4 Febbraio 2012

Gli atleti del Čupa Kosuta e Farneti conquistano il titolo mondiale juniores nella classe 470

Ad Auckland in Nuova Zelanda gli atleti del Čupa Simon Sivitz Kosuta e Jaš Farneti che hanno gareggiato per la nazionale italiana, hanno conquistato con una giornata di anticipo il titolo mondiale juniores nella classe 470. Nella sesta tornata di prove sono state sospese le due regate in programma per mancanza di vento. I due velisti giuliani sono rimasti saldamente al primo posto in classifica generale, conducendo sui secondi classificati (i neozelandesi Turner/Drummond) con ben 22 punti di vantaggio.

Nelle 10 precedenti regate disputate i due hanno vinto ben 8 regate di fila, ma non sono riusciti – però – a qualificarsi per le olimpiadi di Londra 2012. L’unica speranza per andarci è legata a un ripescaggio dovuto ai buoni risultati ottenuti. “Siamo molto soddisfatti di questo successo – ha affermato  Jaš Farneti – Non c’erano molti equipaggi, ma quelli che c’erano erano quelli più forti. Il campo di regata non era facile e siamo riusciti lo stesso a dare il massimo. Londra 2012? Pazienza: siamo ancora giovani e il nostro vero obiettivo è l’olimpiade del 2016”.

Tag: , .

13 commenti a Gli atleti del Čupa Kosuta e Farneti conquistano il titolo mondiale juniores nella classe 470

  1. ufo ha detto:

    Grammar nazi: ma xe vanzade virgole de qualche altro post, e iera de consumarle prima che le vadi de mal?

  2. cap. Achab ha detto:

    La classe 470 è una delle più spettacolori e tecniche, se i soloni della FIV si spendessero bene e facessero uno spareggio fra Kosuta/Farneti (emergenti, giovani e vincenti) e Zandonà/Zucchetti (qualificati ma spenti – v. le ultime regate di dicembre 2011 ai mondiali di Perth) , potremmo avere oltre alla triestina Giovanna Conti prodiere sempre nel 470con Giulia Conti anche i bravissimi Kosuta/Farneti. SILA OTROCI.AD MAIORA.

  3. GiovanniP ha detto:

    Scusate, nel titolo e nel sottotitolo non compare il nome dello sport: capisco che è vela solo se m’incuriosisco e clicco. 90 % dei triestini non sa cosa vuol dire “classe 470”. Sveja giornalisti, complimenti ai velisti.

  4. maja ha detto:

    te sta disendo che el 90% dei triestini no ga mai sentì parlar del Čupa? sveja, triestini.

  5. ufo ha detto:

    Maja, son strasicuro che el 100% se ricorda benissimo i Chupa Chups.

  6. maja ha detto:

    e bon, ah, ufo, podessimo provar a sugerirghe a quei de križ de provar a ciapar i tonni con i chupa inveze che con le čupe.
    forsi che i riva a riesumar la tradizion, chissà.

  7. ufo ha detto:

    Za me immagino come che se spargi la vose tra i tonni de tutto el Mare Lorum: “Ciò muli, core soto la Vejna tuti quanti! I disi che xe dei mati che te tira drio i Chupa Chups a gratis! Chi riva ultimo ghe toca solo che quei ala menta!“. Segue esemplare macello di tonni, ne boj – mesarsko klanje. E griliata, come no. Odojek de tonno.

    Comunque le percentuali le me sona giuste: 90% de lori no riconossessi una čupa nianca a ligarghela drio el SUV al posto del gomon, e 90% de lori se te ghe disi che qua una volta se pescava tonni e pessespada i te diria de tornar in Sicilia…

    Ma visto che ghe xe zente brava in aquacultura (dai branzini piranesi de Fonda al salmon de valle de Zobec, un meio del altro) magari qualchidun se inventa el tonno e el pessespada de alevamento… Se xe qualche zovine che gà voia de darse de far gavessimo un intiero porto non utilizado de darghe in afito uso vasca.

  8. maja ha detto:

    ma forsi semo noi che sbaiemo, ufo. se te ghe disi che quel drio el suv se ciama zoppolo, te vol vedere che tuttintun el diventa lorum anche quel? come la potica e el teran, dei.

  9. arlon ha detto:

    Grandi! 😀 Gremo Čupa.

  10. arlon ha detto:

    @ufo: dime che de lavor te fa el giornalista. E se no te lo fa, cori subito a far! 😀

  11. Srečko ha detto:

    ufo

    I tonni in acquacultura li trovi in Dalmazia. A tonnellate.. 🙂

  12. ufo ha detto:

    Srečko, te ga razon. Femo! Ciolemo un container de tonni, li scongelemo e femo una tonnara uso turisti, fin tanto che i speta el tragheto. Chi paga de più va in barca e ga l’onor de tirarghe la fiocina a Moby Duck, i altri spinaze sta in costiera e ghe noleggemo canociai, Stavo per dir che vendemo pelicole, ma me sa de no più – troveremo qualcossa. Altro che Parco del Mar, che me par che ga fato la fine del offshore e del casinò de Gambassini e del Expo. Ne servirà tute le čupe che rivemo meter asieme, per cui drio al SUV ghe lighemo una gondola, tanto i xe cici e no xe per barca – xe solo per bel veder, per bela figura. La barca, voio dir. Anca el SUV, desso che ghe penso. Chi che ordina i tonni se ricordi che li volemo intieri, no in scatolete – nianca se i ne fa sconto. No podemo pasar el uikend a verzer scatolete e incolar insieme i tochi de tonno.

    Arlon, no. Mi fazo un mestier più rilassado. No tanto diferente: sempre de fracar tasti con i do indici xe, e ogni tanto me toca darghe fastidio al roditor adiacente, ma el prodoto xe tuto altro. Dura de più, nol va ben per tapezar el fondo dela cheba del canarin, e se nissun lo vol comprar ogi lo meto in iazera per un doman. E no cori che ghe pago el dazio a un Ordine :-).

    Comunque me par che ste un poco esagerando. Va ben, paserò ala Storia come l’inventor del odojek de tonno (sempre meio che come inventor del panin de Nutela e maionese), per cui generazioni de tonni pronuncerà el mio nom de plume con terrore, ma fin quando che no i sà chi che son posso far una clanfa senza timor de eser atacado de lori. Poi magari taco una seconda, brilante cariera come addetto alla detonnizzazione. I ga dito che bisonia eser inovativi, no?

  13. GiovanniP ha detto:

    Digo che el 90 dei trietini xe propio indormenzai magari ga senti parlar de ciupa ma pensa che xe roba de magnar per gati -nenache mi me vegniva cosa iera e pensavo che 470 iera gara de clanfe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *