12 Aprile 2011

Anche T. Patoco si candida Sindaco di Trieste. Ma intanto la città scompare dalle carte

Edizione straordinaria. Finalmente, dopo tanti mesi di silenzio, riceviamo una nuova missiva dal nostro inviato in terra friulana T. Patoco. Come ben vi ricorderete T. Patoco è impegnato ormai da più di un anno con il suo Esercito Patockista di Liberazione Furlanica, l’EPLF, nella difesa di Trieste dalla minaccia friulana.
Pupolo di Michele Zazzara.

Le puntate precedenti:

T. Patoco trova un campo de panoce in Quel di Basovizza e se impizza.

T. Patoco trova la dicitura “ufficio scolastico per il Friuli” su un certificato di maturità dell’Oberdan e se impizza. Nasce e parte l’EPLF.

T. Patoco ci aggiorna da Barcola sullo stato dell’avanzata dopo due settimane. Primi longhi per l’EPLF

T. Patoco scopre l’esistenza del paese di Patocco e se impizza.

T. Patoco scopre che Virgilio fa risorgere i friulani nelle risorgive e che Antonio, il dinosauro, è diventato anch’esso friulano (e se impizza).

T. Patoco viene intervistato volentieri e se impizza un spagnoleto.

T. Patoco incontra l’assessore Violino e lo impizza.

T. Patoco scopre l’attacco furlanico a Piazza Unità e se impizza le luci blu.

T. Patoco scopre i progetti dei LEGO Freeco Speeder e no li impizza.

T. Patoco affronta il pericolo dei missili furlanici e no li impizza.

T. Patoco trova un secondo campo de panoce e scopri el Pepi S’ciavo furlan e se impiza

T. Patoco nota el marchi tipicamente friulano sul cartelon dela Barcolana e se impiza

Oggi:

LE INVASIONI FURLANICHE
Comunicato ufiziale di candidatura a Sindaco

Carissimi concitati concitadini patochi, ecome qua dopo tantonon tempo (al momento se trovemo in bisiacaria, gavemo dovudo ripiegar un salto) e un remitur de robe che ne xe nate e che ve conterò, con la calmeta. Ma no ogi, che xe robe de una certa qual altra priorità po’.
Alora voi magari pensarè che noi del’Esercito Patockista de Liberazion Furlanica, impegnai come che semo in tere cussì lontane da casa per difenderve dala minacia furlana, no seguimo i fati de cronaca e de atualità dela nostra bela Trieste. E inveze no xe cussì, remengo, e ve scrivo propio perchè son un poco preocupà pe’l vostro futuro prossimo. Cioè, questo, no el prossimo, el futuro questo che vien insoma.
Le notizie che me ga preocupà xe:
1. Go visto che ogni giorno che passa vien fora un candidato sindaco novo. Spero che gavè capì tuti che questo xe un piano segreto dei furlani per insempiarve. Tra l’altro iera anca un manifesto che ga zercà de avisarne “Udine vuole il sindaco di Trieste“. Propio ala luce del sole insoma, quindi ocio!
2. Go leto ogi sul Bugiardel (che riva anca in Friul, no pensavo, Nevio Cocal iera convinto che i lo censurassi) che a Trieste el cognome più diffuso xe Furlan. Per no contar poi i vari “Dudine”, “Furlani” o “Friuli”. Quindi semo za ben colonizai, bisogna intervenir o no sarà scampo.

Alora go subito messo sotoscaio el fusil e go tacà caminar per vegnir in Piaza Unità a firmar le carte per candidarme sindaco. No go capì dove sarà de firmar, ma sarà un uficio dove candidarse imagino. Imagino che sia anca ssai festin, se xe cussì tanto giro de gente che ghe va ogni giorno. Forsi i te dà un spritz gratis co’ te se candidi, bu. Bon, indiferente. Ma sicome no gavevo ssai voia de ciapar piova, meti che piovi, alora go butà un cuc sule previsioni metereorologiche, sul computero de Ucio Brulè, sul sito dela rai. Eco qua vedè cossa xe vegnù fora.

