13 Aprile 2012

Horti Tergestini: domani presentazione del “Cercarose”

Sarà presentato sabato 14 aprile alle ore 11.30, nell’ambito della manifestazione Horti Tegestini, allo Spazio Villas del Parco di S.Giovanni di Trieste, il “Cercarose”, uno strumento multimediale prodotto dal Progetto Interreg SiiT coordinato dall’Università degli Studi di Trieste che permette una visita virtuale al Roseto di San Giovanni.

Il Roseto di S. Giovanni a Trieste si sta affermando come una delle principali collezioni di rose a livello internazionale, con migliaia di varietà diverse, rare e interessanti. Il Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Trieste è all’avanguardia nel campo dell’informatizzazione dei dati sulla biodiversità e con il progetto interreg Italia-Slovenia SiiT (School-oriented Interactive Identification Tools) sta pubblicando in rete centinaia di guide interattive all’identificazione di piante, funghi e animali consultabili su diversi media, compresi i dispositivi di ultima generazione. La presenza del grande roseto di San Giovanni a pochi passi dalla sede del Dipartimento ha spinto Andrea Moro, responsabile degli apparati iconografici del Progetto SiiT, a visitarlo periodicamente nel 2010 e 2011, scattando migliaia di immagini. Alla fine del 2011 il numero delle rose fotografate era superiore a 1.000. Ciò ha suggerito di dare un contributo alla valorizzazione del Roseto di San Giovanni con la creazione di un’applicazione interamente dedicata alle sue rose. Le informazioni raccolte da Silvia Moro per una tesi di laurea sono state organizzate in una banca dati da Stefano Martellos, a partire dalla quale Rodolfo Riccamboni ha creato un’applicazione, il “Cercarose”, che permette di accedere direttamente su iPhone, iPad e iPodTouch, a più di 6.000 splendide immagini digitali di più di 1.000 varietà di rose coltivate e a una cinquantina di specie selvatiche, e ad alcuni dati fondamentali sulle rose quali il nome, l’ibridatore, la data di creazione dell’ibrido, il paese d’origine, il colore e la fragranza dei fiori, la forma della corolla, etc.

Nell’aprile del 2012, grazie al progetto SiiT, in collaborazione con la Cooperativa S. Pantaleone che gestisce il Roseto e la Divulgando Srl, il “Cercarose” è stato reso liberamente consultabile in rete. Il “Cercarose” vuole permettere una specie di “visita virtuale” al Roseto di San Giovanni, sperando che questa invogli molte persone a visitarlo realmente, alla scoperta dell’enorme patrimonio di bellezza che Uomo e Natura hanno saputo creare nello sviluppo delle rose da giardino.

Alla fine del 2012 è previsto il rilascio di una nuova versione che includerà più di 2.000 varietà diverse.

Il “Cercarose” è consultabile gratuitamente all’indirizzo http://www.siit.eu/cercarose

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.