3 Luglio 2012

Maxischermo in piazza Unità per la finale degli europei: chi paga?

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa di Enrico Rossini (Popolo Viola)

Sulla pagina Facebook di Cosolini trovo scritto:

Vista la crescente richiesta da parte di tutti voi, allestiremo un maxischermo in piazza dell’Unità per guardare assieme la finale degli europei Italia-Spagna. Buona domenica a tutti!

Immagino che questa brillante mossa del sindaco sia in conseguenza del fatto che gli italiani sono degli idioti e quindi non si interessano di problemi quali ad esempio il suicidio di altre persone oggi a causa dei debiti, l’Iveco che chiude gli stabilimenti in Italia o che l’IVA comunque sarà alzata dal 1° gennaio 2013 anziché da ottobre.
Ma veniamo nello specifico a Trieste. Quello che vorremmo sapere è quanto questa operazione costerà alle casse del nostro Comune visto che penso non è il sindaco che paga il maxischermo ma la fattura arriverà al Comune. Quindi come al solito pagheremo noi! A questo punto vorrei sapere con quale faccia si autorizzano spese di questo tipo. Ammettiamo anche che il costo sia irrisorio ma forse questi soldi potevano essere messi a disposizione di persone bisognose, magari limare l’IMU o impiegati comunque in modo diverso per ottenere dei risultati più soddisfacenti per la nostra città.

68 commenti a Maxischermo in piazza Unità per la finale degli europei: chi paga?

  1. lorenzo ha detto:

    Paga Pantalòn , come al solito …

  2. capitano ha detto:

    Bon ma qua me par che se stia esagerando.

  3. sfsn ha detto:

    no sarìa mal che la pagassi i undici bamboccioni in mudande che se ga becà 10 milioni de premio (20 milioni se i vinzeva).
    Comunque mi sta roba dei maxischermi la metessi a pagamento: chi che vol andar a veder, paghi

  4. Alessandro ha detto:

    ipocriti. se i fazeva un spettacolo de danza nissun se lamentava. me par che sta crociata anti calcio sta andando un po’ oltre

  5. j.p.wallace ha detto:

    Se non ci fosse stato il maxischermo in piazza unità non mi sarei disperato. Ma non mi indigno nemmeno perchè l’hanno messo; mi sentirei ridicolo se l’avessi scritta io questa lettera.

  6. Bibliotopa ha detto:

    e se no i fazeva, loiche come per el albero de Nadal..

  7. alpino ha detto:

    ecco un altro personaggio che sbaglia i tempi, l’oggetto ed i modi di fare protesta, sto signore del popolo viola ha fatto una bella figura di M…. peccà che el maron no se intona col viola

  8. Paolo Nanut ha detto:

    Non vedo tutti questi problemi per un maxischermo per una finale di calcio a distanza di 6 anni dell’ultima volta e a 12 dall’ultima finale europea. Suvvia ci sono altri sprechi in giro ben più gravi

  9. Sandi Stark ha detto:

    Nanut, a Napoli i ga speso € 50 mila per el noleggio del maxischermo. Dipendi dalla dimensioni, comunque el prezzo no xe quel de un sacheto de nosèle nè de pistaci.

    Secondo i suoi commenti, go l’impression che Lei ogni tanto la gabbi dei atteggiamenti collaborazionisti col regime che ne sfrutta e ne opprimi.

    E se “collaborazionista” ghe sembra una definizion poco attinente, disemo che la giustifica e la accetta tante “stravaganze” proprie del popolo che ne domina, e xe stravaganze che ne costa carissime, anche economicamente e no solo culturalmente e per la nostre identità.

    Qualchidun come Durnwalder, accusà de “collaborazionismo” dall’ala patriota del suo popolo, riva a portàr a casa sempre un prezzo conveniente, in cambio dei suoi “compromessi” co’ l’occupante.

    Cossa porta a casa i nostri “collaborazionisti”?

