12 Settembre 2012

Trieste-Krakow in bici 6: a Bratislava, crocevia dei sogni dela muleria

Qua le puntate precedenti
As usual, foto bele de Marco Massimiliani. Quele brute xe mie. Forsi xe anche qualcheduna che ghe go fregà a Cionn. Bu.

But the Butthole Surfers always said it’s better to regret something you did than something you didn’t do. Che poi xe la stessa roba che “Ho sempre impostato la mia vita in modo da morire con trecentomila rimorsi e nemmeno un rimpianto”. Che poi xe simile al più sintetico You only live once. Che poi in triestin, visto che semo scazadoni, sbrindul e ancor più sbrigativi, se pol ridur ulteriormente: “dagheeeeeeeeeeeeee!
Incitamenti. A volte, per andar avanti, te ga bisogno de incitamenti. De motivazioni. De sentir che al tuo fianco xe chi che te vol ben e che vol continuar a condivider l’aventura con ti, perchè senza perdessi significato. Perchè cantar de soli ghe manca qualcossa, perchè magnar un’anguria soli no te ga chi spudarghe contro le semenze, perchè tirar clanfini in compagnia da più sodisfazion, perchè l’Oberdan senza el Galilei no gavessi el degno sparring partner. Assenze che finissi per riempirte la giornata. A volte però, anche questo no basta. Te son talmente copà che, anche se te son ben conscio del sostegno dei altri, te par de no farghela. Alora te devi solo che farte forza e zercar la tua motivazion, che sia tua e solo tua. Alora la sageza dei Butthole Surfers, che poi saria leteralmente i Surfisti del Busdel, pol darte una man. Quando son indeciso, quando son blocà, quando penso de no farghela, quando penso che bon, xe meo rinunciar a qualcossa, tanto el giorno dopo te se svegli comunque, alora penso ai ricordi che gaverò co sarò vecio. O più vecio de desso, insoma, no stemo far ironie sui trenteni. Insoma, proiezion al passato visto del futuro. De vecio, te se ricorderà dele tue storie e el motivo dei tui dubi, che desso te sembra cussì enormi e insuperabili, te sembrerà un’inezia in confronto a tuto el resto dela vita che te ga vissù, e a tute le esperienze, bele e brute, che te ga passà indene. E esserte fato fermar de quel dubio te sembrerà una dele grandi monade e dele grandi ocasioni perse, e te se pentirà, pensando ai ricordi mancai. Cussì, el ricordo del dubio che al momento no te da tregua resterà solo ofuscà, ma la tristeza dei ricordi mancai, eco, quela forsi sarà sempre limpida.
Michele me afianca a metà matina, ancora dolorante al ginocio, e me disi quel che no volessi mai sentir. “Stago seriamente pensando de trovar el modo de tornar indrio de Bratislava”. El dolor xe tropo forte e xe ormai de giorni che restemo in fondo ala clapa. No dei. Eh, ma me fa tropo mal. No dei. Te son za tornà indrio l’ano scorso al secondo giorno, pensa a quanto te se ga pentì dopo. Xe vero. Bon, intanto pedalemo.
Rewind. La colazion de ogi la femo su un tavolin fora de una pasticeria. Controlemo de esser ancora tuti vivi, dopo la note nel colegio dei fantasmi. Cionn ga un poca de febre. Forsi xe l’inizio dela maledizion dei muleti suicidi. El controla la boracia. Xe vegnuda mufa dentro. Segni e presagi. Semo cagai. Se preocupemo, se perdemo Cionn, la nostra stela polare, semo rovinai, no rivemo più de nissuna parte. Daghe de tachipirina.
La piaza del paese xe ‘ssai bela, el clima xe sereno. Fioi che cori col triciclo, mame che ghe va drio. Veci che bagola. Oltre ai soliti colombi fastidiosi, xe qualche useleto cocolo che ne tien compagnia.
Partimo. Giusto per ricordarne che semo in Ungheria, paese dei cani rosigadori de borse Lidl, un cagneto col cinciut vien fora de un giardin, oviamente spalancà, e ne taia la strada. Nema problema, ma speremo de no ripeter le brute aventure del’ano scorso. La tapa de ogi xe ‘bastanza piana e tranquila e la media oraria xe alta. Ove per alta intendo: alta per i nostri standard de sariandole barcolane. Le ciclabili ne consenti de no dover star in fila indiana, a parte co passa tratori, e el morale del grupo ne ciapa giovamento. Cantemo, come i fioi in gita. Pranzemo e se godemo una lunga pausa, ristoratrice sopratuto per i do più malandai.

