26 Agosto 2012

Trieste-Krakow in bici: prima parte del diario. L’importanza degli incontri.

Sabato 11 agosto. Ale 9 de matina. In 7 de lori. Con altri 5 che se zonterà per un toco. Con un che la sera prima ga tirà le 3 de matina a una festa. El giorno 1 del’enesimo viagio in bici, dopo Berlino, Grossglockner e Budapest.

Girar in bici, anche nel quotidiano, te insegna a goderte ogni istante dela vita, a considerar importante ogni incontro, ogni dialogo, a esser aperto e a non chiuderte nele tue robe, nei tui traguardi, per quanto importanti questi possi sembrar. Xe un modo de esplorar i loghi, i tempi e le persone in maniera lenta, sempre ricetivi, sempre pronti a coglier qualsiasi oportunità de condivision. La meta perdi importanza, come in fondo spesso capita in tuti i tipi de viagi. Ma in bici questo risulta ancora più evidente. No te son isolà del contesto, ma te ghe son sempre totalmente imerso. Che sia boschi, piste ciclabili, fiumi, strade statali con camion spuzolenti, auti su cui te se schianti, cani col cinciut che te cori drio, gente che rispondi ai tui saludi, gente che no te ga pel cul, gente che te manda a remengo, che sia qualsiasi roba, el contato coinvolgerà sempre tuti i sensi, e sarà sempre qualcosa de totalizante. In auto no xe cussì. In auto te son isolà, te viagi baricado dentro el tuo inibitore sensoriale. Casin. Rumorazi fora. Silenzio dentro. Meo impizar l’autoradio. Za meo, perdemose nela musica e impizemo el pilota automatico del zervel, guida ti dei, tanto la strada questa xe, o perdemose nei nostri pensieri. Questo almeno xe quel che fazo mi in auto. Anche viagiar a pie xe diverso. Per quanto te sia a contato direto col mondo esatamente come in bici, anzi, sicuramente de più, l’uso dei pie xe una limitazion fortissima ai cambi de ritmo, a cui personalmente son legà tantissimo. Lanciarse in bomba in discesa, sentir el vento sui cavei, sentir lagrimar i oci per la velocità, el tuto dopo gaver rucà come mati per salir fin in zima, xe una sensazion fantastica. Ogni tipo de viagio porta a dover rinunciar a qualcosa in cambio de altri vantagi. Mi credo che la dimensione bici sia la dimensione perfeta, almeno per quel che me riguarda in questo momento.
Chi semo sto giro? El giro de mail organizative xe incomincià tra i zinque che l’ano scorso xe andai a Budapest. Mi, Eric Medvet, Stephane “Pasta” Pasticier, Riccardo “Cionn” Ferrari e Michele Zazzara. Decisa la meta, Cracovia, de subito Cionn se ga ativà nel suo ruolo fondamentale de mente organizatrice, tirando zo mape, tape, altimetrie e tuto el tutibile e mandando una marea de link, file e documenti via mail e via dropbox in modo che tuti podessimo vardar e contribuir. Robe che, ma no ocoressi gnanche dir, parechi de noi no ga gnanche mai verto. No iera el nostro ruolo.
El mio ruolo invece xe stado quel de alargar la clapa de partecipanti, per pura casualità.
Incontri. La vita xe fata de incontri. Alcuni te li zerchi, fissandoteli e ragiungendoli con determinazion. Altri capita per caso, lungo la strada che te stavi percorendo, verso la tua meta. In fondo ala fine xe el stesso discorso del’andar in bici. Viver el percorso e esser sempre aperti ai incontri. Poi magari tanti no te disi niente, cicole ciacole de circostanza e via. Ma de alcuni nassi robe belissime, e alora solo per quei val la pena darghe la possibilità de cambiarte la vita a tuti i incontri.
Cussì, via via che la data dela partenza se avicinava, i incontri e i dialoghi casuali fazeva nasser in tante persone la voia de condivider. Una dele robe che più te rendi felice xe veder che le tue passioni vien trasmesse, e la frase che forsi più me ga fato piazer xe stada “A furia de leger le vostre cagade, me xe vegnuda voia anche mi de cior in man sta cazzo de bici”.
El primo a agregarse xe sta’ Marco “Siani” Massimiliani, che za se stava organizando per far un giro in bici de solo proprio nel stesso periodo. Storico e librofilo, lui xe, assieme a Paolo, l’elemento culturale del grupo, nonché notevole rinforzo logistico nel perfezionamento dele tape, con le cartine tradizionali. Siani e Cionn, tradizion e tecnologia, analogico e digitale. Integrazion perfeta.
Poi Paolo Stanese, incontro nato sule pagine de Bora.La. Librofilo e elemento culturale anche lui. Ga deciso de unirse prima ancora de trovar el mezo con cui partir. Sembrava quasi che el rivassi a comprarse la bici de Devis Bonanni (i librofili ga de saver chi xe), ma dopo el ga dovù ripiegar su una vecia mountain bike fata metendo insieme i tochi de do. Ma no el ga mai perso un colpo.
Ultimo, probabilmente l’incontro e la storia più bela. Massimo “Pessimo” Rigo, laureando in chimica, conossù in osmiza l’ano scorso e de mi scambià per “Quelchemagna” dei Gli I The Betolers (questa no te se la ricordavi ah, Massimo?). La legenda disi che el 20 luglio, durante una festa epocale a Barcola, dopo gaver scoperto che l’aqua dela fontana xe profonda abastanza per tirar clanfini e mentre altri (ciau Jan) se lanciava in bici dentro dopo gaver fato un per de giri lungo el bordo, go incontrà Massimo e lo go invità a unirse ala clapa de ciclisti. La legenda disi anche che el giorno dopo se semo incontrai de novo per caso a Barcola e solo uno dei do se ricordava del’invito, prontamente rinovà. Le versioni de quel che iera nato durante la festa xe comunque rimaste discordanti. A volte un incontro non basta a cambiar el destin, ma ne servi almeno do.
Sì ma 5 veci + 3 novi fa 8 in totale, no 7. Xe vero. Solo che purtropo Eric Medvet no ga rivà partir, quindi eco de dove che vien fora el numero 7. El mulo se ga sfogà ciamandone piova per tuto el lunghissimo scambio de mail. E difati dopo no ga mai piovù, ciapa.
La roba de cui se semo acorti quasi subito xe che tuti e 7 vegnimo fora dei 2 licei scientifici citadini.