  10. AnnA ha detto:

    Il calcio può essere visto a casa, così non solo si risparmia, ma chi non è interessato non viene essere disturbato (basta ledere la libertà personale altrui).

  11. Alessandro ha detto:

    Sandi commento allucinante: molla el colbo dei con sto collaborazionismo. Se parla del noleggio de un maxischermo, la piazza iera piena, una larga parte della cittadinanza ga beneficià delle vento. Perché bisogna sempre far polemiche sterili? E in più perché usar ogni argomento pretestuosamente per buttar dentro el solito messaggio ideologico?

  12. Alessandro ha detto:

    @10: pretesuoso! Allora ogni patrocinio del Comune ad una manifestazione pubblica è fuori luogo perché non avrà mai il 100% dei consensi. Finanzia una manifestazione dei cani? A me piacciono i gatti! Finanzia una manifestazione per pensionati? Lede il mio status di giovane. Organizza un concerto? Lede il diritto al riposo. Paga per il bike sharing? Trascura i marciapiedi e via così all’infinito. El sport preferido dei triestini xe romper le balle e infatti a Trieste no se movi foia.

  13. sfsn ha detto:

    AnnA, te me vol sposar? sto comento me ga fato inamorar! 😉

  14. Alessandro ha detto:

    Trieste loves jazz:
    http://www.scuoladimusica55.it/node/138
    No me piasi sta musica. Perchè la finanzia con i miei soldi?

    Progetto Amalia
    http://www.televita-spa.it/custom/sez_browse1.php
    No son miga vecio mi!? Perché el Comun sostien l’iniziativa?

    BuenaVistaSocialClub
    http://www.unipoptrieste.it/upt/buena-vista-social-club-per-la-prima-volta-a-trieste/
    A mi no me interessa. Perchè i devi imporme de far ste robe anche con i miei soldi?

    Devo andar avanti o i crociati ideologici anti calcio ga capì l’antifona? La piazza iera piena? I bar là intorno ga lavora de più? La gente iera contenta de unirse in piazza a veder balon insieme? Cossa xe tanto de discuter?

  15. Diego Manna ha detto:

    quoto bibliotopa 6.

  16. sfsn ha detto:

    ma inveze che far el megaschermo, no podessi trovarse in piaza unità ognidun col suo televisorin? cussì quei che ghe interessa xe comuqnue tuti insieme e se risparmia i bori del megaschermo

  17. isabella ha detto:

    Ho pensato la stessa cosa pochi giorni fa passando per Villa Vicentina e leggendo il cartello con scritto “stasera partita in piazza con maxischermo”.
    Da qui a dare dell’idioti agli italiani mi sembra davvero pesante, ma si sa che ormai ben pochi non usano ricorrere ad insulti per dare forza alle loro idee.

  18. aldo ha detto:

    Rossini, che triste moralismo da quattro soldi…

    …no se vivi de solo pan e de discorseti col ditin alzà, ma anche de star insieme, alegria e emozioni comuni…

    …per tanti (no per mi) iera un evento sai sentido e chi xe in dirito de giudicar da l’alto in basso el valor dele emozioni dei altri?

    col maxischermo la gente xe stada insieme in piaza, se ga divertì insieme, ga socializà inveze de star ognidun segregà in casa davanti el suo schermo privato e alora…

    soldi ben spesi, bravo Cosolini!

  19. sfsn ha detto:

    aldo,
    solo a livel de provocazion più ironica che seria: anche nel medioevo e fin ala rivoluzion francese e dopo la gente andava a veder le esecuzioni capitali in piazza: i stava insieme, i se divertiva insieme, i socializava…

  20. Fiora ha detto:

    Ma quai sprechi,dei! andava fatto. No vedo el caso de far questioni de principio su una spesa che ga “afrontà” la gran parte delle città de tutta Europa.
    Parlar de IMU, de mancati aiuti ai bisognosi in rapporto alla spesa per l’utilizzo de un maxischermo in Piazza xè come butar sal in mar…no saria cambià niente nella sostanza . Né più poveri né più ricchi.
    Solo più imiseridi,per zogarse a far i spartani.
    Forsi se la finale iera cola Slovenia, alora saria sta cosa buona e giusta?! sicuramente, sì. 😉

  21. Alessandro ha detto:

    @19 PAROLE SANTE!

