31 Dicembre 2010

Stangata sui pedaggi autostradali: +13,58% per i tratti di Autovie Venete

Aumenti record dei pedaggi autostradali. Se a livello nazionale il prezzo salirà in media del 6%, Autovie Venete applicherà per i tratti di sua competenza un rincaro del 13,58%. Cala invece dell’1,18% il pedaggio sul passante di Mestre.
Autostrade per l’Italia (che gestisce il tratto Udine-Tarvisio) praticherà un rincaro medio dell’1,92%.

Ecco la tabella delle variazioni dei pedaggi autostradali che scatteranno dal primo gennaio sulle varie tratte.
Asti-Cuneo S.p.A. 0,00%
Ativa S.p.A. 6,86%
Autostrade per l’Italia S.p.A. 1,92%
Autostrada del Brennero S.p.A. 1,39%
Autovie Venete S.p.A. 13,58%
Brescia-Padova S.p.A. 7,08%
Consorzio Autostrade Siciliane 0,00%
CAV S.p.A. (A4 Venezia Padova, Tang. Ovest di Mestre e Raccordo con aeroporto Marco Polo -1,00%; Passante di Mestre -1,18%)
Centropadane S.p.A. 0,80%
CISA S.p.A. 6,13% Fiori S.p.A. 4,70%
Milano Serravalle Milano Tangenziali 1,53%
Tangenziale di Napoli S.p.A. 3,80%
RAV S.p.A. 14,15%
SALT S.p.A. 4,76%
SAT S.p.A. 4,08%
Autostrade Meridionali (SAM) S.p.A. -6,56%
SATAP Tronco A4 S.p.A. – Novara Est-Milano 12,95%
Torino-Novara Est 12,38%
SATAP Tronco A21 S.p.A. 9,83%
SAV S.p.A. 18,95%
SITAF S.p.A. – Barriera di Bruere 3,31% –
Barriera di Avigliana 5,50% –
Barriera di Salbertrand 5,00%
Torino-Savona S.p.A. 0,63%
Strada dei Parchi S.p.A. 8,14%.

Tag: , , .

37 commenti a Stangata sui pedaggi autostradali: +13,58% per i tratti di Autovie Venete

  1. Alessio ha detto:

    C’era anche qusto nella conferenza di fine anno di Tondo?

  2. marisa ha detto:

    A suo tempo, Tondo, tutto orgoglioso e fiero di questa sua prodezza, mi risulta abbia detto (questo il senso della sua dichiarazione): “La terza corsia dell’autostrada A4, la paghiamo noi senza chiedere nulla a Roma. Questo è il vero autonomismo…”.

    Ossia “autonomia=essere fessi”?

  3. Srečko ha detto:

    Luigi (Dei Frater Major)

    Pane per i tuoi denti: la vignetta slovena rimane a prezzo invariato…

  4. Rupel ha detto:

    evviva la Slovenia

  5. Luigi (veneziano) ha detto:

    Grazie al mio spasimante per avermi nuovamente evocato.

    Credo soffra per questo amore non corrisposto, ma c’è un anno nuovo alle porte: chissà…

    L.

  6. dultan ha detto:

    volevi l’itaglia e ‘deso tenivela

  7. Luigi (veneziano) ha detto:

    Scusatemi se sfascio i soliti incubi itaglianofobi: Autovie Venete NON E’ una società itagliana brutta sporca, cattiva e ovviamente mafiosa, ma una società in buona sostanza INTERAMENTE in mano della Regione FVG (86% di proprietà di Friulia Spa).

    E allora – per cortesia – smartellatevi i maroni fra di voi, grazie.

    L.

  8. dultan ha detto:

    volevi l’fvg e ‘deso tenivelo 😉

  9. arlon ha detto:

    Efetivamente, più pasa el tempo più comincio (tangenzial de KP a parte) a aprezar la vigneta slovena.

