12 Settembre 2011

Kòpito, o della clanfa croata

Gran testimonianza sulla clanfa in Croazia del nostro inviato Dorian Lorenzutti!

Lussino è una delle più note isole della costa croata e il paese di Lussinpiccolo è certamente una località turistica molto rinomata. In particolare la zona di Cigàle (Čikat) è nota per il suo splendido mare e le profumate pinete, luogo ideale per il relax.
Tutto questo fino al primo pomeriggio: dopo, infati, riva la muleria locale. Sul antico molo in piera dirimpeto a una dele splendide vile costruide soto l’Austria se dà apuntamento una clapa de muli del logo che se cimenta in tufi de ogni tipo e sfide virili. Xe in questo contesto che, durante un mio sogiorno a Lussin (iero in ferie anche mi, dei!) me son messo a osservar le tipologie de tufi dei muloni. Intanto xe de dir che sto grupo de una ventina de lori che frequenta el logo xe formado da muloni sui sedise ani, ma anche de muleti de sete/dodici. E tuti se diverti insieme: i grandi ghe dà un ocio ai pici, ma anche li smaca in acqua, li fa saltar sule spale e se servi i ghe da una man a rampigarse su per i copertoni de camion impicadi in zima al moleto e che fa de scaleta.
Altra roba interesante xe che i pici xe senza genitori. No esisti mame aprensive che ghe taza l’anima se i ga la crema solare o i labri blu. Parlo sopratuto de mas’ci, ma bisogna dir che i più grandi vien cole morose. Tute mule assai bele: la mia memoria giovanile dele mule de Yugo pelose e coi costumi fora moda xe un palido ricordo. Queste xe tute bele e ala moda.
Ma vignimo al argomento principal: i tufi. Qua i muli se lancia in acqua in tuti i modi. A testa (na glavu), a bomba (bomba) e sopratuto cola capriola, sia in avanti che indrio, e diria che xe el tufo più aprezado. Tuti questi ga la variante cola rincorsa e salto sula bita, dove vien messo un sugaman per no sbrissar col pie. Quel che però fa far “uau” a tuta la compania xe le panzade, più o meno volude. La s’cioca che produsi la panzada, come se sa, xe diretamente proporzional al mal che te se fa, per cui se uno tira una sazia panzada tuto el moleto se inacorzi e, apunto, ziga “uauuuu!” Tipico poi xe butarse in acqua l’un col altro e dopo tufarse vizin per negar la vitima.
E le clanfe? La clanfa xe praticada, ma diria che no xe el tufo principal. I la usa sopratuto per butarse in acqua bassa senza tonarse sul fondo. De tuti i tufi che go visto in diese giorni de osservazioni solo un mulo se ga prodoto in una 360 e una taconeti, e una volta sola. Per el resto tuti fa solo clanfe standard. In particolare un muleto de sete ani, Kiki, clanfava quasi sempre. Lo gavevo sopranominado Gollum, come el personagio del Signore degli anelli perchè un fià el ghe somigliava (no el iera cussì bruto eh), visto che el iera magro e cole orece a sventola. Sto picio, a dispeto dele dimensioni, schizava un casin, enesimo esempio, se ancora servissi, che la clanfa xe el tufo principe per produr l’agognato spruzzo. A questo proposito go notado che nissun dei clanfadori, alla fine, poneva l’indispensabile domanda “go schizà?”, segno che, benché praticada, la clanfa croata no ga ancora quela importanza che la ga nela nostra cità.
Conclusioni: le conclusioni se le fa nei articoli sientifici e questo xe el campo del dotor Manna, clanfador e clanfologo. Disemo che qua manca el nome dela clanfa in croato. E podeva el reporter de una cussì prestigiosa testata no scoprirlo? Desso ve conto.
Siora Beba, che me ospitava in un dei sui “apartman” me diseva che fero de caval, clanfa, apunto, se disi kòpito. Bisognava veder, però, se i muloni la ciama cussì. Iera un solo modo de saver, e quindi go deciso de domandarghelo diretamante ai interessadi. Iero un poco in imbarazzo, però. No iero sicuro che i gavessi capido l’italian, come la magior parte dela popolazion anziana del’isola o de chi lavora nel turismo. A mente, alora, go provado a imbastir una frase con quele dò parole de sloven che so, ma no me pareva granché. Restava la lingua franca per ecelenza, l’inglese. A un certo punto go aprofitado che tuta la banda iera in acqua a un metro de mi: chi tociava le mule, i due più grossi che lotava come mamiferi marini in un documentario, i più pici a far dorade e capriole soto acqua. Un mulo biondo che sfogiava un per de bermuda cola testa de tigre e una morosa biondina strafiga me ga parso l’elemento giusto. Comincia el dialogo:- Au du iu coll de giamp in de uoter laik dis?- domando mimando cola man la forma de una clanfa (no me vigniva in mente come se disi tufo in inglese, ostia…). El mulo al momento no capissi e alora ghe fazo, mimando i tufi:- Na glavu, bomba end laik de horseshoe (almeno so come se disi fero de caval in albionico…). Un atimo de emozion prima dela risposta: se el mulo me disi kòpito sarìa una figada. E inveze, el mulo pensa, el ghe da una vose al vicin che ghe rispondi:- Bau – Bau? – fazzo mi. – Yes, bau. – La clanfa in croato se ciama bau. Picola delusion. Bon, penso, ma cossa vol dir bau in croato? – Uot das it mins bau in hrvaski?- Se i rispondessi che xe un modo de dir per el fero de caval saria una strafigada….e inveze: – Nothing – no vol dir niente. Velika delusion, come no vol dir niente? A sto punto li informo che a Trst la clanfa se ciama horseshoe e lori fa:- Ah, kòpito! – Bon se gavemo capido, el scambio cultural xe fato. Ringrazio i muli che me saluda con un: – No problem – english version del celeberrimo “nema problema” locale.
Insoma clanfa se disi bau, ma no vol dir niente. Pensandoghe ben, però, me par assai interesante. Noi gavemo usado el nome de qualcossa che ricorda la posizion del corpo durante el salto, ma lori xe andai oltra, inventandose una parola aposita, benché insignificante, per l’intrepido tufo e quindi unica.