  22. Paolo Geri ha detto:

    Si paga il Comune. Ed è giusto che lo faccia. Tutta l’ Italia era piena di maxischermi perchè – a torto o a ragione – alla maggioranza degli italiani interessava. Secondo la logica dell’ estensore dell’ articolo il Comune non dovrebbe sponzorizzare più nessuna iniziativa sportiva, nè tantomeno i festeggiamenti in piazza per Capodanno.
    Trovo atteggiamenti di questo tipo espressione di un moralismo snob. Ben altri sono i modi per non buttare via il denaro pubblico.

  23. Alessandro ha detto:

    @23 PAROLE SANTE -parte 2-

  24. Fiora ha detto:

    @24 e cossa le mie al 21 xè parole popoci? 🙁
    Ara che divento gelosa, sa Alessandro?
    😀 😀 😀

  25. Sandi Stark ha detto:

    Alessandro, l’Italia ga el 35% de disoccupazion giovanile (notizia de oggi) contro l’8% de disoccupazion giovanile de l’Austria el 4% de disoccupazion totale.

    E sembra che el dato sulla disoccupazion italiana sia ancora superiore perchè solo una piccola parte dei “non attivi” sta tornando a iscriverse alle liste de disoccupazion.

    Le vendite de auto xe tornade quelle del 1979, ma el dato xe sottostimà perchè quella volta esisteva un mercato dell’usato de poco prezzo che adesso no esisti più per via delle tasse esorbitanti del passaggio de proprietà. Perciò saremo circumcirca ai livelli dei anni ’60.

    Podessi continuar per ore, per dimostrarte che semo sotto un regime oppressòr dei poveri, delle classi medie, dei artigiani e dei piccoli imprenditorori, a favòr dei appartenenti alle oligarchie italiane.

    Questo possesso territoriale no xe legittimo, perchè manca i referendum de annession, manca el referendum per la Repubblica Italiana sia per Gorizia che per Trieste, perchè l’amministrazion provvisoria de TS no xe stada mai legittimada dall’ONU.

    La libertà de stampa e de informazion xe in vertiginoso calo, l’Italia xe al livel de Paesi del terzo mondo.

    Corruzion, delinquenza eccetera, no voio far notte.

    Oggi i sta progettando de taiar altri miliardi per l’assistenza sanitaria, per la giustizia, per le carceri eccetera.

    Pertanto semo occupai, e che questo sia un regime oppressivo per la maggior parte della popolazion e specialmente per i ceti deboli, xe un’affermazion ogni giorno meno discutibile.

    Se esisti el regime, se el xe oppressivo, se l’occupazion no xe legittima, chi collabora con esso xe definibile “collaborazionista” e ti no te ga grandi argomentazioni per scandalizzarte.

  26. Alessandro ha detto:

    26 bel comizio ma che attinenza ga col maxischermo? e poi lassa che sia la gente a decider se xe un’occupazion o no…

  27. Fiora ha detto:

    Zà! “panem et circenses” e tuti zò a impignirse la boca de sta frase proprio in circostanze come questa, in cui il denaro pubblico xè utilizà con trasparenza e davvero ad uso del popolo…
    Panem et circenses”. Ben aldilà de facili sarcasmi tipo l’ autogol de darse de mone che se contentemo de poco, go sempre considerà in un’accezion positiva queste parole, valide appunto in ogni tempo
    sì perché cavine anche quel, senza per contro darne quel che xè ben più arduo: lavor e dignità, no resta che darghe la corda per impicarse al popolo!