I protagonisti. Pupolo di Michele Zazzara

Mi, Pasta, Siani e Cionn del’Oberdan, Michele, Massimo e Paolo del Galilei. Inutile dir che xe nata subito la classica competizion, che sarà poi uno dei leitmotiv del viagio. El giorno prima de partir Michele ga proposto ala sua compagine galileiana el look baffuto de veri polacchi. E cussì i xe partidi. 1-0 per el Galilei.
Per la prima volta in assoluto sto giro se semo tuti almeno un poco preparai. Alenai saria dir tropo. Però tuti da almeno do meseti gavemo usà regolarmente la bici, almeno per andar a Barcogliah. E le gavemo anche sistemade un minimo. Mi go cambiado i freni visto che ormai frenavo fero contro fero fazendo falische. El giorno prima de partir me se ga anche sfilacià el cavo del cambio. Vado in negozio e esordisso con un bel “Mi go un problema”. Apena che go finì la frase, go capì subito de gaver sbaià tuto. L’ovia risposta al mio “go el cavo del cambio sfilacià” xe stada difati “Sì, ma, come te vedi dal cartel là fora, mi de doman son in ferie”. “Sì, ma mi me servi ogi, doman parto per Cracovia in bici”, “Anche mi parto doman, non in bici però. El massimo che posso far xe venderte un caveto novo”. Ben dei. Almeno quel. Con grande sforzo però. Poi el me ga comunque spiegà come se fa, ala fine xe una monada che se pol far benissimo de soli.
Bon, tanto per cambiar volevo scriver dela prima tapa fin Logatec e invece me son perso in monade e no semo gnanca partidi. Giovedì la seconda parte!

Tag: , , .

19 commenti a Trieste-Krakow in bici: prima parte del diario. L’importanza degli incontri.

  1. Pingback: Viaggiare lenti: diario in bici Trieste-Cracovia – Parte 1 | BUONGIORNO SLOVACCHIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.