7 Settembre 2012

La vera storia della “Flon Flon”

Un grandissimo grazie a Renè che nel suo blog Trieste patoca ogni tanto pubblica delle chicche notevoli. Già aveva pubblicato la vera storia dell’Omo Vespa. Ecco qua la vera storia della Flon Flon.

LA “FLON – FLON” (AI, BAI, TU ME LA DARAI) – UN FATTO DI CRONACA TRIESTINA!
Renè

Bondì, mularia mata…

Oggi vi voglio postare la famosa canzonetta folkloristica triestina “Andando zo’ pel Corso”, meglio nota ai più come “La FLON-FLON”, o anche con il suo sottotitolo “Ai, Bai, tu me la darai” il che è tutto dire!!!
Ancor oggi viene allegramente cantata da molta gente, nelle osmize e nei ritrovi conviviali, ma in pochi forse sanno che questa canzonetta, divertentissima e simpaticamente fuori dalle righe, nacque da un reale fatto di cronaca accaduto a Trieste, nel 1909.
La “FLON – FLON” era una nota prostituta triestina (argomento già trattato anche nel precedente post dedicato alla “Muta”), e un dì fu avvicinata, proprio in Corso (nella zona antistante Piazza della Borsa), da un buffo signore sulla cinquantina. Questo signore invitò la FLON – FLON in un vicino ristorante in Piazza della Borsa.
Dopo il lauto pranzetto, questo signore volle chiedere in cambio una prestazione in natura!
La FLON-FLON disse “no, grazie per il pranzo, ma per i miei servigi in natura bisogna pagare”. E così dicendo, se ne andò via. Ma il buffo tipo, non contento, la inseguì, ed in un vicoletto del quartiere (oggi non più esistente) di Riborgo, la violentò!
Un grave fatto di cronaca, insomma.
Ma il triestino, sempre pieno di morbin, sulle note di una marcia austroungarica, ci ricamò sopra questa canzonetta.

Per altro, si usa dire a Trieste “vestir ala Flon – Flon”.

Qui sotto, il testo in dialetto triestino:

“LA FLON – FLON (Ai, Bai, tu me la darai)”

Andando zo pe’l Corso – ai bai tu me la darai
incontro na flon flon – zigozela zon-zon-zon
e mi ghe vado drio – ai bai tu me la darai
ghe pago ‘na porzion – zigozela zon-zon-zon

E co ghe pago ‘l conto – ai bai tu me la darai
la me peta un scarpon – zigozela zon-zon-zon
E mi ghe coro drio – ai bai tu me la darai
la beco in t’un porton – zigozela zon-zon-zon

Ghe tiro su ‘l sipario – ai bai tu me la darai
i me fica in canon – zigozela zon-zon-zon
la và a ciamar le guardie – ai bai tu me la darai
i me fica in canon (prigione) – zigozela zon-zon-zon

E dopo nove mesi – ai bai tu me la darai
xe nato un bel mas’cion -zigozela zon-zon-zon
Che nome ghe daremo – ai bai tu me la darai
ghe daremo Giovanin, capobanda del casin!!!!

Hai scritto qualcosa (o fatto foto, o video, o pupoli…) di divertente/ironico/satirico su Trieste, Gorizia e dintorni? Mandacelo al Quel dela Quela! Scrivi a manna@bora.la

Quel dela Quela on Facebook
Tag: , , .

12 commenti a La vera storia della “Flon Flon”

  1. Avatar sfsn ha detto:

    la terza strofa mi la savevo cussì (perchè altrimenti xe el stesso verso “i me fica in canon”):

    ghe tiro su el sipario
    la me fica un canon
    la va a ciamar le guardie
    i me fica in canon
    (con el dopio significato de canon-pugno e de canon-galera)

    Però podessi esser anche
    Ghe tiro su el sipario
    mi ghe fico el canon
    la va a ciamar le guardie
    i me fica in canon

    che spiega meo cossa che xe sucesso, ga el dopio significato de canon-… e de canon galera e inoltre anche ficarghelo cambia el significato.

  2. Avatar aldo ha detto:

    se ga mai capì perchè a sta prostituta i la gaveva ciamada flon-flon e se ga un significato?