  28. capitano ha detto:

    Se no te meti il maxischermo quei che lo monta, quei che lo smonta, quei che vendi bandierine e bibite nonchè i bar del centro no lavorassi e quindi la disoccupazion cresserìa. Ergo…

  29. effebi ha detto:

    el stark, “oppresso dal popolo italiano” , forsi in sto caso el se senti tutelado e protetto dall'”occupatore” Rossini…

    che bella coppia…

  30. Sandi Stark ha detto:

    @ 30 Rossini ga scritto la sacrosanta verità. Con 50 mila euro in Austria, se mantien 4 famiglie de disoccupai per 1 anno.

    E tutti i maxi schermi de la penisola, i gavessi podù mantignìr no so quante famiglie.

    O gavessi podù servir per cavarghe i tassi de usura de Equitalia a qualche artigian, salvar qualche posto de lavoro e ridur el numero de suicidi per oppression fiscale.

    Un Paese ne le condizioni de l’Italia no dovessi spender 1 solo euro, in cazzade solenni come el tifo del balòn.

    Una granda differenza tra mi e Rossini, xe che lui el spera de cambiar i ‘taliani, mi inveze voio filarghe co’ tutta la mia gente.

  31. dimaco il discolo ha detto:

    alora, mi no son propriamente a favor ei maxischermi sopratuto se se trata e veder una partida de balon. ok iera una ocasion special per questo sero magari un ocio. Il punto xe un’altro la gente zigherà ancora forza italia deso che xe e pagar i studi de setor (fiora cossa te me conti?). Il punto xe un altro che mentre 50 milioni de italiani guardava la final e se inkazava per niente i ne la ga fracada de novo. Mi digo questo, ma xe mai posibile che una nazion che la xe con l’aqua ala gola la se perdi drio ste robe? Una partida de balon come contentin in cambio de cossa? Gavemo problemi ben più grosi e a mio modo e veder non risolvibiline ogi ,ne oman ne fra un’ano proprio perchè la zente la xe persa drio ste monade inveze e pensar al futuro che xe scuro. No ghe o torto a sandi stark in parte el ga ragion. Sula disocupazion, sul calo dei consumi, sula povertà che la sta dilagando. Tuto dimenticado in 90 minuti esclusi i suplementari. A nissun ghe ciava niente del paese perchèp ga sempre e pensarghe qualchidun altro ma xe el popolo he ga e dirghe basta ai politicanti. con le bone o con le cative.

  32. bruno ha detto:

    ciò ma ‘stò cosolin no fà una giusta…el vol cultura in piazza unità e cultura el gà fatto, cossa volè deii….

  33. dimaco il discolo ha detto:

    se l’allestissi un’Aida o un Nabucco in piazza granda sicuramente ghe do el mio apogio

  34. hobo ha detto:

    maxischermo a berlino:

    http://www.berlin.de/fussball-em-2012/public-viewing-berlin/1120833-1281094-berliner-fanmeile-zur-fussballem-2012.html

    dell’ austria so una sega, ma da quel che dice sandi, immagino che in austria non esista il tifo calcistico.

    la germania invece la conosco un po’, perche’ ci ho vissuto un paio di anni. casa mia era a cinquecento metri dallo stadio dove giocava l’ hansa rostock. la domenica era una festa per tutta la citta’. dalla finestra sentivo i boati del tifo e alla fine mi ero quasi affezionato alla “mia” squadra.

    adesso mio figlio novenne mi fracassa le balle con l’ udinese, e qualche volta lo porto al friuli a vedere la partita.

    in piazza a guardare la partita sul maxischermo non ci andrei, ma il calcio e’ uno spettacolo popolare, e a me tutto questo snobismo sembra un po’ stitico.

