dei, sicuro quela de otobre xe ancora meo. Intanto, el mato cava la rioda. Cava el coperton. Cava le volantine. Cava la camera d’aria. Cava un toco de cui ignoravimo l’esistenza. Cava tuto, dei. El ne mostra el ragio e el xe contrarià. El ne mostra quel con cui lo volessi cambiar, ancora contrarià. El zerca la nostra aprovazion. Senza gnanche far finta de intenderse, ghe disemo che va ben. Cossa altro podevimo dirghe? Pezo de cussì sicuro no pol andar. Lo meti su. Bon, no sembra cussì dificile, gavemo imparà tuti una roba nova. El rimeti le volantine. El se porta la rioda su una sedia e la meti su una spece de suporto per farla girar. El controla che la giri drita. El sbisiga coi altri ragi. Eco, forsi questo xe un pochetin più dificile de imparar in due minuti. El rimonta tuto. El ga dificoltà a gonfiarla. El becucio (se ciama cussì? Bu!) xe rimasto un poco tropo in dentro e el fa fadiga a tacar la pompa. L’usa una specie de prolunga. La gonfia. El ne mostra el becucio rimasto dentro. El ne fa una spiegazion tecnica in slovacco de cui no capimo un’ostia. Silenzio. Se vardemo. Bon, ma no el pol sgonfiarla un salto e tirar fora el becucio? Prima el stava più in fora. No ghe disemo, imaginemo che el sapi el suo mestier. E comunque no savessimo come dirghelo. Altra spiegazion tecnica in slovacco de cinque minuti. Silenzio. Se vardemo. Ghe digo “Nema problema”. El ridi. El disi “No nema problema” e zo altra spiegazion tecnica in slovacco. Silenzio. Femo finta de gaver capì, anuimo e ghe chiedemo quanto xe. El scrivi 8 euri. Figada.
El tempo intanto svola e la prospetiva canyon xe sempre più lontana. Ruchemo forte. Siani, che xe el più in forma, sburta come al solito la clapa. Drio de lui Cionn, Massimo e Pasta. Mi, Michele e Paolo restemo un poco indrio. E nassi el patatrac.
Sula statale, una machina ne supera a sinistra. La ne afianca. Fazo in tempo a veder cola coda del’ocio el bianco dela sua sagoma, che za intuisso che la ga intenzion de girar a destra, manovra impossibile. Sento un “Ocio!”. La vose de Michele, subito drio de mi. Semo a fine de una discesa, semo veloci. Bloco totalmente la rioda de drio, ma tempo de sentir el rumor dela stricada che za me spalmo sula portiera. E qua i miei ricordi de quei pochi secondi diventa vaghissimi. El sistema salvavita de alarme diventa operativo in un istante, l’adrenalina va a mile. La scena me la conterà Paolo, che xe subito drio de Michele. Me contrago con tuto el peso sula spala sinistra, tipo contrasto de rugby. Me fazo cussì tuta la portiera, travolgo e staco el speceto che finissi insieme a mi per tera, qualche metro più avanti. Contemporaneamente, lancio via la bici, che difati casca sul lato destro. In tuto questo, no sento assolutamente nissun tipo de dolor. L’adrenalina xe veramente una figada. L’unico senso pienamente operativo, oltre ala vista, xe l’udito. Rumor de robe che se rompi. Tochi de plastica che se staca, par. Tiri ‘ssai forti. Tipici rumori de tiri tra auti in strada. Solo che in mezo ghe son mi e la mia bici. E el panico xe che sti rumori de robe che se rompi sia proprio la mia bici. Quel che penso, in quei momenti in cui el pilota automatico del’istinto movi i muscoli per mi e quindi go la mente sgombra, xe che el viagio finissi qua. La bici sarà sicuro con qualche rioda piegada in do, ben che vadi. Pessimismo. Piutosto, no vedo quel che me spetavo de veder, quel che i te disi che te vedi co te fa un tiro bruto, cioè tuta la vita che te passa davanti. Pecà, con tuta la colezion de figure de damer che go, saria stado un film bastanza de rider. Niente cinema comico gratis insoma, delusion.