  3. Avatar René ha detto:

    Bondì

    Inanzituto, ringrazio Diego Manna

    Po me volevo scusar coi letori… gavè ragion tuti e do’.

    Risposta al primo post…

    Eror mio de batitura, pena ricoreto… la strofa coreta xe questa:

    “Ghe tiro su ‘l sipario – ai bai tu me la darai
    me beco un bel sgrafon – zigozela zon-zon-zon
    la va a ciamar le guardie – ai bai tu me la darai
    i me fica in canon (prigione) – zigozela zon-zon-zon”

    Risposta al secondo post…

    “FLON – FLON” iera un nomignolo privo de significado in sé, dado del popolo per indicar sta qua.
    Un po’ come per “Frou – Frou” che, na volta, indicava qualchidun del’altra parochia (“ciò, quel mato me par un po’ Frou – Frou… “)

    Al’epoca, fin al’avento dela Lege Merlin, le prostitute, almeno a Trieste, le vigniva spesso e volentieri indicade tramite nomignoli.

    Come, per l’apunto, la zà citada “Muta”, opur la “Bersagliera”, e via disendo…

    Un saludo

  4. Avatar René ha detto:

    P.s.: zonto ancora na roba… el testo dela canzon xe quel più conossudo, lo stesso del videoslide de Youtube, ma nel corso de sti cent’ani e passa, el testo (come tuti i testi popolari de tradizion oral) ga subido varie modifiche, ma più o men resta quel, in definitiva.

    Saludi

  5. Avatar aldo ha detto:

    zercando sul web me xe parso de capir che flon flon in francese vol dir squillo in senso musicale (p.e. squillo de tromba) da cui podessi derivar l’uso del termine francese per el sopranome triestin de squillo nel senso de prostituta

  6. Avatar Bibliotopa ha detto:

    C’è già stato proprio su bora.la una discussione su flonflon.
    Nell’uso comune non si tratta di prostitute ma di donna alquanto grassa “che flonflon de mula” non vuol dire darle della prostituta, anzi mi vien da pensare che fosse stata la signorina (?) Flonflon ad essere così denominata per le sue dimensioni.
    In francese flonflon attualmente significa musichetta, ritornello: Edith Piaf Olympia 61 Les flonflons du bal ( i ritornelli del ballo)

  7. Avatar Fiora ha detto:

    @ 7 concordo con Bibliotopa. “flon flon” termine quasi onomatopeico a designar el ritmico sbalonzolar dele mulze in movimento.
    Flon-flon sinonimo quindi de mula in carne a prescinder che la sia o meno “di piccola virtù”.
    Che po’ le flon flon no fussi tute Figlie di maria,ghe pol in subordine star.
    Mi savevo “Ghe calo zò el sipario ,la me fica un stramuson…” con tuto el seguito… 😉

  8. Avatar Jimmy ha detto:

    Mi la savevo cussì:
    Ghe tiro zò el sipario, ai bai …
    ghe fico sù el stropon, singusela …
    sul più bel che ciapo gusti, ai bai …
    riva un vecio col baston, singusela …
    el ga ciamà le guardie, ai bai …
    i me ga ficà in canon, singusela …

  9. Avatar jure ha detto:

    flon flon forse più corretto strafanic

  10. Avatar foconero ha detto:

    L’unico giusto xe Jimmy: el suo secondo verso (ghe fico…) xe essenziale, se no la xe censurada e perdi el senso.
    La cantavimo con qualche picola diferenza che andava meio per la metrica:
    Ghe tiro zò el sipario, ai bai …
    ghe fico sù el stropon, singusela … (sighesela sighezon)
    e sul più bel dei gusti, ai bai …
    riva un vecio col baston, singusela …
    el ga ciamà le guardie, ai bai …
    i me ga ficà in canon, singusela …

  11. Avatar GTdeTS ha detto:

    picolo apunto : alla seconda strofa dela canzon originale, xe un sbaglio de batitura – ” scarpon” da sostituir con “scampon”. Se no, …come ghe coro drio ? La terza strofa xe come la ga scrita FOCONERO e dopo la quarta se podeva zontar come finale …che regalo ghe faremo, ai bai…. ghe faremo un bel autin, per menarse el …cicin !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.