  35. dimaco il discolo ha detto:

    Non è il calcio hobo, ma il modo in cui viene usato per distrarre l’attenzione dai problemi che affliggono il paese. viene suato come una panacea. l’italia è unita da nord a sud solo con il calcio.

  36. dimaco il discolo ha detto:

    io tifavo hannover96 quando viveo a hannover. e qualche partita sono anato pure a vederla. ma il alcio non è più quello i una volta. poca passione e troppi soldi

  37. hobo ha detto:

    ma si’, girano troppi soldi e tutto quel che ruota intorno al calcio fa abbastanza škifo.

    pero’ se non si fa la rivoluzione non e’ certo per colpa di una partita del klinc.

    e poi di calcio si puo’ parlare in tanti modi. si puo’ parlare di calcio in modo da rincoglionire la gente, oppure si puo’ parlare di calcio per parlare di altro, anche di cose importanti.

  38. dimaco il discolo ha detto:

    parlano i calcio per rincoglionire la gente. mi pare piuttosto eviente.

  39. hobo ha detto:

    ok, ma per contrastare chi parla di calcio in modo da rincoglionire la gente c’e’ un solo modo: parlare di calcio in modo diverso.

  40. dimaco il discolo ha detto:

    no è fargli capire che devono smettere i parlare solo di calcio e are notizie vere. perchè altrimenti è la stessa cosa che curare il vaiolo con uno sciroppo per la tosse. ti reni conto che il quotiiano più letto e la gazzetta dello sport? questo ovrebbe già are una misura delle priorità della gente.

  41. hobo ha detto:

    ma il punto e’ che si puo’ parlare di altre cose anche parlando di calcio. c’e’ gente che segue il calcio da tifoso, e che allo stesso tempo ha una vita di militanza politica. il calcio e’ un gioco che coinvolge tutti fin da piccoli, dappertutto, tranne negli usa. i bambini (soprattutto maschi, ma ultimamente anche femmine) imparano a stare insieme giocando a calcio. il discorso sul calcio e’ troppo importante per lasciarlo in mano alla gazzetta e a tutta la banda di giornalisti mentecatti che imperversano in tv.

  42. aldo ha detto:

    @31 Sandi Stark

    “lui el spera de cambiar i ‘taliani, mi inveze voio filarghe co’ tuta la mia gente”

    co’ tuta la SUA gente?
    a ocio e crose ghe basterà un pulmin, però con un grande bagagliaio per meterghe la gigantografia de Otto

  43. aldo ha detto:

    anche se el fila, quando el riva al confin a Sandi Stark la Repubblica d’Austria lo manda indrio in Italia perchè nostalgico asburgico…

    …i mati no se la fa cazzar cussì facile dai ‘taliani

  44. Sandi Stark ha detto:

    @ 35 Germania e Austria no ga “le pezze al culo”, me scuso per la volgarità ma xe un termine del taliàn corrente che rendi ben l’idea.

  45. Sandi Stark ha detto:

    @ 42 “il calcio e’ un gioco che coinvolge tutti fin da piccoli, dappertutto, tranne negli usa” ma dove?

    In GB e Francia, el rugby ga più seguaci del balòn. In Austria el sport nazionale xe lo sci. A TS xe più tesserati CONI in altre discipline sportive che nel balòn.

    Condivido inveze el termine “gioco”, de questo se tratta e no certo de “sport”, xe un spettacolo.

    Chi xe appassionà de balòn come sport va la domenica mattina sui campetti dove zoga i mulèti e ghe porta la borsa frigo.

    Un mio collega de lavor, dirigente del calcio giovanile, el me conta che el xe disperà. Che ghe piasessi che el balòn ghe somigliassi ancora al basket, dove almeno metà delle scole giovanili ghe insegna i fondamentali e la sportività ai fioi. Certe squadre no zoga assolutamente per la vittoria ma per educar i fiòi.

    Quando i fa i cambi, dentro cinque e fora cinque, indifferente chi xe più bravo.

