15 Giugno 2011

Libri.i lancia il primo esperimento di baratto

Prosegue la rubrica Libri.i dedicata a letture decisamente alternative e datate: in altre parole il piacere di frugare negli scaffali meno in vista delle librerie e sulle bancarelle degli usati e dei libri vecchi, seguendo per vie trasversali argomenti del più vario genere.

Quel che andiamo rimirando, come progetto ulteriore che già abbiamo fatto trasparire dietro la rubrica, è giungere al baratto dei libri. Che lo si organizzi su queste pagine, o che ci si ritrovi periodicamente, magari ospitati in una libreria, che lo si possa anticipare nel forum di Bora.la in ordine alle disponibilità e alle “desiderata” di ognuno, che vi piaccia o non vi piaccia….: fatecelo sapere, proponete e suggerite. Ovviamente, per evidenze logistiche, si comincia a Gorizia, magari prima delle vacanze, così la scorta per le letture estive potrà essere incrementata dal baratto.

Io intanto comincio: Maurizio Corona, belle edizioni assolutamente intonse, cedo con un certo sollievo. Cerco libri che riguardino esplorazioni e viaggi, meglio se relativi alla prima metà del secolo scorso.

Tag: , , .

21 commenti a Libri.i lancia il primo esperimento di baratto

  1. isabella ha detto:

    Io sono così gelosa dei libri, ma alle amiche fidate, a mamma, suocera e cognata li presto sempre.
    Poi quando vado in viaggio li lascio negli alberghi.
    Mi è più facile chiedere chi cerca e cosa perchè ne ho un sacco.

  2. Martina ha detto:

    Bene, Isabella, il Witz della faccenda sta nel decidere se abbiamo libri di cui ci possiamo disfare se non proprio volentieri almeno a ragion veduta. Come dicevo sopra, io non ho eliminato Mauro Corona pur non trovandogli alcun merito per stare a casa mia: sono pur sempre libri e come tali vanno trattati e rispettati. Non li leggerò mai: Ho fatto un tentativo: impossibile! Ma in vista di un cambio, possono diventare oggetto di scambio e magari trovare adeguati estimatori. Credo che molti di noi abbiano la necessità di alleggerire gli scaffali delle librerie per far posto a nuovi acquisti: e quindi, il baratto serve a recuperare e utilizzare i libri finiti in seconda fila, quelli letti una volta di cui siamo certi non riapriremo nemmeno una pagina, i libri che ci hanno regalato senza conoscere i nostri gusti letterari, i libri che noi stessi ci siamo comperati dimenticando che da qualche parte ne avevamo già una copia…se riusciamo poi a incontrarci, e stiamo già valutando dove, barattiamo!! Poi parlando di libri, chissà che altro salterà fuori.

  3. Valentina ha detto:

    Bellissima iniziativa!

  4. isabella ha detto:

    Cedesi collana di libri sporcaccini della collana Berbera & Hyde (Sextoys, Spicy, Alien sex, Latex, XXX Manga, Uniform sex, Working hard) in cambio di romanzi più avvincenti 😀

  5. Alberto Loreti ha detto:

    sono daccordo con Martina ogni libro ha un suo valore di qualsiasi argomento tratta, leggerli poi è un intervento personalissimo, per lo scambio tempo permettendo in uno dei parchi della città, Piuma, Coronini,ai giardini pubblici, al parco del castello,uno sono disponibile a scambiare ogni genere che possa interessare agli altri o a me, più volentieri i libri che mi sono piaciuti di più

  6. Alberto Loreti ha detto:

    tempo permettendo in uno dei parchi della città, piuma, coronini al castello, per quello che mi riguarda,non ho attaccamento all’oggetto libro, anzi quelli che più mi sono piaciuti li do volentieri, il confronto e la condivisione della cultura, ci aiuta a crescrere

  7. Martina ha detto:

    “quelli che più mi sono piaciuti li do volentieri”: queste parole, di una eccezionale generosità intellettuale, per me sono rivoluzionarie! Grazie Alberto.

  8. gianfranco sforzina ha detto:

    il libro di Corona te l’ho regalato io……

  9. marino ha detto:

    Io invece, riguardo quelli che più mi sono piaciuti, esorto a leggerli le persone che so che potrebbero apprezzarli, ma malvolentieri li dò, perché so che è probabile che mi venga la voglia di rileggerli o, soprattutto se si tratta di saggi, di consultarli anche con relativa frequenza.

  10. lia ha detto:

    io ne compro a iosa, poi il tempo passa senza che li abbia letti… nel frattempo gli interessi cambiano e i libri dormono sotto la polvere. sarei lieta di donarli a qualcuno che li possa trovare interessanti 🙂
    ottima iniziativa!!!

  11. ottima idea lo scambio.comincio a spolverare dei libri.

  12. Gorizia:) ha detto:

    Faccio notare alla redazione che questo post è introvabile senza il banner. E se il banner non si trova…

  13. Serena ha detto:

    Ciao a tutti! Mi piace molto l’idea del baratto. Quando si fa? Ho una decina di libri che scambierei volentieri, narrativa.

  14. Alberto Loreti ha detto:

    decidiamo il giorno ,possibilmente prima del 18 luglio, da quel giorno fino al 16 agosto io , sarò assente, purtroppo non per ferie, ma perun periodo di riabilitazione intensiva a Villa Miari (SCHIO -VI)sarebbe molto bello incontrarsi per lo scambio di libri e di ideee e opinioni, in un momento in cuii libri sembrano essere diventati un bene non più necessario alla vita dell’uomo, compresa la sparizione di molte piccole librerie, e la crisi generalizzata dell’editoria, a presto saluti a tutti….

  15. Serena ha detto:

    Potremmo incontrarci l’ultimo sabato di agosto, alla Remuda… (se non è chiuso per ferie). Nel frattempo, chi desidera partecipare al baratto, potrebbe elencare nel forum i libri che è disposto a cedere. Tanto per avere un’idea. Martina ed io abbiamo già cominciato.

  16. Alberto Loreti ha detto:

    per lafine di agosto, ci sarò, per l’elenco in questo momento è un pò complicato per me non ho il tempo, parteciperò all’incontro alla remuda, salurti e buone vacanze a tutti

  17. Serena ha detto:

    Martina… novità sul “baratto libri”???

  18. Martina ha detto:

    Dovremmo esserci, Serena. Abbiamo pensato ad un luogo in città, così da poterci arrivare a piedi o in bici. Il direttore della Biblioteca dott.Menato ha assentito immediatamente alla nostra richiesta di ospitalità, e quindi ci possiamo ritrovare nel giardino interno del palazzo di via Mameli. Riaggiorniamoci nel Forum sui titoli.

  19. Flavia Rolli ha detto:

    Buongiorno a Tutti, sono Flavia, una studentessa del Dante a Trieste. Scrivo innanzitutto perchè sto facendo un articolo per il piccolo e mi piacerebbe citare il vostro progetto di scambio (sto parlando della società dell’accesso in cui la proprietà sta diventando un fardello): come procede il programma? Inoltre sto portando avanti insieme a dei miei compagni l’idea di rinnovare la biblioteca del Dante, perciò mi piacerebbe ricevere consigli e spunti!
    Grazie per l’attenzione 🙂

  20. Flavia Rolli ha detto:

    Mi potete contattare a flaviarolli@libero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *