16 Dicembre 2010

Mgs Press: “La Divina Comedia de Dante Alighieri: L’INFERNO”

Scheda libro (redazionale a pagamento)

Nereo Zeper
La Divina Comedia de Dante Alighieri
L’INFERNO
Version original in triestin con vizin la traduzion toscana pei poveri ignoranti

Pagine 216, € 17,50

Dante Alighieri iera de Firenze e ‘l parlava Fiorentin ma, durante l’esilio – perchè Dante, no so se savè, i lo gaveva esilià de Firenze – el iera sta’ un bon toco ospite dei Signori de Duin, e là el gaveva ‘vù ocasion de impararse el Triestin; e ‘l lo gaveva imparà tanto ben, ma tanto ben ch’el se gaveva fina messo a scriver in poisia in Triestin: che difati, come che tuti sa, in Triestin, po, el ga scrito la Divina Comedia. Su ‘sta Divina Comedia tanto se ga parlà e tanti xe stai nei secoli i comenti (l’Assaibon, i Comenti del Butich, del Tiraca, del Del Longo, i Antichi Comenti Taliani…), ma solo adesso un – un sclebez qualunque che no merita gnanca nominar – se ga insognà de farghene una traduzion in Toscan, sostignindo che, se Dante gavessi scrito la Divina Comedia in Toscan (visto che de sicuro el iera bon de scriver anche in Toscan), la gaveria scrita proprio cussì. Eco, alora noi, adesso, vizin a la version imortal del grando poema – visto che xe sempre de più la gente ignorante che se ga dimenticà el Triestin, o che lo parla a stento o malamente – presentemo ‘sta spece de traduzion in Toscan che, ben o mal, tira para mola, xe diventà in ‘sti ultimi secoli quela lingua che in Italia tuti quanti parla; e alora…

Bon, noi qua cominciemo con l’Inferno, adesso, Purgatorio e Paradiso sarà per un’altra volta. Voialtri intanto profiteve de Dante per imparar el Triestin, chè no sta mai mal saver do lingue nela vita, e ogni modo per farve una cultura e saver le robe del mondo: de questo mondo qua e de quel altro, se capissi, chè ogi e doman capita magari che se incontremo tuti proprio lazò e ve poderia vignir star comodo saver come che xe fato l’ambiente, i inquilini e… tuto un poco, dei. Ancora una roba: ‘sta qua xe la version original. Ghe xe anche una version apocrifa ma solo de la prima cantada fata de un certo Stolfa che se spaciava per Dante. No steghe andar drio.

———–

Sull’autore:
Nereo Zeper è nato a Trieste nel 1950. Come scrittore si è occupato di alpinismo (Ladro di montagne, 1997, Narcisi di montagna, 2004) e di dialetto: sue le figure di Cianeto (Tropa roba, Mgs Press 2000) e del Mago de Umago (La bisbetica domacia e altre storie del Mago de Umago, Mgs Press 2003). Come autore e regista radiotelevisivo (Rai) ha al suo attivo numerosi documentari attinenti alla montagna e un film (Promosso!, 2001). Sempre come autore e regista ha messo in scena El dialeto triestin, una storia cantata e recitata del nostro dialetto trasmessa da Telequattro.

Il sito dell’editore:
MGS PRESS

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.