  10. mutante ha detto:

    le abbiamo pagate con le tasse, e adesso pedaggi di platino…

  11. Luigi (veneziano) ha detto:

    La vignetta – come ho già detto qui dentro – è un sistema eccellente.

    La cosa che a me dà veramente fastidio della vignetta slovena è che appositamente hanno fatto in modo di non creare una vignetta di tre giorni o di dieci giorni, così da fregare alla grande tutti quelli che semplicemente passano per la Slovenia per andare in Croazia o quelli che fanno le classiche due settimane al mare e che quindi sono costretti ad acquistare – rispettivamente – la vignetta da 15 Euro (7 giorni) o quella da 30 Euro (un mese).

    Fatti i debiti calcoli, il costo per km della vignetta slovena in questi due casi (che coprono la gran quantità degli stranieri che passano in Slovenia) è notevolmente più alto del costo per km delle autostrade italiane, che restano a mio modo di vedere un furto legalizzato.

    Ultima considerazione già fatta e rifatta mille volte: in Slovenia hanno appositamente studiato una cartellonistica stradale che impedisce materialmente a chi arriva dall’Italia di capire quale possa essere una strada alternativa a quella a pagamento.

    Basti pensare a quel pezzo iniziale che uno deve fare contromano in una strada con segnaletica contraddittoria, passando perfino all’interno di un distributore di benzina (chi c’ha provato, sa di cosa sto parlando)!

    L.

    PS Il sistema comunque nettamente migliore è quello tedesco, altro che vignetta!

  12. Luigi (veneziano) ha detto:

    @ marisa

    “Autonomia” significa prendersi onori e oneri. “Autovie Venete” è della Regione, che ovviamente siccome si porta a casa i soldini dei pedaggi DEVE (come da contratto di concessione) pensare alla manutenzione e allo sviluppo.

    Altrimenti si può fare una cosa: la regione FVG VENDE la società ai privati, e la cosa non è più un problema suo.

    Pensa però al lato positivo: la gran maggioranza dei soldi viene pagata da quelli come me, che prendono questa autostrada sei volte a settimana (tre andare/tre tornare).

    A proposito: dopo il “governo del fare” – di cui Tondo è un sodale – continuerà a dire che non ha mai messo le mani nelle tasche degli italiani…

    L.

  13. marisa ha detto:

    Autonomia=autogoverno e scelte responsabili a favore del territorio.

    Per Tondo:
    autonomia=parola vuota da eliminare.

    E LO STA FACENDO, visto che prende ordini a Roma e fa gli interessi di tutti meno che della nostra regione!

  14. brancovig ha detto:

    Comunque la si vede è un impoverimento del paese.

    Gli stipendi non aumentano ed i vari balzelli invece si.

    Certo che far soldi in questo modo non ci vuole un MBA ad Harvard. Grande strategia grande innovazione da parte del governo del fare.

    Poi il signor Tondo e compagnia danzante che ne sanno dei problemi dei cittadini normali… con il loro lauto stipendio (soldi pubblici) ed i loro rimborsi spese per andare al lavoro (fuori ogni logica)3000 euri mese abbondanti.

    A da mori el pendolare

  15. Luigi (veneziano) ha detto:

    Ma i soldi sfilati dalle tasche dei milioni di automobilisti che percorrono le autostrade friulan-giuliane (e che in minima parte sono furlani) dove vanno? Non entrano forse in Friulia? Non rimangono in FVG?

    Tu hai scritto “autonomia=essere fessi”, come se questo rincaro fosse stato deciso alle spalle o sulle spalle dei friulani. E invece è proprio l’opposto! La Regione FVG è una delle POCHISSIME in Italia che possiede la sua rete autostradale, e quindi può decidere (entro certi limiti) i prezzi da imporre ai milioni e milioni di automezzi che percorrono queste sue strade.

    Vuoi che ti espliciti ancor meglio la cosa?

