24 Luglio 2011

La Lega Nord chiede di far scendere a 20 le aperture domenicali dei negozi

Una svolta per uscire dalla condizione di imbarazzante immobilismo e disorientamento in cui è precipitato il settore del commercio del Friuli Venezia Giulia. La chiede la Lega Nord, che a Reana ha presentato una petizione popolare per chiedere di portare a 20 le aperture domenicali annuali dei negozi.

Alla presenza dei consiglieri regionali Ugo De Mattia e Mara Piccin, e di Luca Mazzaro, responsabile enti locali Lega Nord della Provincia di Udine, il Carroccio ha ricordato che la proposta è tutt’altro che un’iniziativa estemporanea. “Nel programma elettorale del 2008 – fanno sapere gli interessati – avevamo preso impegni precisi, quindi respingiamo al mittente le accuse di fughe in avanti. Sollecitiamo un dibattito reso urgente e necessario dagli sviluppi recenti, partendo dalla proposta di legge presentata dal gruppo nel 2009”.

La Lega reclama “regole uguali per tutti. Senza distinzioni tra negozi singoli o centri commerciali. Tra attività con estensioni superiori o inferiori ai 400 metri quadrati”. Nella petizione si allude alle sentenze talvolta contraddittorie del Tar, che stanno portando di fatto a una deregulation del settore.

“L’aumento delle aperture domenicali sta seriamente danneggiato la vita sociale delle oltre 60mila persone che lavorano nel settore e che non riescono a dedicare un tempo adeguato alla loro vita e alla loro famiglia. Inoltre non ha creato nuovi posti di lavoro, ma solamente incrementato il precariato a discapito dei contratti a tempo indeterminato così come non ha aumentato i fatturati aziendali, ma ha aggravato la crisi per le piccole attività commerciali.

“In questo momento l’anarchia ha preso il sopravvento e i privati piegano le norme ai loro interessi. La direttiva Bolkestein creerà nuovi equilibri e nuovi rapporti fra consumatori e distributori e ancor più fra i vari operatori commerciali con problematiche che coinvolgono anche gli addetti del commercio.

“Va studiato, perciò, un approccio e un percorso graduale per scongiurare situazioni traumatiche a tutto il comparto”.

Tag: , , .

2 commenti a La Lega Nord chiede di far scendere a 20 le aperture domenicali dei negozi

  1. Avatar Diego Kuzmin

    I negozi la domenica dovrebbero essere chiusi.
    La domenica è il giorno che andrebbe dedicato completamente alla famiglia o agli svaghi, compreso quello che era l’ozio degli antichi romani.
    Prima del fenomeno della cosidetta globalizzazione voluto dalle multinazionali e complice la classe politica intera del mondo occidentale, nei paesi del nord Europa, con grande senso sociale, i negozi chiudevano a mezzogiorno di sabato e poi tutti a casa,a ritemprare le batterie.

  2. Avatar gigi

    pienamente d’accordo, si viveva bene anche con i negozi chiusi le domeniche. D’altra parte i negozianti non sfruttavano le commesse che di solito non vengono pagate come festivo, ma recuperano la giornata durante la settimana. Grande diego

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.