16 Dicembre 2010

Do ciacole coi Sardoni Barcolani Vivi, tra i protagonisti del Festival della Canzone Triestina

Dopo il successo del primo CD “Trieste mille novità”, i Sardoni Barcolani Vivi tornano per proporre al pubblico della città di Trieste (ma anca ai altri, se i ga piazer) otto nuove canzoni, condite da alcuni sketch, o witz, nel loro secondo CD dal titolo “Mi me la mocco”. Il quintetto, formato da Riccardo Valente, Davide Chersicla, Gianluca Turco, Andrea Tavan e Francesco Krecic, parteciperà stasera al festival della canzone triestina, vinto da loro due anni fa con la famosa “No volevo la vinjeta”. La presentazione ufficiale del nuovo CD è invece prevista per domenica 19 alle ore 19 presso Dimensione Sport, in via Milano 21 (pecà, saria stà bel se iera 19 anche quel).

Bon, sentiamo cosa ci raccontano i fab five del morbin triestin. Intervista rigorosamente in triestino, non poteva essere altrimenti.

Chi xe i sardoni barcolani vivi? e cossa i vol?
I Sardoni Barcolani Vivi xe dei pesseti che vivi da sempre ‘ntel golfo de Trieste, giusto in fronte ai Topolini, là dove che xe i muloni che se butta a clanfa. Dopodiché, nell’evoluzione della specie, 5 de lori se ga sviluppado e xe sbarcai in tera: ‘desso coi nomi d’arte de Rich, Davide, Gian, Andrea e Franz xe 5 amici che sona insieme per divertirse. E magari per far divertir chi che li scolta.

Quando ve xe vegnù in mente de cominciar a sonar? Sempre in 5 o xe stà qualche evoluzion de formazion?
Ierimo amici de ani anorum e ogni tanto sonavimo in osmiza, per le feste, sul canapé de casa, e qualchidun de noi gaveva come palcoscenico el coro dela cesa. Dopodiché una matina Rich, xe lui el colpevole, se ga sveiado e ga dito: podessimo scriver una canzon sula Vinjeta e presentarla al Festival dela Canzon Triestina 2008. Deto-fato se semo iscritti, i ne ga ciolto e gavemo vinto con No volevo la Vinjeta. E da là xe sta l’inizio dela fine, nel senso che una monada destinada a durar una settimana se ga prolungado fin desso…
Gavemo cominciado con due chitarre, un piano e un “Mangoni” (vedi “Elio e le storie tese”); dopo qualche tempo se ga zontado Gian al basso e ghe xe stado un avvicendamento tra el pianista e el “Mangoni”. Sto ano al festival gavemo un elemento in più: Damiano alla batteria.

I Sardoni sul set di "No volevo la vinjeta"

El morbin a Trieste. Qualchidun disi che “se ga roto la machineta” e che el morbin xe come la bora: no xe più quel de una volta. Voi come la vedè (no la bora, ma la situazion “morbin”)?
Semo tropo giovini per saver come che iera el morbin una volta.

Voi nele vostre canzoni doprè parole dialetali che per tanti de lori xe za perse (per esempio: rucsac). Le doprè comunemente o le gavè inseride propio per riportarle in vita? O semplicemente volevi far i figoni 😉 ?
Volevimo far i figoni! Scherzi a parte, volevimo far i figoni!

Do ani fa gavè vinto el Festival dela Canzone Triestina e l’ano passà sè rivai secondi. Sto ano puntè al terzo posto?
Me par ‘na domanda ala Dario Vergassola… No, sto anno puntemo ale vallette e ale gruopies soto el palco… Riguardo le parole in dialeto, xe un peca’ sentir la gente che parla un triestin anacquado col ‘talian (e apreza anacquado, opur certe perle che se senti in giro, tipo “ieri pomeriggio son andado del panetier a prender el pan”). Noi ne piasi de parlar e cantar in triestin: zerte parole le pol sembrar inusuali ma le dopremo anca tra de noi, altre inveze le xe ormai quasi in disuso ma ne piasi farle riviver. Comunque se sa che le canzoni xe un modo infalibile per imparar le lingue: per chi vol imparar el triestin semo meio del Cepu!

Parlemo del vostro primo cd, Trieste 1000 novità, vegnù fora l’ano passà. Come ve xe vegnù in mente de far un cd? Xe dificile?
Dopo gaver vinto al festival gavemo continuado a scriver canzonete tra de noi e magari ghe le fazevimo sentir ai amici. Qualchidun le ga aprezade e ne ga butà l’idea de inciderle. E cussì gavemo provado a far un cd. Grazie a Dio gavemo trovado un “santo” sulla nostra strada: come Manna ga l’editrice furlana, noi gavemo un furlan che ne registra, el bravissimo Simone Rizzi.

I muloni in studio

Quante copie gavè vendù?
Del primo cd Trieste 1000 novità gavemo inizialmente fato mile copie. Ne gavemo fate tante solo perché farne 200 o 1000 costava praticamente uguale e za che pagavimo noi… Quando semo ‘ndai a cior ‘sti pachi se semo vardai e gavemo dito: e ‘desso chi se li tien in casa per i prossimi diese anni? Inveze tra amici, parenti, conoscenti, passaparola, gente che gaveva el comodin che ghe ballava e gente che lo ga scambiado per el novo cd de Marco Carta, le gavemo sbagazade in poco tempo.