Alora insoma dele some mi me par che i se ga portà vanti col lavor, Trieste no xe più in Italia e po’ bon. Che po’ no saria questa la roba negativa, che cussì stemo un poco in pase tra de noi tra spritz e clanfe e Viva l’A e po’ bon, ma più che altro podaressi darse che mentre che noi EPLF ierimo qua in Friul a combater la minacia furlana, i furlani xe stai più sgai de noi e i ga fato sparir in qualche maniera Trieste. Forsi scavando un buso col trator, va saver, i furlani xe ‘ssai bravi in ste robe, no se pol cazarghela, anca se pensemo che le piere del Carso se gaveria ribelà, ma no se pol mai saver, magari tuta Trieste xe finida int’un buso, no so, tipo in Grota Gigante.
Alora el piano xe questo:
Pensemo positivo, femo che Trieste no xe ancora cascada int’el buso e che i mati dela rai ga sbaglià. Mi vegno firmar le carte de candititura e me bevo el spritz omagio int’el uficio. Podopodichè, fazo la mia prima ordinanza preventiva. Cossa xe un’ordinanza preventiva, dirè voi che no sè studiai. Alora ve conto: co’ te se candiditi, te ga dirito per dirito a un’ordinanza preventiva, cussì, come che se ghe dà l’ultimo desiderio ai condanai po’, qua inveze se ghe dà la prima ordinanza ai candidai. I altri ga za fato, no ve sè inacorti. Perchè pensè che xe tuti sti candidati? In pratica ogni volta che se candidava un el tirava in balo un altro. Cussì Fedriga che xe stà el primo ga dito che la sua ordinanza xe che devi candidarse antonione e no tononi. antonione ghe ga tocà candidarse, ma no gaveva ssai voia, alora ga dito che per star in compagnia ga de candidarse anca Fli. I mati ga fato la conta e ghe ga tocà a Lo Bianco. Che anca lui stava ben in pase senza, alora se gà vendicà e ga dito che devi candidarse anca l’Udc, e cussì anca l’Udc ga dovù tirar fora un candidato, e ghe ga tocà a Sasco. Desso no so quala sarà l’ordinanza preventiva de Sasco, bu, forsi el ghe ordinerà toneloto de candidarse come el gaveva promesso per poi no far, con soma delusion un poco de tuti quei che voleva votarlo.
Ma bon, queste xe ciacole. Disevo dela mia ordinanza preventiva:
con tuti sti “Furlan”, “Dudine” “Friuli” e altro che sicuro desso no me vien in amente no podemo sperar de vinzer, quei xe infiltrati lanfur. Per cui la mia prima ordinanza preventiva xe cavarghe el dirito de voto. A meno che no i triestinizi el cognome, roba che un furlan vero no faria mai. Che i “Furlan” diventi “Teran”, i “Dudine” diventi “De Trieste” e i “Friuli” diventi “Venezia Giulia”.
E ‘lora te vederà che T. Patoco vinzerà!
A presto miei cari.
Vota EPLF!

Hai scritto qualcosa (o fatto foto, o video, o pupoli…) di divertente/ironico/satirico su Trieste, Gorizia e dintorni? Mandacelo al Quel dela Quela! Scrivi a manna@bora.la

Quel dela Quela on Facebook
Tag: , , .

3 commenti a Anche T. Patoco si candida Sindaco di Trieste. Ma intanto la città scompare dalle carte

  1. Avatar capitan alcol ha detto:

    “Also called patoco in Colombia and Panama”

    http://en.wikipedia.org/wiki/Porthidium_lansbergii

    E un vulcan

    http://en.wikipedia.org/wiki/Patoc

  2. Avatar Macia ha detto:

    …e me par che el Veneto se gabi finalmente annesso Lignan…

  3. Avatar Paolo ha detto:

    ma san florian xè ancora italia o per andar a cior vin devo mostrarghe la prepusniza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.