    No esisti “schemi” ne trucchetti per vinzer, quel vignerà dopo i 14 anni. A TS xe ancora 4-5 club che lavora in ‘sto modo.

    Inveze nel balòn dei pulcini se vedi allenadori pagài con l’equivalente de un secondo stipendio, che se no i vinzi i genitori li fa licenziàr.

    E fioi de 8 anni che marca, che entra in “takle” e genitori che ghe ziga: “Daghe pei bochini!”.

    Se po’ vardemo la nazionale italiana, per via del “calcioscommesse”, moralmente xe più onesta la squadra de balòn del Coroneo.

    E bisogna esser “fieri” de una maniga de mezzi delinquenti, gente miliardaria che pianzi come vedèi se i perdi una partida, dove sembra che tanti passa el tempo tra cocaina e escort?

    Per cossa i pianzeva, per i 200 mila euro de premio perso?

    Ognidun xe libero de amàr el sport e/o spettacolo che preferissi, ma che un tanto vegni imposto dai media e dai Presidenti de uno Stato per distrar la gente dalla fame e dalla miseria, questo po’ no!

    E che se spendi soldi pubblici per “gestir” el “tifo” de piazza, questo ancora più no!

    Possibile che no te se rendi conto Hobo, che centinaia de migliaia de persone coi tricolori che canta Fratelli d’Italia per le piazze xe el mejo colpo grosso del nazionalismo e xe el sistema migliore per tignìr insieme dei popoli da sfruttàr?

  46. Euroscettico ha detto:

    Ormai vengo su bora.la solo per leggere i commenti di Sandi Stark….ottimo lassativo mattiniero!;)

  47. hobo ha detto:

    mi no credo propio che cosolini sia nazionalista e che el voli tignir bon el popolo per sfrutarlo. el ga organiza’ un schermo in piaza perche’ xe estate, la zente ghe piasi el balon, e se diverti a vardar una partita. col stesso spirito in estate se organiza concerti e altra roba. e ripeto che l’ unico modo per contrastar el discorso cul nazionalista sul calcio xe produr un discorso diverso, magari un poco piu’ inteligente. darghe de mone a tuti quei che se apassiona de calcio per mi xe de snob, e no porta de nissuna parte.

    confermo che el calcio pei fioi xe el zogo piu’ diffuso. no ghe entra el numero de tesserati. se te ghe da’ una bala a un grupo de muleti, in strada, o dove che te vol, i tachera’ a zogar a calcio.

  48. sergio ha detto:

    sante parole

  49. sergio ha detto:

    @ Sandi Stark SANTE PAROLE

    scusatemi avevo dimenticato il riferimento

  50. effebi ha detto:

    sss… sandi santo subito !? 🙂 🙂

  51. effebi ha detto:

    mi credo che la gente ga vardà ste partide de balon come se varda dele partide da balon, ben savendo qual che xe el resto del contesto nazionale.
    nisun se ga fato insenmpiar e, probabilmente, nisun voleva insempiar nisun metendo un maxischermo…
    se ghe xe qualche sempio che disi sempiade forsi xe de zercarlo qua dentro…

    santo subito…

  52. Sandi Stark ha detto:

    @ 48 Dipendi da che bala, mi go sempre avù in auto un balòn de basket e uno de pallavolo, e con quei preferiva zogàr i compagni de scola de mio fio. De muleto dopo i allenamenti zogavimo per divertimento sia a balòn che pallavolo che pallanuoto, e le ultime due ne divertiva più de tutto. Po’ co fazevimo lipe zogavimo a balon: in prà no se pol zogar altro. Coi muloni de scola zogavimo a balòn. Co’ iero picio in strada zogavimo solo bala velenada, a balon se podeva zogàr solo dei preti e nianche in ricreatorio. De vecio go comincià a zogar a basket, se pol divertirse in due e anche soli che col balon xe più dificile. E po’ servi un minimo de tecnica, inveze col balòn pol far finta de zogar chiunque. No go mai zogà a pallamano, no me piasi vardarla ma chi zoga disi che xe el zogo più bel che esisti.

