1 Marzo 2011

Due studenti triestini a Roma per una sessione simulata del Parlamento europei

Lorenzo d’Eri e Antonella Salich, due studenti della IV A del liceo scientifico “Galileo Galilei”, parteciperanno dal 4 al 6 marzo prossimo a Roma ad una sessione simulata del Parlamento europeo. L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto nazionale “UexTe: a scuola l’Europa”, promosso dal Ministero della Gioventù e dall’Agenzia Nazionale Giovani, con la collaborazione di Dipartimento Politiche Comunitarie/Ministero degli Affari Esteri, Parlamento e Commissione europea, Associazione Carta Giovani e realizzato dalla rete Eurodesk Italy in collaborazione con l’EuropeDirect.

Oggi nella sede dell’ufficio EuropeDirect del Comune di Trieste, in via Procureria, presenti l’assessore alla Cultura e Comunicazione Massimo Greco, con la dirigente Maila Zarattini e i due giovani del Galilei, sono stati presentati i principali aspetti di questa interessante iniziativa, giunta la suo secondo anno di vita e che, coinvolgendo giovani di tutt’Italia, ha visto svilupparsi incontri di approfondimento su diverse tematiche come l’integrazione e le istituzioni europee, le politiche giovanili dell’Ue e la legislazione italiana ed europea. Nello specifico, quest’anno i due giovani triestini che hanno superato la selezione hanno lavorato alla stesura di una proposta di risoluzione sul tema dell’ambiente e dello sviluppo. “Ci siamo occupati –ha spiegato Lorenzo d’Eri- della biodiversità come qualità dell’ambiente circostante” in una “visione interdisciplinare”, mentre Antonella Salich ha a sua volta evidenziato come la risoluzione proposta affronti anche “specifici problemi legati ai campi dell’agricoltura e della pesca”.
A livello nazionale al progetto “UexTe: a scuola l’Europa” hanno aderito una quarantina di enti, 100 istituti scolastici con il coinvolgimento di 10.000 giovani di età compresa tra i 16 e i 19 anni. Saranno ora 100 i lavori che parteciperanno alla sessione di Roma. Di questi 30 passeranno alla fase successiva, per arrivare infine ai tre vincitori finali, le cui proposte di risoluzione saranno presentate al Ministero della Gioventù e all’intergruppo del Parlamento europeo
Soddisfazione per l’attività svolta dall’ufficio EuropeDirect del Comune di Trieste è stata espressa dall’assessore Massimo Greco che ha evidenziato come proprio la struttura triestina sia particolarmente attiva nell’ambito della rete nazionale Eurodesk Italy. Infatti -ha detto Greco- “l’EuropeDirect del Comune di Trieste è uno dei primi sorti in Italia e il primo in Regione”, a testimonianza della sensibilità e dell’impegno verso questi temi e queste problematiche di carattere europeo e internazionale.

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.