    La grandissima maggioranza dei mezzi pesanti che girano sulla VE-TS provengono da fuori regione, e quindi dovrebbero essere soprattutto LORO a lamentarsi!

    Che proporresti ancora di più: che oltre a portarsi a casa i pedaggi, la terza corsia sia costruita coi soldi degli altri?

    Incredibile: avete un’autonomia speciale che i vostri vicini si mangiano con gli occhi, e non ti basta ancora!

    L.

  16. marisa ha detto:

    Ma intanto per trovare i miliardi che servono per costruire la terza corsia della A4 Tondo ha tolto finanziamenti regionali ai parchi naturali (che non sanno più come tirare avanti), alla cultura (decimata!) e all’economia….

    Il passante di Mestre lo ha pagato tutto lo Stato, o no?

    Tondo doveva chiedere una coopartecipazione statale al finanziamento della terza corsia A4. Peccato sia il peggior Presidente di regione, che questa regione abbia mai avuto. Una nullità in tutti i sensi!

  17. Luigi (veneziano) ha detto:

    Hai le idee un po’ confuse.

    Il Passante di Mestre chi l’ha pagato?

    – 121 milioni lo stato
    – 48 milioni la Regione Veneto
    – 665 milioni l’ANAS per il tramite di finanziamenti bancari, che ANAS stessa recupera attraverso gli utili della società concessionaria. A tal fine, la concessione per la gestione è stata data fino al 2032 alla nuova società mista ANAS/Regione Veneto senza gara, tramite assegnazione diretta definita addirittura nell’articolato della legge finanziaria del 2008. Questa società si chiama CAV (Costruzioni Autostradali Venete)

    Cosa credi invece che farà invece la regione FVG: che storni un miliardo di Euro dal bilancio pubblico per la terza corsia? Farà esattamente così: finanziamenti bancari ed aumenti delle tariffe, così i costi saranno spalmati sugli utenti del manufatto!

    Tondo avrebbbe potuto chiedere finanziamenti statali, accettando però di dividere con l’ANAS la torta dei ricavi.

    Come si può facilmente capire, il business autostradale è una vera gallina dalle uova d’oro, altro che storie!

    L.

  18. Massimiliano ha detto:

    Invece Illy era il migliore vero? Il miglior disonesto, con una giunta di ladroni (e ancora Cosolini si candida a sindaco di Trieste dopo aver intascato i regali di Illy).
    La Slovenia si comporta correttamente? Vedremo, quando un’automobilista denuncerà la Dars alla Corte di Giustizia Europea per i Diritti dell’Uomo (E.C.H.R.) perchè manca un’idonea segnaletica e perchè non viene data la possibilità di scegliere tra autostrada o strada libera.
    Illy non ha saputo sbloccare il credito IRPEF che la regione vantava.
    Per non parlare delle cene e feste organizzate a Villa Manin, dove gli ospiti erano solamente i suoi amici imprenditori.
    Poi, strana quell’amicizia con Jorg Haider, vero?
    Allora non era un neonazista, vero?
    Ricordo che Tondo è stato eletto dai cittadini, che hanno bocciato Illy dappertutto. Ma tanto il signorino ha la sua bella azienda di caffè, che ha favorito durante i suoi 5 anni di permanenza in regione. Basta vedere le giunte governate dai fedelissimi di Illy: allo sbando in tutto, e non per mancanza di soldi, bensì per mancanza di competenza.

  19. sergio ha detto:

    la mia opinione è : se si vuole guadagnare bisogna prima investire, se la regione vuole costruire la terza corsia deve costruirla con i propri soldi che in definitiva sono i nostri, ma non può far costare il prezzo della costruzione a chi deve adoperarla, in definitiva penso per legge e per il traffico che è aumentato di molto deve costruire la terza corsia, l’utente addesso paga praticamente, e parlo dell’automobilista per una corsia, l’altra è quasi sempre occupata dai camion, mi pare non onesto far pagare un autostrada dove la media e sotto i 100 km all’ora e in molti casi file enormi ai caselli di pagamento, sarà più conveniente prendere la statale, ci si arriverà prima saluti sergio

  20. Alessio ha detto:

    13,58% un corno!