Agiornamento:
una volta tornado a casa go consultado un mio picio dizionario de croato e go scoperto che kòpito in realtà xe el zocolo e no el fero de caval. Sbisigando con Google traduttore go scoperto che fero de caval se disi potkova.
Inoltre, el massimo esperto, el dotor Manna, contatado al mio rientro, ga subito butado là una teoria, ipotizando che bau derivi dal can e dala posizion che questo assumi col se buta in acqua.
Insoma xe ancora de aprofondir l’argomento, ma, oramai, rimandemo ala prossima estate.

Hai scritto qualcosa (o fatto foto, o video, o pupoli…) di divertente/ironico/satirico su Trieste, Gorizia e dintorni? Mandacelo al Quel dela Quela! Scrivi a manna@bora.la

Quel dela Quela on Facebook
Tag: , .

25 commenti a Kòpito, o della clanfa croata

  1. Avatar maja

    no so in croato, ma in sloven i cani no baia “bau, bau”, bensì “hov, hov”.
    me sa che no xe de fidarse dela teoria de diego.

  2. Avatar Paolo S

    Molto interessante scoperta. E un bravo all’ardimentoso cronista antropologo, che intervista mularia autoctona senza padroneggiar la lingua del logo, e superando un gap generazionale non da poco (che le croate fora moda e pelose xe un ricordo del altro secolo!!!).

  3. Avatar maja

    (i cani in croato fa “vau, vau” oppure “av, av”. urge nova teoria.)

  4. peta, xe de far anca un ricerca storica.
    soto l’austria i cani cossa fazeva?

  5. Avatar Kat

    In effetti in ogni lingua el suono delle bestie xe trascritto diversamente.x el tedesco me informo

  6. Avatar Paolo S

    Ma bau in tedesco no xe tipo edificio?

  7. Avatar dimaco

    Bau significa cantier edile

  8. Avatar alpino

    ma anche i cani della minoranza abbaiano hov hov o visto che i xe metà e metà i fa bau hov bau hov me vien i dubbi desso…

  9. Avatar Paolo S

    allora scartemo la pista teutonica?

  10. @7
    questo pol esser la chiave de volta.
    in cantier se usa le clanfe.
    ghe semo…

  11. Avatar Kat

    go trovà questo sito se un ga fioi xe divertente! i versi degli animali in 17 lingue!!!

    http://www.eleceng.adelaide.edu.au/personal/dabbott/animal.html

  12. Avatar Kat

    in tedesco Bau xe costruzione el can fa wau

  13. Avatar Kat

    alpino se non te sta bon te mando mi un can dela minoranza;-)

  14. Avatar Paolo S

    ciò… bau xe costruzione, costruzioni e anche edilizia e cantier per esteso. Disi el mio dizionario. Mi me par più promettente la pista del can che fazezzi Vau, come conta Maja. B e V xe sai vizine nella pronunzia, vedi come che in Spagna i pronuncia Vale che sembra Bale (ancora una spia che torna nell’alto Adriatico!).
    Ma in sto caso i muletti savessi che Bau xe “the way of speaking of the dogs… “

  15. Avatar omo vespa

    o forsi che el lusignan voleva dir “boh” nel senso ‘no go idea coenm se ciama la clanfa’, e ti te ga capi bau?

  16. l’ipotesi più figa in assoluto però saria che:
    da bon muleto nagana, el te ga ciolto pe’l fioco, e noi semo qua a s’cerverlarse su cossa vol dir sto “bau” 😀

  17. Avatar Kat

    …in effetti:-)

  18. Avatar Kat

    al limite ala fine te pol sempre domandarghe: kopito mi hai?

  19. Avatar massimo p

    ha ragion maja. in sloven i cani i fa hov hov e le api zumm zumm

  20. Avatar maja

    fora che i cani dela minoranza che notoriamente ai taliani ghe fa solo che “raus, raus”. (faccina)

  21. Avatar aldo

    “el ghe da una vose al vicin che ghe rispondi:-Bau-Bau?”

    Il “Bau-Bau” non è solo il verso del cane, ma è anche il nome di un fantasma che fa paura ai bambini…

    chi fa la parte del fantasma alza il mantello con le mani assumendo una postura simile a quella della clanfa…

    ho trovato una canzoncina romena dove il Bau-Bau si dice anche lì Bau-Bau:

    http://www.youtube.com/watch?v=2QD0pJuX-2Q&feature=related

    a Lussino il Bau-Bau si dice Bau-Bau?

  22. Avatar maja

    go scoperto che anche i polesani fa le clanfe e i le ciama rococò.

  23. Avatar Danilo Ulcigrai

    @ maja:
    Ah, la ricerca se alarga! Qualche particolar in più su ‘sta scoperta dela clanfa polesana?

  24. Avatar capitan alcol

    Mi pensavo polesani del polesine!
    Me domandavo che clanfe pòl vignir nel delta del Po 😀

  25. Avatar maja

    danilo

    no so altro. che go domandà a un amico polesan e el me ga dito solo che anche là de lori i le fa de tuti i tipi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.