Michele, subito drio de mi, riva a fermarse in tempo per no cascar, ma ghe riga la portiera col fren. Me alzo. Son ancora vivo. E son anche in piena forma. Figada. Son in mezo ala strada però, xe el caso de spostarse. Recupero el speceto, ghe lo tiro dentro el finestrin. No go ‘ssai interesse nela machina, preferisso controlar come sta la bici. Par incredibilmente tuta intiera. Invece no. Xe el cambio che se ga storto. Paolo me da assistenza e lo sistememo. Una dele due borse invece xe andada, fra i rumori de robe che se rompi ghe iera anche i tochi de plastica che la tegniva inganzada al portapachi. Poco mal, se pol sistemar anche questa con un per de elastici. Par proprio che el viagio continuerà. Voi come ste? Ben. Felicità. Semo vivi, semo operativi.
I mati scendi. I ne chiedi come stemo. Fortunatamente, xe persone tranquile. Cagai de bruto, ma tranquili. Se iera nagane, saria stada veramente dura dover far anche longhi in una lingua sconosciuta e in un paese che no xe el nostro. E senza nissun che ne aiuti. Tuti quei che xe intorno e ga assistì ala scena, xe entrai de colpo in modalità omertà. O i xe abituai e ste robe capita ogni giorno, per cui no ghe fa né caldo né fredo, o là de lori veramente la riservatezza riva al’apoteosi. Mi speravo almeno che rivassi qualche slovacca con spirito de crocerossina a veder come stavo e cocolarme, invece niente, gnanche quela sodisfazion. Un tiro cussì a Barcola gavessi riciamà tuta la muleria del primo al’ultimo topolin a vardar cossa nassi. Discutemo un poco coi mati. Michele ciol el telefono per ciamar i altri che i ne speti. “No polizai!”, i mati xe impanicai. No gavemo nissuna intenzion de ciamar la polizia, volessi dir scordarse del canyon, che za ne par ormai lontanissimo. Stimo che una borsa possi costar 60 euri. Se femo dar quela cifra. La sera mediteremo che forsi podevimo farse dar de più. Ma el momento no iera per niente rilassà e ierimo za felici de esser ancora vivi. Gambe che fa James James. E 60 euri in Slovacchia xe decisamente più che in Italia. Va più che ben cussì. Semo sopravissui al tiro più bruto dela nostra vita.
Forsi el gaver passà parte del’infanzia a cascar zo dei alberi o a ribaltarme in bici, frenando solo col fren davanti in discesa, me ga fato imparar certe manovre de sicureza che poi de grande no te fa più cussì spesso, ma che le te resta istintive, pronte a vegnir fora in automatico co le servi. In fondo i gatini se rocheta e passa la giornata a corerghe drio a tuto quel che se movi per imparar, afinar e automatizar le tecniche che ghe servirà de grandi per procaciarse el magnar (i gati moderni più evoludi poi impara fin de pici la tecnica migliore: “ou paron, verzi quela scatoleta dei”). Questa xe la spiegazion etologico evolutivo darwiniana per scienziati.
Forsi el mio angelo custode per fortuna no el xe rimasto a Barcola a bever spritzeti ma el me ga acompagnà, comodamente sentà sul portapachi (questo tra l’altro spiegassi perchè iero un dei più lenti… porteve voi drio 65 chili de angelo custode + spritz che el tien sconto sul portapachi!). Questa xe la spiegazion religiosa per credenti.
Forsi go più cul che giudizio. Questa xe la spiegazion dela sageza popolare triestina.
