1 Febbraio 2012

Gettate le basi di un Piano per lo sviluppo economico di Trieste

Svolgere un’azione coordinata e adeguata ad affrontare l“emergenza”  del tessuto produttivo triestino che soffre di una serie di complessi problemi e difficoltà e trovare i massimi punti d’unione possibili fra tutti i soggetti attivi sul fronte dell’economia e dell’occupazione in questo difficile momento di crisi generale. Questi gli intenti dell’ incontro di ieri pomeriggio in Municipio con le categorie economiche e le organizzazioni sindacali, indetto dall’Amministrazione comunale di Trieste guidata dal Sindaco Cosolini.

All’incontro, al quale  hanno partecipato  i vertici locali di Confindustria, Confcommercio, CNA, Confartigianato, URES, Lega Coop, Conf-Coop, Associazione Costruttori Edili, Alleanza Contadina e dei sindacati provinciali CGIL, CISL, UIL, UGL, CISAL e CONFSAL, è stato presentato e discussso  un  “Documento sullo sviluppo economico” – illustrato dal Sindaco Cosolini e dagli Assessori allo Sviluppo economico Fabio Omero e al Commercio e Artigianato Elena Pellaschiar, proposto come “base” e atto propedeutico su cui fondare  un vero  “Piano strategico di Trieste e del suo territorio”.

Il documento coinvolge tutte le forze produttive e istituzionali e prevede la costituzione di una Conferenza territoriale provinciale dove possano “parlarsi” e interloquire efficacemente tutte le categorie, i sindacati e tutti gli Enti del territorio “attivi” sul quadro economico-occupazionale-istituzionale: la Provincia, la Camera di Commercio, l’Autorità Portuale, l’Ezit, ma anche l’Area di Ricerca o altri ancora.

Il Documento base intende fin da subito porre in primo piano i settori che soffrono di evidenti criticità e quelli che presentano prospettive reali in termini di innovazione e sviluppo, nello specifico:

INDUSTRIA: condivisione del percorso sul SIN, che preveda la riperimentazione del sito e ricorso all’analisi di rischio; redazione del Piano infraregionale dell’EZIT; tavolo permanente su Servola.

PORTUALITA’: promozione degli interventi necessari per il miglioramento dei servizi ferroviari e sostegno all’azione dell’APT per nuove infrastrutture.

PORTOVECCHIO: attivazione del tavolo tecnico-istutuzionale per il trasferimento parziale del regime di PF

EDILIZIA: accelerazione degli appalti di lavori pubblici del Comune; accelerazione del percorso di riordino del polo di Cattinara; avanzamento turdel piano parcheggi e di altri interventi in project financing; redazione del nuovo regolamento edilizio con una semplificazione delle procedure e degli incentivi misurati sulla qualità realizzativa e sull’utilizzo di energie rinnovabili.

TURISMO: sviluppo del tavolo di coordinamento tra enti e operatori del settore; redazione del Piano di marketing strategico del turismo; promozione delle crociere quale valore aggiunto per la crescita dell’economia del territorio in termini di servizi e logistica, commercio all’ingrosso e al dettaglio, pubblici esercizi, sistema museale/espositivo e offerta culturale teatrale.

COMMERCIO E ARTIGIANATO: revisione dei regolamenti e sviluppo dello SUAP con l’obiettivo di velocizzare e semplificare le autorizzazioni ancora in capo al Comune e agli altri Enti; redazione del Piano del commercio in base alle recenti norme e decreti; promozione dei “centri in via” .

INNOVAZIONE E SCIENZA: definizione di un accordo operativo con Area per agevolare le imprese ad alto tasso di conoscenza, anche all’interno del tavolo CCIAA, Comune, EZIT, Area, Bic.

In conclusione, il Sindaco ha annunciato la prossima predisposizione di un apposito “portale web dedicato” al quale potranno accedere tutti i partecipanti al costituendo “tavolo”, per inserire, esaminare e reciprocamente discutere tutti i documenti che verranno via via prodotti dagli “attori” di questa nuova “azione collettiva” per il rilancio della Città.

Tag: , , , , .

7 commenti a Gettate le basi di un Piano per lo sviluppo economico di Trieste

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.