Quindi sè richi? Butè de bever?
Volentieri: coss’ te ciol? Un bicer de acqua del sindaco? No dei, femo i splendidi: ciol pur un gingerino, o magari una birra chiara piccola.

La copertina (el ga fredo) del primo CD

‘Desso però, a un anno dal primo, vien fora za el secondo: Mi me la mocco. Novità? Similitudini col primo? De cossa parla?
Xe ancora tante domande?!?! …
Bon, anche nel secondo CD se dedichemo a temi de atualità o de vita tipica triestina: dal’ “Ordinanza decoro” del Comun (quela che se te fa pissin per strada i te da 500 pleuri de multa) ala Feriera de Servola, da i veci che gira col capel al’insegnamento del furlan a scola. Tuti proposti in chiave ironica e scherzosa, sperando che la gente se diverti e che nissun se offendi. ‘Sto anno forsi gavemo curado de più la parte musicale, cussì tra le altre robe gavemo anca la presenza de un trombettista, Luca di Varmo, che ga impreziosido zerte canzoni.
Ma no te conto altro, se no dopo te rovinemo la sorpresa de scoltarlo…

Dove podemo trovarli?
Sto ano se semo organizai e gavemo una distribuzion abastanza bona per le liberia dela zità e in altri negozi (tra l’altro ringraziemo l’autore de l’intervista che ne ga aiutado a trovar i contati giusti…) (Dita cussì però sembro una specie de magnaccia-pappone, NDR). Sul nostro sito www.sardonibarcolanivivi.com, tra le altre robe, poderè trovar l’elenco completo.

Dove trovè l’ispirazion per i vostri testi? Osmiza, Barcola o sul bus coi veci col capel?
Ogni logo xe potenziale ispiratore. Ciaro che xe meo i loghi ulmi de gente, come el bus, el coop, el pek (volevo dir panificio, ma pek fa figo), co xe la Barcolana, la Bavisela e quant’altro. ‘Soma, dove te pol scoltar cossa ciacola la gente. E po’ oviamente anche el quotidiano local fa el suo!

La copertina del secondo CD (ga fredo anca lui)

Gira vose che la canzon 1 euro e trenta la gavè scrita prima che el prezo del gelato salissi efetivamente a 1 euro e trenta. Gavè poteri paranormali? Ne disè qualche numero del loto?
Settantuno!
Semo come Nostradamus: dovè saver leger tra le righe dei nostri testi e troverè tante de quele profezie! Tipo el parco del mare, el mato rosigà da un cinghial propio de Melara e che xe ‘ndà a Catinara e adiritura go sentì de un che se ga perso per Sicciole, senza vinjeta nel mentre che el andava a pranzo fora cola sdraio in motorin…sarà stà un vecio col capel?! Scherzi a parte: i numeri del loto ve li demo volentieri tuti e anche tuti giusti,miga come el maestro do Nasimiento. Alora, i numeri del loto xe: 1, 2, 3, 4, 5, … 88, 89, 90. Te va ben?

Seriamente parlando (per bon), mi penso che le vostre canzoni possi presto far parte a pieno titolo dele “canzoni popolari triestine”, che ultimamente no ga ‘vudo un grosso “agiornamento”, visto che probabilmente cantemo ancora le stesse canzoni che cantava i nostri genitori. Che efeto ve faria andar in osmiza e sentir dei muli che canta, per esempio, I stimoli de sti muli o Go un cinghial in giardin?

Xe la prima risposta seria che demo: semo estremamente orgogliosi e contenti de sentir gente mai vista che scolta o canta le nostre canzoni. Ma anche un poco infastididi perché no i ne paga la SIAE…

Gavè gavù qualche contato col maestro dela canzon triestina Lorenzo Pilat? E con la cavala zelante?
El sommo maestro (i cui vinili conservemo con estrema gelosia) lo gavemo incontrado al Festival dela Canzon Triestina: el ne ga scambiado per i Berimbau! Tropa roba! Coss’ te vol, xe sodisfazioni…

Domanda conclusiva più importante de tute: savè far clanfe?
Qua podemo risponder singolarmente:
Andrea: mi son sta azzurro de clanfa figurata e medaia de oro ale Olimpiadi de Sicciole ’92…
Rich: mi nel ’92 me son sciocado per zercar de batter Andrea e me son fato ‘sai mal…
Gian: mi sì, son bravissimo! Co iero picio me esercitavo nei patok dela bassa friulana…
Franz: mi de clanfe ne gavevo tante quando che portavo casa la pagella de scola…
Davide: krapfen? No li so far, ma li magno volentieri…

Ecco l’ultimo singolo dei Sardoni Barcolani Vivi, Veci col capel:

Tag: , , .

4 commenti a Do ciacole coi Sardoni Barcolani Vivi, tra i protagonisti del Festival della Canzone Triestina

  1. agiornamento de ritorno dal festival:
    i xe efetivamente rivai terzi, mitico! 😀

  2. i ve ga scambià x noi Berimbau? ciò, ve femo causa! :))
    bella muli, viva!

  3. Avatar Gian SBV

    Hehehe terzo posto! Anche quest’anno il podio…xe semo fatti distrar un poco dalle Sardelle presenti in platea…

    Ciauuu

  4. Avatar nevione

    go pena ricevudo i vs due cd tropa roba , ade’b vanti cussi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.