10 Gennaio 2012

TAV: incontro in Regione per inserire nel progetto i nodi del sistema portuale di Trieste

Opportunità di inserimento nella progettualità della TAV anche dell’accessibilità e della sistemazione dei nodi del sistema portuale di Trieste.
Se ne è parlato oggi nella sede della Regione a Udine nel corso di un incontro tecnico convocato dall’assessore regionale alle Infrastrutture, Riccardo Riccardi al quale hanno partecipato il
funzionario del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Direzione generale per la programmazione e i programmi europei, Roberto Ferrazza, coordinatori di RFI-Rete Ferroviaria Italiana e funzionari dell’Autorità portuale di Trieste.
All’ordine del giorno le modalità di sviluppo ed adeguamento strutturale, all’interno delle operazioni gestite dallo Stato per la progettazione esecutiva del tratto transfrontaliero Trieste-Divaccia del Progetto ferroviario prioritario TEN-T n.6 dell’Unione europea, delle linee ferroviarie a supporto della
portualità triestina: lo scalo di Campo Marzio anzitutto, ma anche quello di Aquilinia e l’intera rete di adduzione al porto.
La Regione Friuli Venezia Giulia ha sollecitato l’incontro perché ritiene indispensabile “nel momento stesso in cui si sta procedendo alla progettazione della rete ad alta velocità immaginare le soluzioni più idonee per mettere mano al nodo ferroviario di Campo Marzio a Trieste, cogliendo l’opportunità – ha sottolineato Riccardi – di inserimento nella partita dei finanziamenti europei”.
In particolare, Riccardi ha auspicato che vengano “al più presto individuati nel dettaglio gli interventi prioritari di riqualificazione e quindi definite le soluzioni di progettazione congiunta tra RFI e Autorità portuale al fine di consentire di inserirle nell’agenda di lavoro che l’Amministrazione regionale
tiene con la Commissione europea sul tema dei trasporti”.
Da parte del Ministero Ferrazza ha confermato che la qualità degli interventi previsti per il collegamento ferroviario del porto di Trieste rientra a pieno titolo nelle priorità di investimento decise dal Governo Monti “che – ha precisato Ferrazza – riconfermando le previsioni di investimento in linea di continuità con il Governo precedente, ha tuttavia posto la necessità di individuare interventi di infrastrutturazione da cantierare a breve e medio periodo, nel giro di due o tre anni, per incidere sulla possibilità di creare ricchezza direttamente sul territorio”.
Per discutere delle problematiche tecniche, ma soprattutto di quelle che discendono dalla necessità di superare il modello gestionale attualmente in vigore, l’Autorità portuale e RFI hanno convenuto di fissare un incontro a Roma già la prossima settimana.

Tag: , , .

2 commenti a TAV: incontro in Regione per inserire nel progetto i nodi del sistema portuale di Trieste

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.