    Villesse-Udine Sud è passato da 1,50 Euro a 1,80 Euro, pertanto su tale tratto il rincaro è del 20%.

  21. marisa ha detto:

    LUIGI, la regione Veneto per il passante di Mestre ha tirato fuori dal suo taccuino solo 48 milioni di euro in tutto (questo dato è tuo)! Come ben tu sai ANAS è sinonimo di Stato! Quindi, considerata l’entità complessiva del finanziamento possiamo anche affermare che il passante di Mestre è a costo quasi zero per la regione Veneto. O, NO?

    E come ben sai, quando si fa un mutuo si pagano gli interessi e si restituisce il capitale in un certo numero di anni. E ciò peserà sul bilancio della Regione FR-VG, o NO?

    Dunque chi paga in definitiva la terza corsia dell’autostrada A4, dal momento che Autovie Venete è una società regionale e quindi i soldini deve tirarli fuori la Regione?

    Riguardo al ritorno in termini di pedaggi, è come quando compri una casa con un mutuo pesantissimo e poi l’affitti. In quanti anni ti ripaghi l’investimento o costo della casa?
    Intanto l’investimento o costo iniziale, lo devi tirar fuori tu. O, NO?

  22. Luigi (veneziano) ha detto:

    @marisa

    Ti sfugge la differenza fra “denaro pubblico” (denaro che impatta direttamente sul bilancio dell’ente pubblico, nel senso che proviene direttamente dalle tasche dei cittadini) e “finanziamento privato”.

    I soldi provenienti da ANAS non sono denaro pubblico.

    Friulia è una Spa.

    Ripeto ciò che ho scritto: non vuoi che la regione FVG paghi la terza corsia? Allora CEDA parte del suo 86% di Autovie Venete all’ANAS, che si comporterà nello stesso identico modo del passante di Mestre. Diciamo che potrebbe scendere al 50%, così ridurrà i profitti del 36%. Ok?

    Hai moltissima confusione in testa, comunque sia… buon anno.

    L.

  23. marisa ha detto:

    LUIGI, come al solito giochicchi…

    ANAS e FRIULA SPA non appartengono forse a entità pubbliche (Stato e regione FVG)?

    E dunque, “DI FATTO” siamo nella sfera pubblica….e non in quella privata!

  24. matteo ha detto:

    non mi semrba che in austria ti scrivono segnali per baipassare la vignetta anzi, ti mandano costantemente in autostrada

  25. Luigi (veneziano) ha detto:

    @ marisa

    E continuiamo con la confusione: un ente pubblico che si finanzia utilizzando i soldi dei contrubuenti è un ente che usa SOLDI PUBBLICI. Una Spa che si finanzia nel modo in cui s’è finanziata l’ANAS con la storia del passante, usa soldi PRIVATI.

    Fra l’altro, finanziare un’opera come il passante è una delle cose più “idiote” che si possano fare.

    Dove sta il rischio del finanziatore, laddove si conoscono già perfettamente i flussi di cassa generati dal business, che viene dato per trent’anni in concessione senza nemmeno svolgere una gara pubblica?

    Persino un idiota nullafacente può presentarsi cone queste credenziali in una banca e chiedere 700 milioni di Euro!

    “Buon giorno, mi chiamo Mario Buleghin, ho qui in mano un contratto di concessione per l’autostrada Venezia-Trieste per i prossimi trent’anni. Mi date 700 milioni in prestito trentennale? Io ve li ridò indietro col 30% degli incassi futuri. Ho già i dati relativi a tutti i passagggi automobilistici in questa strada degli ultimi 20 anni. Dove devo firmare? Grazie e arrivederci”.

