6 Giugno 2011

Il Comune di Udine mette in sicurezza gli incroci pericolosi

Prosegue il piano di messa in sicurezza dei “black points”. Da oggi al 25 luglio piazzale D’Annunzio sarà interessato da una serie di lavori di messa in sicurezza nell’ambito di un progetto del Comune che prevede interventi su tre intersezioni stradali ritenute pericolose in base al numero di incidenti rilevati. Il sito di piazzale D’Annunzio è stato individuato con un grado di pericolosità 1, ovvero caratterizzato da un numero di sinistri con morti e feriti superiore alla ventina nell’arco temporale 2004-2008. Nel periodo in questione sono stati rilevati infatti 38 incidenti, di cui i maggiori sono riconducibili a impatti frontali-laterali e laterali per mancata precedenza e/o rispetto della segnaletica.

Per questo motivo si procederà alla riorganizzazione dell’attuale intersezione tra viale Ungheria, viale XXIII Marzo e viale Palmanova. Verranno inoltre rimodellati i punti di confluenza verso la rotatoria allo scopo di evitare manovre di ingresso foriere di incidenti, e viene modificato il percorso ciclabile proveniente da viale XXIII Marzo allo scopo di collegarlo all’itinerario ciclabile FVG 1 – Coccau-Grado, anche questo in corso di progettazione. L’intervento sarà completato infine da opere di allargamento e sistemazione dei passaggi pedonali. Il progetto, nel quale rientrano anche gli interventi già eseguiti su piazza Primo Maggio e sull’incrocio tra le vie Lumignacco, Gonars e Selvuzzis, prevede un investimento complessivo di 400 mila euro (180 mila euro per piazzale D’Annunzio).

Per consentire l’esecuzione dei lavori è prevista la progressiva istituzione del divieto di sosta e del senso unico alternato, due misure che non impediscono la normale circolazione nell’area. “Fino a metà giugno, comunque, quando termineranno le scuole e il trasporto pubblico si ridimensionerà notevolmente – spiega l’assessore alla Mobilità Enrico Pizza –, il cantiere si svolgerà in modo da creare meno disagi possibili alla viabilità”.

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.