6 Dicembre 2010

San Nicolò de Bari xe la festa dei scolari…

San Nicolò de Bari
xe la festa dei scolari
se i scolari no fa festa
ghe taieremo la testa

Nella ricorrenza di San Nicolò non poteva mancare la filastrocca tutta triestina (ne conoscete altre versioni?) per onorare il santo, il cui culto è particolarmente sentito in città.

Intanto ne ricordiamo la leggenda: Nicola nacque in Medio Oriente attorno all’anno 270 d.C. da una famiglia nobile. Rimasto orfano, usò i propri averi per aiutare i più poveri. Divenne quindi sacerdote per poi diventare vescovo della città di Myra, in Licia.
A lui vengono attribuiti numerosi miracoli: dalla resurrezione di tre bambini uccisi all’aver calmato una tempesta in mare.
San Nicola è il Santo Protettore dei bambini, delle ragazze nubili, degli scolari, dei marinai, dei farmacisti, degli avvocati, profumieri, bottai, mercanti, pescatori e delle vittime di errori giudiziari.

Al Santo è anche dedicata una collana di libri in dialetto triestino intitolata proprio San Nicolò.

Tag: .

14 commenti a San Nicolò de Bari xe la festa dei scolari…

  1. luca ha detto:

    mi la savevo in questa version:

    San Nicolò de Bari
    la festa dei scolari
    scolari senza festa
    taiemoghe la testa

  2. Bibliotopa ha detto:

    domandeghe ai scolari che ga provado a far festa.. iera zona B? Tito no ghe ga propio taiado la testa, no… forsi qualchedun se la ricorda meo..

    NB ieri sera e oggi gran festa a san Nicolò dei Greci, per il Patrono

  3. arlon ha detto:

    Sint Niklaas in Belgio xe come qua, solo che vien anche sfrutado comercialmente.. con gadget e strafanici vari che qua no esisti. Saria de importar!

  4. effebi ha detto:

    Nicolò de… Bari
    (no xe un triestin original, altra festa da abolir !?)

  5. bruno ha detto:

    san nicolò de bari
    la festa dei scolari
    se i scolari starà boni
    ghe porterà bomboni
    …e xe l’unica roba da non abolir….
    prova a sveiarte de matina e non trovar i bomboni

  6. bruno ha detto:

    san nicolò de bari
    la festa dei scolari
    se i scolari sarà baoni
    ghe porterà bomboni

    xe una dele poche feste de no abolir
    prova a sveiarte de matina e non trovar i bomboni….

  7. Bibliotopa ha detto:

    Ovviamente, saverè tutti che in realtà el iera vescovo de Mira, in Turchia. A Bari i lo ga trasferido circa mille anni fa, secolo più, secolo meno.
    Gaverè letto el bel pezzo de Rumiz, che però el lo immagina nero, sulla base de una icona che el ga visto, come se i Turchi ( che po al epoca de san Nicola no iera ancora gnanca rivai in Turchia, i iera semai più greghi che altro) fussi come i Sudanesi.

  8. effebi ha detto:

    immigrato, perseguitato politico e religioso,
    ghe fossi sta bossi quela volta….
    …ogi i fioi no gaveria regali

  9. AnnA ha detto:

    la festa dei somari

  10. Flores ha detto:

    anca Lu’rivà qua de noi con “quela maledeta barca…” che nominava i nostri veci, dei!

  11. alessandra ha detto:

    Festa molto sentita nel Bellunese.
    Nel nostro dialetto
    San Nicolò da Bari
    La festa dei scolari
    La festa dei puaret ( poveri)
    Se San Nicolò no ghen met ( non ne mette)
    Al piato resta net ( il piatto rimane pulito)

  12. iole f. ha detto:

    San Nicolò de Bari
    ‘na festa sensa pari
    de tuti i triestini
    vecioti e picinini.
    No importa che lu sia
    de Grecia o de Turchia;
    El xe rivà a Trieste
    e noi fasemo festa!

    ideada e scrita da Iole Fonda – tuti i diriti riservati, eh?

  13. Nicole ha detto:

    San Nicolò de Bari
    la festa dei somari
    somari no fa festa
    taiemoghe la testa

  14. Fausto Tulio Livio Gratton ha detto:

    Bello! Brave signore, o forsi ancora putele (?). Me xe piasudo assai ricordar San Nicolò, come quando iero picio ( 75 ani fà). Viva Trieste! Vivo a Buenos Aires ormai da ani anorum, ma chi se pol dimenticar Trieste! L´ultima volta che son stado da voi sará un diese ani fa. Ma me ricordo ben el dialeto, la parlada de Mama e Papà (Benedetti!). Iero a San Giusto verso sera e no me ricordavo più come andar zo a Piazza Godoni. Ghe domando a un signor in dialeto, e lù el me fa “ma che raza de triestin la xe lei, che no la sa ciapar per la scalea dei giganti? La scusi: manco da Trieste de molti ani (mi tuto contento, che el ga credesto che vivevo la de voi).
    Tante buone cose, auguri e salute a Voi: chissa cossa ve porterà San Nicoló!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.