16 Settembre 2012

Trieste-Krakow in bici 7: l’importanza dei colori e l’amore per le Pez

Qua le puntate precedenti
As usual, foto bele de Marco Massimiliani. Quele brute xe mie. Forsi xe anche qualcheduna che ghe go fregà a Cionn. Bu.

Prima o poi l’amore arriva, i disi. El xe là, che el te speta. A volte basta un’ociada per riconosserlo. Xe chi che disi che xe question de sguardi. O chi che disi che xe solo una question de chimica. O de odori. Romanticamente, spuze. Mi son sempre stado atrato dei colori. I colori xe sinceri, i te disi tante robe. Se te ga i colori giusti, te fa subito brecia nel mio cuor.
In supermercato, in Slovacchia, me se manifesta davanti i colori giusti. E me inamoro. Ecoli.

Xe le caramele Pez. Quele arancion. Vardè che arancion. La foto no rendi. El iera più vivo, e più caldo. Quel’arancion no pol contar monade. Xe acogliente, xe l’arancion del fogolar dopo el bianco de una tempesta de neve. Le compro. Mie! Ma che raza de Pez i ga qua? Mi conosso solo che quele retangolari, che te meti nei dispenser coi facioni de Paperino, dei Muppets, e de vari ed eventuali altri personagi. Queste Pez apocrife me xe sconosciute. Le zerco. Festa. Savevo mi che le gaveva i colori giusti. Viva l’amor. Tempo meno de un’ora e la fiama dela passion za se studa. Le me abandona. Sedoto e abandonado. Le go finide. Xe un amor impossibile. Anche ciolendo mile pacheti, li finiria in meno de un giorno. Eco, la storia de amor più curta del mondo.
La sveia, dopo i bagordi negli inferi del’ostel, xe problematica. Semo comunque i più matinieri del’ostel. Rivemo nel giardineto che la mula devi ancora verzer el bareto. Spetemo. La riva. La verzi. La xe decisamente incocalida. La preparà el cafè metendoghe una vita. Intanto andemo ciorse de magnar in supermercato, brioches, yoghurt e suchi, colazion un poco scarna.
Semo al sesto giorno, metà del viagio, xe tempo de far el punto dela condizion dei nostri mezi. Pasta giusto ieri ghe se ga roto un tochetin del campanel, el xe indeciso se ciorse un altro. Paolo ga i guanti in tochi. El se compra un per de guanti de eletricista. Comodi de cagarse per andar in bici. Qualche ora dopo, el se ciol un per novo de guanti de bici.
La strada de ogi, del punto de vista naturalistico e del paesagio, presenta poco de particolare. Fortunatamente incrocemo alcuni personagi interessanti. Durante la pausa pranzo, no steme chieder in che paese che no me ricordo, zerchemo una panchina comoda dove magnar i nostri panini. Subito se acorgemo che ghe ne xe due. Una libera, l’altra ocupada de alcuni veci messi bastanza mal. Chi col baston, chi cole stampele, chi senza denti, chi cola cavelada longa onta de figlio dei fiori ormai apassidi. Tuti con un ritmo lentissimo nel far qualsiasi roba. Se sentemo nela panchina svoda. I muloni e i diversamente muloni. Femo el zogo de acopiar ciascun de noi col vecio corispetivo, imagine del futuro.

In realtà, no xe ‘ssai diferenza za al presente. Tuti sentai, tuti stanchi, tuti che comenta le mule che passa.
De veri muli fastidiosi che no ga de meo de far, comentemo anche la moda locale. I muli ga una notevole tendenza al truzobobana.

Scarpaze rosse che più apariscenti no’l podeva. Anche le mule ga la tendenza al’apariscenza e ala strafaniceria squinzia radioativa andante. Prevali le tinte vistose, fluorescenti, al’uranio arichido.
L’importanza dei colori. Se parlava de colori prima. Color e amor. La radioatività e l’apariscenza nei colori da una sensazion de zima al cuor. Xe come meterghe un cubeto de iazo dentro. Xe come una docia freda. Che sì, farse una docia freda pol aiutar a darte una sveiada, ma mi go sempre preferì el calor e la serenità. No parlo solo dei colori dei vestiti, ma piutosto dei colori dele persone, propio. Viso, oci, cavei, labri, sfumature. Atrazioni e afinità cromatiche. Cromatologia dei sentimenti. Xe come le corde dela chitara, che le prime ga un suono più acuto e stridulo, le ultime più basso e avolgente. Eco, le prime xe come i colori radioativi, le ultime invece riva più in profondità, xe più calde. Mi me piasi i colori che ga quel suono là.

