6 Settembre 2012

Trieste-Krakow in bici 4: l’indimenticabile ospitalità de Frida

Qua le puntate precedenti

As usual, foto bele de Marco Massimiliani. Quele brute xe mie.

El bel dei ostei xe che te paghi poco e te sta in stanza tuti insieme, che sarà anche più scomodo per i bagni e le doce, però xe sicuramente più divertente. El bruto dei ostei xe che mediamente no i ga la colazion. Cussì, la matina se sveiemo e semo costreti a bagolar un poco in giro per trovar de magnar. Trovemo un negozio carigo de paste e pastine, e se perdemo nela scelta. Mi voio quei. Sì, ma con la ciculata, quei ga la marmelata. Michele dighe dei, ti che te sa la lingua. Tre de questi. No, quatro. No, quatro de quei altri gavevimo dito. Sì ma no se pol gaverli senza zuchero a velo? Dei, dighe. Incasinemo al’inverosimile la mula al banco, che però xe ‘ssai cocola. Ala fine semo tuti felici e debitamente zucherai.
Cionn fa le prove de look ccgnaf, testando come che ghe sta le calze con le zavate.
Mentre se preparemo per partir, riva el mulo del’ostel a chiederne come se semo trovai. El ne spiega che i ga verto de poco e che i xe pieni de entusiasmo e de idee, i vol far in modo che Celje diventi una cità in cui la gente anche se ferma, no solo un posto de passagio. Al momento, in efeti, no xe che la ofri ‘ssai robe che ne podessi spinger a fermarne. El ne chiedi del viagio, de dove vegnimo, dove andemo, come, perché. El ne fa anche le foto che dopo el meterà sula pagina facebook del’ostel.

I viagi in bici desta quasi sempre curiosità in tuti. La bici xe un acumulator de afeto. Xe dificile no provar almeno un minimo de simpatia per dei mati che pedala tuto el giorno con le borse tacade. La gente se chiedi che storia te ga drio, e davanti, xe una roba che vien in automatico. Tuti se gira a vardarte, tuti rispondi al tuo saluto, tute rispondi ai tui sorisi. Se te ghe soridi a una mula co te la incroci a pie, xe quasi sempre un inequivocabile sardon. Soriderghe a una mula in bici xe diverso. Xe la ricerca de un momento de empatia, una richiesta de un atimo de sostegno, de qualcossa che te ralegri, de un stimolo, de un ricordo de conservar gelosamente per un poco de tempo. Tanto fra dieci secondi te sarà già lontan, xe evidente a entrambi che no pol esser un sardon. Però te sarà lontan col ricordo de un soriso in più e con una feta de afeto in più.

Pupolo di Michele Zazzara. P.s. Michele, vacagar, no te ga poesia.

Pedalemo in direzion Maribor, strada con continui saliscendi che meti a dura prova le nostre gambe. Michele, un dei galileiani che ieri rucava come mati i ultimi venti chilometri, incomincia a sentir mal al ginocio. Idem Massimo, e anche i miei ginoci se sta lamentando. Decidemo che le gare de fine tapa xe una monada tropo monada, no xe el caso de farle più, altrimenti a Cracovia sicuro no se riva. Siani ga una pomata miracolosa con un poche de verdure dentro. Ne porta un certo solievo, ma el dolor no sparissi del tuto.
In prossimità de Maribor incomincemo a perderse. I semafori no funzia e le indicazioni xe aprossimative. O forsi semo pampel noi. Morale, ne toca tornar controman sfidando l’ira funesta dei Tir.

Grande idea ciò. Cossa femo, dove andemo? La direzion de ciapar purtropo xe quela, ma no podemo andar in autostrada. Trovemo quel che podessi sembrar un sentierin un poco più bike-friendly. Xe ‘ssai strento, ma almeno xe fora del stradon.

Pranzemo sula Drava, riparai dal’ombra dei alberi. Xe un pochi de cigni che ne tien compagnia. No i ne soridi però, niente empatia interspecifica.
Continuemo sempre in prossimità del stradon. El contato con la natura xe bastanza ridoto al minimo e la privacy de certi momenti purtropo xe quela che xe.