    Anche i baloni de osmica e de carnevàl, pol esser divertenti.

  53. Paolo Nanut ha detto:

    Allora ragazzi. Tutti viviamo un momento difficile, anch’io dipendente di una ditta privata alla sera facciamo i conti sul lavoro e cerchiamo dalla mattina dopo di proseguire a tener duro in attesa di tempi, si spera migliori. Passare alla sera un’ora e mezza davanti alla tivù o a un maxischermo per vedere una partita mi sembra che non ci sia nulla di male o di cui vergognarsi. Non è che dimentichiamo i problemi ma almeno un pochino di divertimento lo possiamo avere? Chi va per le osterie…io ho già dato in passato… chi si guarda un bel film, chi ascolta musica e chi si gode una partita di calcio. Saranno giocatori viziati milionari, non tutti però; ma a questo punto anche quando si guarda un film di che ne so Jennifer Lopez a caso, una che dei milioni penso non sappia più che farsene, si dovrebbe pensare allo stesso modo di quando guardiamo giocare Balotelli e compagnia. Una volta dicevano che il calcio è l’oppio del popolo…sarà anche vero ma se uno è intelligente quel tipo di oppio non lo usa.

  54. Alessandro ha detto:

    moralisti, snob e pseudo sociologi. ga scritto tutti. mi digo solo che se un sindaco ga organizzà un maxischermo per la FINALE dei europei (come ga fatto mezza europa)no ghe xe niente de mal. Stimo hobo perché sebbene el ga idee diverse dalle mie almeno el ga el buonsenso de capir che iera un momento aggregativo e basta. Solo balon. Ma dovemo impiccarse tutti!? No xe lavor, el Paese va a prostitute, equitalia xe uno spauracchio ecc ecc… dovemo cavarse anche (parlo de quelle migliaia che iera in piazza e ghe interessava) anche un poco de divertimento?! MA pensè che la gente dopo gli Europei no xe più proccupada pel futuro?! Me spuza sai de moralismo! Altra roba: in un paese libero (che a molti qua dentro no ghe va sai come idea) ogni d’un pol vardar e legger quel che vol senza farse dar del mona perché ghe piasi el calcio al posto del bridge, della pallamano o del volley.

  55. sfsn ha detto:

    @ effebi 52:
    mi inveze credo che i “circenses” ghe sfasa la percezion alla gente: go visto dopo dela partida con la germania dei sfegatai che zigava una roba tipo: “Merkel vaffanculo, crucchi de merda ve la gavemo cazada, semo noi i più forti in europa, altro che el vostro spread de merda!” come se el balon fussi una rivincita ala crisi economica e gavessi qualche relazion con ela.

  56. Alessandro ha detto:

    @56 a suo modo el balon in quel frangente iera una rivincita per chi te ga sentì zigar quelle robe. ma xe così ovunque. i olandesi e i polacchi contro i tedeschi, francesi e inglesi ecc ecc. e poi me spieghè una volta per tutte dove xe el problema. quel che ga zigà contro la merkel che peso ga sull’economia o i rapporti bilaterali ita-ger? lassilo zigar. i mone xe ovunque, in discoteca, in stadio, in palazzetto, in piazza… me par che qua se spara a zero. come ga dito giustamente el nanut (con cui son quasi sempre in disaccordo) allo stesso evento le persone rispondi diversamente: i delinquenti con el vandalismo, i disperai coll’alcolismo, i mone zigando improperi contro el governo tedesco le persone normali godendose un momento de aggregazion in piazza.