    Fantastico fare affari in questo modo!

    A proposito: ma tu hai la minima idea di quanti veicoli passano per le autostrade di Autovie Venete, e quindi pagano il loro pedaggio alla Regione FVG? Sono quasi NOVANTA MILIONI all’anno. Prova anche lontanamente ad immaginare quanti soldi vengono “pompati” in questo sistema, che è di proprietà della Regione FVG!

    E tu volevi anche che le spese per investimenti ti venissero pagate dagli altri?

    Veramente voi furlani non avete l’idea di come girano le cose nelle altre regioni!

    Ragazzi, che faccia tosta a lamentarsi!

    L.

  26. Luigi (veneziano) ha detto:

    @ matteo

    Sono appena stato in Austria quattro giorni, per cui – ti prego – non parlare di cose che non sai.

    L.

  27. Luigi (veneziano) ha detto:

    Per chi vuole avere l’idea di come in Slovenia è facile capire come non pagare la vignetta, è sempre utile seguire questo link e verificare con i propri occhi seguendo le foto e i commenti:

    http://www.flickr.com/photos/pierovis-ciada/3786304160/in/set-72157622013557004/

    L.

  28. massimo palermo ha detto:

    ma siamo pazzi??

  29. matteo ha detto:

    come se io non vado mai in austria, dimostra quello che dici, non ci sono scritte gira qui per non fare la vignetta, ce scritto klagenfurt e basta, poi sta a te capire dove andare

    a si, quando entri da tarvisio verso villach, non ce scritto da nessuna parte gira qui per andare a villach per la strada secpndaria

    io parlo perche so, non parlo a sproposito come credi

    cmq questo sul personale non mi piace per nulla, non abbiamo pascolato le capre insieme

  30. marisa ha detto:

    Che “il veneziano” utilizzi il solito giochino di confondere le idee dando dell’idiota a tutti, è un giochino ormai noto.

    “Autovie Venete”, società regionale, non è la proprietaria di nessuna autostrada, ma sola la concessionaria del tratto A4 Latisana-Trieste. Ossia ha una concessione che nel 2017 scadrà. Poi pare verrà fatta una società mista con l’ANAS.

    A fronte degli ingentissimi finanziamenti sostenuti ( e pagati SOLO dalla nostra regione! Poco conta dove va a prendere i soldi Autovie Venete, comunque sono soldi che escono dalle nostre tasche!), Autovie Venete dovrà rientrare dai costi con le tariffe autostradali.

    Per il notro “VENEZIANO” questo è un grandissimo affare per la nostra regione che incasserà una valangata di soldi dai pedaggi.

    Peccato che questi pedaggi li paghiamo anche noi….

    Se invece Tondo avesse chiesto una compartecipazione statale, gli aumenti delle tariffe autostradali sarebbero stati più contenuti.

    BUONA LETTURA!

    http://ricerca.gelocal.it/nuovavenezia/archivio/nuovavenezia/2010/08/30/VR6VM_VR602.html

    http://www.ilgiornaledelfriuli.it/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=71

    http://www.pdaquileia.it/UserFiles/art-ilgazzettino-24dic2010.pdf

    http://www.marketpress.info/notiziario_det.php?art=137654

  31. Luigi (veneziano) ha detto:

    @ matteo

    Ma che spari?

    Io se voglio prendere la statale in Austria seguo i cartelli di colore diverso (nero su sfondo bianco), in modo semplicissimo, senza il minimo problema.

    Ad ogni modo, io ripeto per l’ennesima volta: il sistema delle vignette va benissimo, MA mentre il sistema austriaco ti permette di scegliere il periodo più corretto per te e in definitiva costa poco, quello sloveno è scientificamente studiato per spennare la tipica tipologia di utenti delle autostrade slovene: quelli che le “usano” per andare in Croazia.

    @ marisa

    Tu VERAMENTE non capisci quello che uno scrive!