Passemo el confin con l’Austria, ma dopo rientreremo in Slovenia. Come in ogni confin, se femo la foto de rito. Incrocemo un vecio in bici che taca a parlarne in tedesco. Aiuto, dove xe Michele? Ecolo, bon, cossa ne sta contando sto veceto che ‘ssai ghe fa rider? Michele se la ridi anche lui. Anche Cionn capissi. Noi spetemo la traduzion. In pratica el ne conta che lui de giovane el se ga passà mile e più babe, e che dopo co el xe diventà serio el ghe ne gaveva tre: una per cusinar, una per andar in bici e una per… bon, gavè capì. Tre ciò. Se vedi che babe full optional de ste parti no i tegniva in catalogo ah. El ne sugerissi la strada per andar avanti.
El scorer del tempo te lo noti dela grandeza dele ombre. Pedalemo verso nord-est, la matina le gavemo de drio e no te ghe badi ‘ssai. Te incominci a gaver consapevoleza dela tua ombra sul tardo pomerigio, quando la te afianca, la diventa sempre più grande e minaciosa fino a tentar el sorpasso, che ghe riesci sempre. La te beca sula stancheza, la maledeta. Ti ormai te son quasi al capolinea che za te pensi ala tua birona serale, e de colpo te spunta sta qua che vol rivar prima de ti. E magari fregarte la bira. Alora te pol rucar quanto che te vol, ma te resterà sempre e comunque de quel mezo metro drio de ela, che la par andar avanti senza far la minima fadiga. In uniforme tuta nera, la par glaciale e inespressiva. Se te ghe mostri i corni con la man sinistra, ela no reagissi. Ma te sa benissimo che de sicuro la te sta mostrando la lingua, sta smafera.
La nostra meta xe Gornja Radgona, dove ad aspetarne trovemo la mitica Frida. Soridente, picinina, cavei bianchi, la ne acogli con sete botiglie de Lasko. La se ga guadagnà la nostra stima imperitura. La taca parlar a mile in sloven. Dove xe lo strumento per le lingue Zazzara? Ecolo, el xe stravolto che el smonta dela bici zotando. Se giremo tuti verso de lui. Movite, gavemo bisogno de ti. No dei muli, el mio unico desiderio desso xe distirarme e morir, no steme far parlar. Dei dei, bevite sta Lasko che te se ripigli. I neuroni ricomincia a carburar. Gavemo recuperà el MicheleTranslate. Un poco alegroto, ma sempre eficiente. La ne disi che la vol farse una foto con noi prima che partimo, che cussì la la tacherà sul muro dela prenočišče.

La ne mostra le stanze, bele e acoglienti, e la ne sugerissi un posto dove andar a magnar. Xe el frigo in stanza. Ghe chiedemo se la pol farne trovar qualche Lasko dentro per quando tornemo. La ne disi de sì, felice. Riva el marì. El ghe disi che el va a far la spesa. La ghe rispondi “va, va pur, fila via!”. Tuti pazzi per Frida.
Molade le borse, risalimo sule bici per lanciarse ale terme, in Austria, el confin xe sempre vicin. Xe rivalità oviamente, Frida ne disi che quei “del’altra parte” xe tuti un poco con la spuza soto el naso. Con le bici cussì legere, te sembra de svolar. Femo un pochi de salti per la gioia e l’agilità ritrovada. Rivemo al complesso termale. I ga sugamani? Sì, ma te paghi extra. Bon, niente sugaman, usemo i nostri pici. Ma xe anche le saune? Sì, ma te paghi extra. No dei, volemo solo smoiarse in acqua, niente sauna. E sopratuto no volemo pagar extra. Xe un verbo che no ne piasi ‘ssai. Entremo. Orca, questa no xe tanto calda. Però xe el scivolo! Se torna, tanto per cambiar, fioi. A sto punto tanto valessi dir: se confermemo fioi. Andemo a cercar una vasca più calda. Becada. La xe fora. E co inizia a sufiar i spruzi te son in paradiso. Mi de qua no me movo, saluti! Orca, xe finidi, movite spostarte veloce prima che rivi quei do veci a fregarne el posto! Fata, gavemo ocupà tuto. E quela cascata? Xe acqua calda? Sul colo? Andemo, movite! Stemo a smoio per una bona oreta. Xe poca gente, semo i paroni dele terme. Rientremo, decidemo de far ancora un giro sul scivolo e andar via. El scivolo xe chiuso. Maledizion. E alora come podemo concluder degnamente? Mi, Michele e Massimo tiremo un clanfin. No se pol. Bon ma tanto no ne ga visto nissun. Te ga visto che go schizà fin sul sofito? Oberdan 1 – Galilei 0.
La fame diventa pesante. Xe scuro. Sete lumini su due riode ilumina la strada. Pedalar col scuro xe belissimo, me fa sempre vegnir in mente la scena de ET in cui poi i incomincia a svolar via, senza più gnanca la limitazion de dover star pozà sula strada. Te guadagni una dimension, in pratica. Ah, ma semo ancora pozai sula strada. Bon, basta sogni a oci verti, semo rivai nela Gostilna. I xe lenti, ma val la pena spetar. Tornemo a casa con le panze piene, e trovemo le Lasko a spetarne in frigo. Tiremo fora le carte, scata la sfida a cotecio. Due oberdanini contro tre galileiani. Nonostante el svantagio numerico, ala fine vinzi Siani, chiudendo con un gran capoto, danno e beffa. Giornada campale per l’Oberdan.

Distanza 121,4km
Media 20,3km/h
Tempo 5h58m52s

Tag: , , .

8 commenti a Trieste-Krakow in bici 4: l’indimenticabile ospitalità de Frida

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.