15 Febbraio 2012

Gorizia, furto a casa del sindaco Romoli

Furto a casa del sindaco di Gorizia, Ettore Romoli.  Il colpo è avvenuto una decina di giorni fa, in pieno giorno. Finora la notizia non era trapelata: Romoli ha preferito che non fosse divulgata, un po’ per la riservatezza che lo caratterizza e un po’ per il timore che l’episodio potesse suscitare ulteriore allarme nella popolazione, vista la frequenza con la quale vengono perpetrati i blitz ladreschi nelle abitazioni private del capoluogo isontino, ma anche in provincia, falcidiata da continui colpi.

Sull’episodio stanno indagando i carabinieri. Il primo cittadino non era in casa quando è successo il fatto, se ne è accorto al rientro. La sua abitazione in via Gozzi, angolo via Leopardi, era a soqquadro. I ladri sono entrati da una finestra posta sul retro della villa, infrangendo il vetro. Una volta penetrati all’interno hanno rovistato dappertutto. Non c’erano contanti o gioielli d’oro in casa e così si sono accontentati di portare via due orologi, uno di modesto valore e un altro di marca più prezioso, oggetti più che altro di valore affettivo, dunque. I ladri sono poi spariti senza lasciare traccia.

Tag: , .

7 commenti a Gorizia, furto a casa del sindaco Romoli

  1. Avatar isabella ha detto:

    Dev’essere una cosa bruttissima trovare il passaggio di ladri in casa, indipendentemente dall’entità del furto.

  2. Avatar Dragan ha detto:

    sono passati anche da me e nessuno ha scritto un articolo.

  3. Sara Matijacic Sara Matijacic ha detto:

    Dragan, se vuoi, scrivi a matijacic@bora.la 🙂

  4. Avatar sfsn ha detto:

    mi i me xe venui in casa e son restà mal, ma desso che so che go una roba in comun con romoli, me dà ancora più fastidio!

  5. Avatar Ric ha detto:

    sfsn: sei un genio haha! mi associo

  6. Avatar dimaco il discolo ha detto:

    ghe ga ruba i progeti del ascensor? perchè xe tuto fermo e niente va avanti.

  7. Avatar giovanni ha detto:

    a casa mia i ga trovà solo le bollette, i me ga lassà 50 euro…

    😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.