La Nutela continua intanto a riscuoter un discreto sucesso.

No semo ancora entrai in Slovacchia, la meta xe Bratislava. No pensavimo che la iera cussì vicina al confin. Anzi, ai confini, visto che la xe vicina sia al’Austria che al’Ungheria. A dirla tuta, mi e Pasta scopripremo come che xe fata la Slovacchia solo ogi, vardando una cartolina. Questo per far capir quanto gavemo da’ una man nel’organizazion del percorso.
In mezo ala quiete più totale, riva la prima bira oferta. Massimo, che voleva imitar Paolo, el guru dele posizioni comode sul manubrio, prova a pozarse coi gomiti per rilassarse. El va longo al’istante. Stasera se bevi gratis. E in più: Oberdan 1 – Galilei 0. No femo gnanche in tempo a festegiar sto vantagio che Pasta, de fermo, se dimentica de tegnir la bici e nassi el patatrac. 1 – 1 e stasera do bire gratis.
Rivemo finalmente nela capitale Slovacca. Xe el quinto giorno, semo praticamente a metà del viagio. Xe el primo grande risultato che se gavevimo prefissà. De desso la ne par tuta in discesa.

Gavemo un contato. Prima de partir, go ricevù una mail de Pierluigi Solieri, giornalista de Buongiorno Slovacchia, che ne gaveva proposto un’intervista nel caso che ghe la gavessimo fata fin qua. Se metemo d’acordo per vederse la sera.
Michele trova la fermata del bus per Duin. Per farghe sta foto, el xe sta’ in sta posa per un zinque minuti, intanto che fazevo finta de sbisigar con la machina fotografica.

Iera tropo divertente vederlo cussì fermo con sto soriso de pampel in mezo ala piaza.
L’ostel dove se fermemo xe ‘ssai figo, con un picio giardineto fantastico dove se bevemo subito la prima bira de festegiamento. Massimo scopri de gaver un problema al cambio. Cascando, ghe se ga storto un poco la leveta. Un do martelade con l’aiuto de Paolo e passa la paura. Se dividemo nele camere. Mi, Siani, Michele e Massimo finimo nela stanza Finlandia, Cionn, Paolo e Pasta invece va in Italia. Distirà che dormi trovemo un mulo de Genova, che ne conta che el starà là per zinque giorni de solo, e che no el ga più cossa far perchè ormai el conossi Bratislava a memoria. Lo vederemo praticamente sempre in leto, anche perchè la note torneremo tardi e el giorno dopo partiremo presto. Andemo fora, Massimo ne porta in un local che el conossi, se sentemo e magnemo ala grande. Piato nazionale qua xe i spatzli, fati in diversi modi, con panzeta, con capuzi, con verdure. Diventerà la mia dieta uficiale de tute le serate slovacche. Ne ragiungi Pierluigi, che no ga dificoltà a trovar el tavolo dei sete muloni.