Pupolo del poeta Michele Zazzara

Bon dei, basta monade. Pedalemo.
Presagio de quel che sucederà doman, venerdì 17, Michele vien tocà del speceto de un’auto in corsa, senza per fortuna che nissun se fazi niente.
Passemo vicin de una centrale nucleare. Le centrali nucleari emana sempre un certo fascino. La forma xe inconfondibile. El color anche. Grigio. Grigio sorzo. Grigio squittìo de sorzi che scampa. Grigio tristeza de film malinconico de europa del’est post atomica. De quei che no se capissi mai un clinz, solo che i xe tristissimi e grigi sorzo, anche quando i xe a colori. Qualchedun xe anche bel eh, ma del grigio xe più dificile inamorarse.
La ciclabile sul fiume ne acompagna fin a Piestany, cità termale. Qua trovemo un ostel in pien centro, prenotà grazie a Pierluigi che ne ga da’ una man via telefono, altrimenti iera dificile farse capir in slovacco. L’idea saria de andar ale terme, ma xe tardin. Incrocemo sto muleto con sta superbici.

Che nagana ciò. El ga anche el cascheto de vera boba. Fazo la foto. Passo e ghe digo “Rock’n’rogl!” mostrandoghe i corni. El xe tuto contento. Puntemo el ponte, oltre el qual ghe xe le terme principali. Costa 27 euri. Mal de istrianità, no se pol. Provemo ste altre alora. 12 euri. Figon. Sì ma xe tardi. Ah, pecà. E bon, alora andemo a quele che xe un poco più distanti ma verte de sicuro. Sì ma a pie no rivemo gnanca morindo. Ciolemo le bici? No dei, per ogi basta bici. Bon, taxi.
Entremo. 5 euri. Figada. Bon dei muli, femo veloci, che za gavemo fame de mati. Desso se lessemo un poco int’el’aqua calda e dopo andemo magnar. Solo che ghe xe un misunderstanding. No xe terme, xe una piscina. Disastro. L’aqua xe freda. Dei, ormai gavemo pagà, femose almeno una nudada. Sì, ma stemo poco, xe freda. Sì, tranquilo, zinque minuti, de più no resisteremo. Qualchidun de noi però l’elemento acqua lo conossi solo per tirar clanfini. Visto che gavemo za deciso de star poco, tanto val farse butar fora. Michele rompi el iazo e tira el primo clanfin. Del’altra parte dela vasca, i unici altri tre presenti no xe ‘ssai felici. Dei, vedemo se te schizi de più. Scolta, sa cossa, femo le robe ben. Parti la taconeti. Femo casin. Nissun ne ziga però. Ghe pensa el fredo a mandarne via. Se fiondemo soto le doce. Xe calde. Sa cossa? Lessemose qua. Stemo soto le doce calde un diese minuti boni, poi tornemo a vestirse. Per entrar in spogliatoio, ghe xe una porta che sembra quela de un rifugio antiatomico. Se chiedemo a cossa pol servir, e la mula al’ingresso la ne disi che servi se l’aqua del fiume straripa. Sarà. Secondo noi iera più bela la spiegazion che questo iera un ex rifugio antiatomico, tegniremo bona questa.
Dopo la classica zena a base de carnaza, bire e gnocheti, se rifugemo tuti nela stanza Galileiana de Paolo, Michele e Massimo per far el punto dela situazion. Tiremo fora le cartine, qualchidun varda, proponi e controla, qualchidun altro fa finta de capir, qualchidun altro za dormi, qualchidun altro scopri finalmente dove semo e dove doveremo andar. Ruoli diversi de sete de lori. Doman però saremo tuti sui pedai, cola stessa identica mission. Pedalar.

Tag: , , .

6 commenti a Trieste-Krakow in bici 7: l’importanza dei colori e l’amore per le Pez

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.