  57. Maximilian ha detto:

    Anche perchè se i meti un maxischermo per una finale de pallamano, con tutto il rispetto per la pallamano, saria solo i colombi a guardar.
    Inutile rabiarse, con una finale de balon te riempi una piazza , questa xe l’Italia. Non se pol dir che non se stado un successo.

  58. sfsn ha detto:

    …anche hitler riempiva le piazze: xe sta un successo?

  59. Paolo Nanut ha detto:

    @59 Ma cossa vol dir? Che paragon che te fa.

  60. sfsn ha detto:

    Le piazze se le pol riempir in diversi modi: a mio avviso che le se riempi per una partida de balon (e relativo significato nazional-patriottico) xe bastanza triste

  61. Alessandro ha detto:

    va ben semo sempre là. intellettuali come ti e mone ignoranti che va in piazza a veder una partida (mi saria stà tra i mone per sta volta)

  62. Alessandro ha detto:

    it’s just football!!!

  63. capitano ha detto:

    Non è solo calcio. Se parli dei contratti dei calciatori perchè non puoi parlare dei contratti degli operai? Se parli dei giornalisti sportivi acritici perchè non parlare dello stato comatoso dell’informazione? Se parli dei convocati, dei titolari, dei meritevoli e raccomandati perchè non devi parlare di cosa succede nei luoghi di lavoro ogni giorno? Se un giocatore viene fischiato per il fatto che è nero perchè no parlare del razzismo? Se qualcuno confonde la bandiera italiana con quella del partito nazista perchè non parlare della stupidità dilagante?

  64. hobo ha detto:

    @capitano

    infatti. si puo’ parlare di calcio in modo vuoto e retorico, ma si puo’ anche parlare di calcio per leggerci in filigrana tutte le contraddizioni di una societa’.

  65. Fiora ha detto:

    @65 hobo ,penso che a parlare di calcio “per leggerci in filgrana tutte le contraddizioni di una società” sia fare una ben più frusta retorica che dire caspita i ne ga ficà quatro papine, perchè sto giro i Iberici xè i più bravi d’Europa e noialtri semo comunque secondi.
    Ti cito il maestro9 di vita Dalla: ” l’impresa eccezionale dammi retta è essere normale”
    Per me quindi c’è solo da leggersi quel che segue,dentro ad una partita:
    “GOAL
    Il portiere caduto alla difesa
    ultima vana, contro terra cela
    la faccia, a non veder l’amara luce.
    Il compagno in ginocchio che l’induce
    con parole e con mano, a rilevarsi,
    scopre pieni di lacrime i suoi occhi.
    La folla- unita ebrezza – per trabocchi
    nel campo. Intorno al vincitore stanno,
    al suo collo si gettano i fratelli.
    Pochi momenti come questo belli,
    a quanti l’odio consuma e l’amore,
    è dato, sotto il cielo, di vedere.
    Presso la rete inviolata il portiere
    – l’altro – è rimasto. Ma non la sua anima,
    con la persona vi è rimasta sola.
    La sua gioia si fa una capriola,
    si fa baci che manda di lontano.
    Della festa – egli dice – anch’io son parte.”
    Umbertonostro

  66. hobo ha detto:

    @fiora parlare del razzismo nella societa’ italiana partendo dal razzismo sugli spalti e negli spogliatoi non e’ retorica, e’ decostruzione della retorica. eccetera.

  67. Sandi Stark ha detto:

    Vardè su l’altra pagina, el parco marino sta per seràr perchè no i ga più bori.

    Eco un altro esempio de come spender i bori del maxischermo, i bori che servi per pagar i straordinari de la Puglia e dei scovazzini.

    A parte el fatto che i più facinorosi podessi esser fermài e la matina dopo co’ scova, scovazera e sbrufadòr, costretti a netàr piazze e strade a piade in tel cul.

    Ciò, ma sè tuti possidenti che vivi de rendita? Fè finta de esser ancora ai tempi che se podeva spender allegramente, che pagava Sior Pòpel?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.