    Tutti gli articoli che hai postato dimostrano che IO ho ragione! IO ho scritto che la regione FVG ha intenzione di TENERSI la proprietà di Autovie Venete, che è una gallina dalle uova d’oro, e QUINDI che spalmerà il costo della terza corsia sugli utenti!

    QUESTO è il ragionamento che ha fatto Tondo, che vuole spennare i cento milioni di utenti di Autovie Venete all’anno (di cui oltre il 90% NON sono friulani) per pagarsi la SUA autostrada (sua non nel senso che è in concessione a SE’, e lo sarà anche DOMANI, cara la mia ignorante!).

    Se avesse voluto fare diversamente, avrebbe dovuto CEDERE parte di Autovie Venete.

    Hai capito o devo farti un disegnetto?

    L.

  32. Luigi (veneziano) ha detto:

    Aggiungo perché si capisca ancora una volta meglio: a Tondo è stata proposta l’alternativa: vuoi i contributi per la terza corsia? Allora CEDI parte di Autovie Venete (oggi o domani, non ha importanza). Vuoi invece tenerti AV? Allora PAGHI tutto da solo!

    Tondo che ha pensato?

    Ha tirato una riga facendo due conti, ed ha scoperto che conviene tenersi AV e scaricando il costo sugli utenti, gli conviene.

    Tanto in un senso o nell’altro paga sempre Pantalon, e cioè “i non friulani”!

    Invece che voleva Marisa? Che l’autostrada la pagasse l’Itaglia maledetta, ma poi i schei rimanessero TUTTI ad AV, e cioè a Friulia e cioè alla Regione FVG.

    In pratica, Pantalon avrebbe dovuto pagare due volte!

    Sveglia ragazzi, ché se viene il federalismo fiscale ne vedremo delle belle!

    L.

  33. matteo ha detto:

    ma che spari te, ma dove sta in austria la segnaletica che non ti manda sul autostrada, che se vai da villach per la normale verso tarvis ti manda direttamente sulla autostrada e devi conoscere la strada senno finisci in autostrada prima del vallico

    o se vai a klagenfurt devi farti il giro per i paesetti che per klagenfurt ti mandano direttamente in autostrada senza altra segnaletica

    te non ci sei stato in austria senza vignetta, hai fatto solo autostrada

    il sistema sloveno della segnaletica è uguale, ne piu ne meno

  34. Luigi (veneziano) ha detto:

    Ciccio, io mi domando veramente se tu ci sei o ci fai.

    Le strade SENZA PEDAGGIO in Austria sono chiarissimamente segnate dalla lettera B. I cartelloni sono appositamente di diverso colore e sono di semplicissima indicazione.

    Se voglio andare a Klagenfurt (hai proprio scelto una delle strade che ho fatto: da Tarvisio a Klagenfurt!!!), segui la B85 e non hai nessun problema, nessuno ti spedisce ad imbuto nelle autostrade, non devi infilarti contromano passando per un distributore (come per entrare in Slovenia evitando la vignetta).

    Il sistema sloveno – se hai solo dato un’occhiata alle foto che ho linkato – si spiega da sé.

    Tutto il resto sono chiacchiere, come per esempio quella per cui i cartelli stradali in Slovenia sarebbero più o meno uguali a quelli austriaci. Sono tanto uguali che le autostrade in Slovenia sono indicate in verde con scritte bianche, mentre in Austria sono in blu con scritte bianche; le strade stradali in Slovenia sono indicate con scritte nere su sfondo giallo, mentre in Austria sono scritte nere su sfondo bianco.

    Di’ la verità: tu non hai la patente, vero?

    L.

  35. matteo ha detto:

    cicio te ghe dira a qualchedun altro, no gavemo pascola le capre insieme

    con questi insulti personali hai definitivamente rotto, d’ora in poi va nella lista ignore, non leggermi, non rispondermi e soprattutto non rompermi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.