Inizia l’intervista. No semo ‘ssai abituai, ne vien de rider. El ne registra col celulare. Inizia Siani, che se la cava ala grande. Bon, roto el iazo, rivemo tuti a dir la nostra. Qua xe el belissimo articolo vegnù fora de quela serata. Se parla anche de Trieste, de lavoro e de prospetive per i giovani. Tra alcuni de noi, gavevimo za parlà dela consapevoleza de voler esser la generazion de trenteni che sta fazendo qualcossa per la cità, che vol crearse spazi, inventarse, reinventarse, no sbater contro el nosepolismo cosmico ma circumnavigarlo, scavarghe de soto, passar per i busi che de soli se stemo costruindo pian pian e dopo darghe una spalada ala Mark Lenders. No domandar, far. L’energia che te ghe meti per domandar te pol usarla diretamente per far.
El precariato come oportunità. Quale xe l’alternativa al’inseguir i nostri sogni? El precariato, se te va ben. E inseguir i sogni in fondo, a cosa pol portar? A una condizion un po’ pezo del precariato, se va mal. Ma almeno te sta lotando per qualcosa de tuo, in cui te credi veramente. El rinunciar ai tui sogni no te porta comunque a nissuna certeza, ormai. Quindi keep on dreaming. Ambiziosi idealisti forsi. Ma qua se torna al primo verso de sta puntata. Quel che per i Surfisti triestini del Busdel xe: “Dagheeee!”
Andemo fora. Pierluigi ne acompagna a far un tour noturno de Bratislava, che ne colpissi molto positivamente. I colori dela note aiuta sicuramente, ma te senti subito za del primo istante se in una cità te se senti sereno o meno. Bratislava ga i colori giusti. Michele fa amicizia con la statua de Napoleone. Se parla de italiani in vacanza, e condividemo quasi tuti el pensiero che co te li incroci mediamente te preferissi far finta de gnente e sconderte. Diese minuti dopo, le nostre orece capta parole e intonazioni famigliari. Aili! Tre muloni, Nicola Zucca, Daniele Marzona e Marco Codarin, in bici de Vienna a Budapest, passando per Bratislava. Proprio stasera, proprio qua. Trieste xe picia. Ma i triestini xe pertuto. Le nostre strade se incrocia qua, a 500 chilometri de casa. Tuti in bici. No ghe podemo creder. La festa parti al’istante e la roba che ne vien più naturale xe abraciarse e cantar la galina con do teste saltando come lole in mezo ala piaza.

Come iera che fra italiani al’estero se fa finta de niente? Eh, ma lori xe triestini, xe diverso. El senso de apartenenza xe tropo forte. Mi de picio iero adiritura convinto che esistessi le scole italiane e le scole triestine. E iero anche bastanza rabià de dover andar in quela italiana, perchè invece nele fantomatiche scole triestine no te gavevi bisogno de studiar tute le dopie e te podevi scriver i temi cussì come che te parlavi. Ma bon, de fioi se credi a tante robe che no xe.
Chissà quai xe i confini del senso de apartenenza. Incontrando dei bisiachi, gavessimo sicuramente gavù una reazion simile, la lingua xe quasi la stessa. Ma no gavessimo gavù l’automatismo dela canzon in comune. Chissà quante xe le robe che te ga de gaver in comune perciò che scati in automatico la festa co te se incontri. Xe come i cani che co se incontra a volte i se rugna e a volte i taca subito zogar, spinti da chissà quai lumini del zervel che se ga impizà. Etologia comparata.
Se impiza anche l’automatismo dela bira tuti insieme. Domanda scontada: Oberdan o Galilei? Due Oberdan. E ti? Petrarca. Finalmente compari una scola nova. La serata scori via veloce. Lori i viagia con la tenda, i dormi in mezo ai boschi o dove capita. Figada. Altro viagio in bici, altre grandi storie che resterà nei ricordi.
Rientremo in ostel, semo discretamente copai e doman dovemo comunque pedalar. Nonostante l’entusiasmo dela giornata, semo pur sempre solo a metà del percorso. Ma speta, qua xe una porta, xe festa zo. Andemo butar l’ocio dei! La porta xe el cancel del’inferno. Zo trovemo un calceto, che ocupemo al’istante, e pien de muleria che par no gaver nissuna intenzion de andar a dormir presto. I ne buta l’enesima bira dela serata. No basta. I ne buta anche un brinjevec, o qualcossa de ‘ssai simile. Ancora calcetto. Xe anche un computer! Dei, vardemo se la mapa che gavemo messo su Bora.La funziona. Sentai negli inferi del’ostel de Bratislava, scoprimo che el puntin che segnala dove semo xe esatamente puntà su Bratislava. Esatamente dove semo adesso. Negli inferi del’ostel de Bratislava. Robe orwelliane ciò. Ultimissima de calceto e se torna in stanza, tropo euforici per zercar de no svegliar el mulo de Genova, che probabilmente el ne volerà rimandar al’inferno.

Pupolo de Michele Zazzara

Statistiche de Siani
6h04m05s
120,8km
19,9km/h media

Tag: , , .

10 commenti a Trieste-Krakow in bici 6: a Bratislava, crocevia dei sogni dela muleria

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.