In ogni modo, co son tornà a Trieste no gavevo praticamente nissun segno del’incidente. Robe che i primi giorni andavo in giro a contarghe sta storia a tuti, e co rivava el momento de mostrar le ferite de guera, come i veri, me demoralizavo. Bon ma cossa tuta sta storia e solo quel sgrafeto? ‘Ndemo dei! Per mi te ieri sentà su una sdraio a ciapar sol e un mussato imbriago te xe vegnù contro, altro che auto ciapade a spalade e speceti roti. Qualche segno xe restà però. Prima de partir, me lanciavo zo per via comerciale a 50. Adesso no vado oltre i 40. Go paura. Ma forsi xe più un ben che un mal. Magari più che paura se ciama coscienza.
Ragiungemo i altri ancora scossi. Vedo auti che ne supera a sinistra e gira subito a destra anche quando no i xe. Passerà. Xe le quatro de pomerigio e manca 40 chilometri boni. Muli, qua xe de rucar forte. E se andassimo a veder el canyon domani? Saria de tornar indrio, e poi rifar un toco de strada. Magari podemo sveiarse prima. E se invece dormissimo là de canyon? Colpo de genio. Ne par la soluzion migliore. Daghe sui pedai.
Pochi chilometri e enesima sfiga. Siani perdi una vida dela scarpa. Quele scarpe di ciclisti veri, che fra de noi ga solo lui, Michele e Pasta. El se ferma, la zerca, no la trova. Pasta torna indrio a veder cossa nassi. Fortunatamente, tra le mile robe in più che el se ga portà drio, ghe xe anche una vida de ricambio. I la sistema ala meio e se riparti.
Se godemo el spetacolo dela casa de Mordiroccia al’imbrunir. Meraviglioso. Se lo imaginavimo più strento e longo a dir la verità, una specie de tunnel dela morte nera version naturalistico-romantica. Invece el xe corto, ma meritava la fadiga. Due mule sentade lungo la strada ne soridi e ne saluda. Oci alegri e acoglienti. Basta poco per ridarte serenità. Zerchemo dove dormir. Xe una specie de campegio, femo la fila per domandar informazioni. Cionn intanto ciama una pension qualche chilometro più su. I ghe disi che i ga posto. La fila xe finida, tocassi a noi, ma montemo sule bici e coremo sparai verso la pension. Lumini nela penombra guidai del’entusiasmo.
L’arivo xe un momento epocale. Basta la foto per capir.

Xe la fine dela giornata più dura ed estenuante del viagio. Xe el momento in cui te se conti, e te vedi che semo ancora in sete. Xe el momento dei abraci. Xe el momento in cui venerdì 17 xe finì.
E invece no. El colpo de coda del venerdì 17 se lo beca Paolo. Quando la sera tornemo fora per meter le bici al sicuro, el se acorgi che qualchidun ghe ga forzà la zip de una borsa. No i ghe ga fregà niente, per fortuna.
La pension xe una casa de legno rinovada de poco. Vista pascoli. Vista montagna. Gestori cocolissimi. Stanze calde, docce, bagni, col sopalco. El sopalco ga sempre un fascino incredibile. Te spunta la coda, le rece e i baffi. El sopalco fa venir fora el tuo lato felino. Star su, nel pian alto, e vardar cossa nassi zo. Miao! Mio!
Xe decisamente el posto più fantastico de tuto el viagio. Scendemo a magnar e se riempimo la panza al’inverosimile. In Slovacchia i ga un poco la mania de portar sempre el secondo prima del primo. Poco mal, xe tuto sempre bon. Ancora sete bire grazie! Stemo un poco al’aperto, perchè val la pena. Xe fresco. La cameriera va via in auto, semo praticamente solo noi in tuta la pension. Tornemo nele nostre stanze, el sopalco ne acogli con un calor quasi materno. Chiusura degna de un venerdì 17 che se ricorderemo per sempre.

Statistiche de Siani
6h00m52s
116,4km
19,3km/h media

Tag: , , .

10 commenti a Trieste-Krakow in bici 8: un venerdì 17 di guasti, miracolose guarigioni e schianti contro auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.