6 Marzo 2011

E daghe la bora che vien e che va

La bora dei giorni scorsi si è rivelato parecchio ispiratrice.
C’è ad esempio giorgio (no events), particolarmente colpito dal tentativo di fuga di Ursus, che ci propone questo dialogo:

– De quando che i fa el giornal a Gorizia, no i intiva una. “Crolla una gru a Giarizzole, distrutte tre auto in sosta” iera scrito l’altro giorno, i pensa che Giarizzole sia un paese come Muja, Caresana o Bolunz, ché inveze xe solo un piazzal e una via dove che ve iera anche l’inceneritor.
– Gò inteso anche mi che ‘sta grua xe cascada propio tre giorni prima che vegni quela bora de record. Come un samurai che, piutosto che farse copàr del nemico, el se còpa de solo, cussì ‘sta grua, cò la gà savesto che vigniva bora forte, la se gà butà zò in strada vecia del’Istria.
– Ormai a Trieste xe restà solo le machine a pensar e far robe: in quei giorni de bora forte, Ursus, la grua grande che stà in porto de zento ani, ghe gà ciapà come nostalgia de casa e el xe filà.
– Cosolini gà dito che Ursus gà ciapà paura dela Monassi in porto e el xe scampà…
– No No! No el xe scampà, anca lù gaverà sentì del casin che iera in Libia e voleva andar zò a dar una man. Dipiaza gà dito che iera mejo se el se negava, che no se devi farghe casin a Ghedafi e che cussì sarìa stà più neto el water-front…
– Ah no i gà netà el water in municipio?
– Indiferente, anche perché con tuto quel che i gà scrito de ‘sto Ursus, par che el pidiele gabi trovà el can-di-dato ideale: forte, con grandi ideali, fin che el gà lavorà el gà lavorà per Trieste, el gà vinto per 1 a 0 con la bora, la zente ghe vol ben e a Udine no’l pol andar.
– Se el se presenta, mi voto Ursus, subito. L’unico vero triestin, altro che i chinesi dela lista zala, AnTonioni o Fortuna-Bossi…
– Ma no “Fortuna-Bossi”! Fortuna-Drossi xe quei dela metropolitana-nela-cità-di-Trieste, che i vol far una linea per rivar ala nova stazion TAV de Nabresina.

C’è poi Paolo Barbana, che ha dedicato una nuova strofa del tram de Opcina a Ursus:

e l’Ursus povereto ormai stanco de picàr,
el sbrega le cadene e ‘l scampa in mezo al mar
la Bora a centottanta, i copi sul baùl
tignimose ben streti, o svolemo pel Friùl

Ci sono poi i pupolatori Vile&Vampi, che non si lasciano scappare l’occasione per dedicare qualche vignetta alla bora:

C’è infine chi si immedesima in Bear Grylls intento ad affrontare questa temuta calamità naturale…

Bon dei, in fondo se no i xe mati no li volemo 😉

Hai scritto qualcosa (o fatto foto, o video, o pupoli…) di divertente/ironico/satirico su Trieste, Gorizia e dintorni? Mandacelo al Quel dela Quela! Scrivi a manna@bora.la

Quel dela Quela on Facebook
Tag: , , .

Un commento a E daghe la bora che vien e che va

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.