16 Novembre 2010

I “rottamatori triestini” di Triesteuropea si presentano alla città

[articolo publiredazionale a pagamento]

Mercoledì 17 novembre alle ore 17.30 presso il Caffè San Marco si terrà la presentazione della lista civica Triesteuropea , la lista dei “rottamatori” vicini al Sindaco di Firenze Matteo Renzi.

Verrà illustrata brevemente la cronistoria di Triesteuropea, “cosa faremo alle prossime elezioni amministrative del 2011 e come cercheremo di aiutare l’azione riformatrice del Sindaco Renzi anche nel resto della Regione . Si parlerà dell’organizzazione di un’assemblea triestina stile Leopolda con la possibilità della partecipazione del Sindaco di Firenze”.

“I candidati del centro sinistra – spiega Alessandro Claut – dovranno conquistare la nostra fiducia perché quello che è successo a Firenze e in altre parti d’Italia (Milano docet) potrebbe accadere anche da noi”.

Vai al sito ufficiale di Triesteuropea

[articolo publiredazionale a pagamento]

Tag: , , .

58 commenti a I “rottamatori triestini” di Triesteuropea si presentano alla città

  1. Bibliotopa ha detto:

    Ho guardato il loro sito, e suggerirei, visto che sono vicini al sindaco di Firenze, di sciacquare i loro panni in Arno evitando di scrivere “Qual’è” con l’apostrofo.

  2. gigi ha detto:

    guarda che non è mica un errore si può scrivere in tutti i modi, piuttosto mi pare di capire che ci sono dei movimenti interessanti anche nel centro sinistra e sono proprio curioso di sapere cosa vogliono fare. Si capisce anche che non sono i rappresentanti ufficiali di Renzi ma non so se nel Pd o nel centro sinistra la prenderanno bene che ci siano degli “estranei” che si occupino dei problemi della gente. Vorrei che domani in conferenza stampa spiegassero cosa pensano sia da rottamare in questa città . Io ho alcune idee chiare a tal proposito

  3. mutante ha detto:

    è renzi che va rottamato…

  4. Luigi (veneziano) ha detto:

    Fatemi capire: tutte quelle migliaia di parole con le quali Claut ci ha spiegato in lungo e in largo che avrebbe presentato una lista civica che avrebbe spaccato il mondo intero, alla fine sono diventati una stampella dei “rottamatori” del PD?

    Che direbbero poi i “rottamatori” dell’incipit di uno dei messaggi di Claut, che mi ha fatto rotolare dalle risate?

    “Bentornati dalle ferie! Questo dovrebbe essere l’augurio che si dovrebbe fare ma sappiamo benissimo che non è così. La maggioranza dei triestini quest’anno non ha potuto permettersi delle vacanze come si dovrebbe fare sempre. In questo momento mi trovo in Sardegna, e sono uno dei pochi privilegiati che può permettersi una vacanza (…)”

    Ci manca solo che racconti del cocktail ghiacciato che tiene in mano, mentre il sole cala all’orizzonte!

    L.

  5. effebi ha detto:

    dal sito di triesteuropea:
    “Il Programma elettorale del nostro movimento verrà esposto gradualmente.”
    🙂 vabbè…

    ma, in ogni caso… è una “scheggia” del PD (come renzi) !?

    Parteciperà alle primare del c-sn con un proprio candidato !?

    probabilmente lo sapremo “gradualmente”

  6. effebi ha detto:

    ci mancano ancora i grillini, credo…

  7. effebi ha detto:

    poi i marcondirondellisti…

  8. Alessandro Claut ha detto:

    Vedo che su questo sito ci sono tanti che sono contenti della situazione del centro sinistra nazionale e locale. Chiarisco che noi non siamo i rappresentanti ufficiali di Matteo Renzi a Trieste ma siamo vicini alle sue posizioni. Sono stato a Firenze alla Leopolda , e ho pensato che a Trieste ci vogliono dei rottamatori triestini che rottamino la classe dirigente triestina. In conferenza spiegherò cosa faremo.
    Precisazione per l’anonimo veneziano: non bevo alcolici, ma il concetto che volevo esprimere era che a Ts ci sono tante persone che non sono andate in vacanza perché non avevano soldi, e che io ero uno dei pochi privilegiati, ma è inutile che cerchi di prendere parti di discorsi per sputtanare altrimenti potrei riprendere la polemica con te . In questi mesi anche se ero da un dottore ad un altro per problemi di salute ho letto con grande spasso i tuoi post , addirittura dicevi le mie stesse cose sul Made in Trieste.
    Precisazione per gli altri: venite alla conferenza stampa e vi spiegherò che non siamo una stampella del PD, semplicemente vogliamo contribuire a salvare questa città e non ci sono le condizioni per andare da soli. In un prossimo post potrei spiegare i motivi per cui questo non è possibile per persone scomode come il sottoscritto .

  9. Alessandro Claut ha detto:

    Altra precisazione per Bibliotopa che è membro dell’Accademia della Crusca m pare di capire. Si può scrivere quale è , qual’è e qual è . E comunque si scrive nell’Arno e non in Arno tanto per fare i precisini

  10. effebi ha detto:

    parteciperete alle primarie del c.sn ? o correrete da soli fuori dai due schieramenti ?
    e nell’eventuale ballottaggio appoggerete il candidato di c.ds oppure di c.sn !? che ne pensate di futuro e libertà ?

  11. isabella ha detto:

    Quel “qual’è” è come il “famigliare” ormai concesso perché, branco di svogliati come siamo, non abbiamo mai messo impegno ad imparare bene la lingua italiana.
    Fra un po’ concederanno anche l’uso del condizionale dove dovrebbe esserci il congiuntivo.

  12. MARCANTONIO ha detto:

    mmmm Effebi me sa che j’hai fatto domande da risposte scontate ah ah ah

  13. isabella ha detto:

    Quel “qual’è” è come il “famigliare” che ormai viene tranquillamente concesso perché, branco di svogliati come siamo, non ci siamo mai impegnati ad imparare bene la lingua italiana.
    Fra un po’ concederanno anche l’uso del condizionale dove dovrebbe esserci il congiuntivo.
    E’ più facile permettere che correggere.

  14. isabella ha detto:

    scusate il secondo commento (ma non finiranno mai i problemi di caricamento?).

  15. Macia ha detto:

    @Claut: “sciacquare i panni in Arno” è una conosciutissima citazione da Manzoni. “In”, non “nell’Arno”.

    “Qual è” si scrive senza apostrofo perché si tratta di una troncatura, non di un’elisione.
    Corroboro il commento di Isabella aggiungendo anche che non se ne può più di “pò” con l’accento anziché con l’apostrofo.

  16. Paolo Geri ha detto:

    Veramente a me hanno insegnato sempre a scrivere qual’ è con l’apostrofo in quanto derivante da quale è, e a considerare errore scriverlo senza. Cio in quanto i miei insegnanti (tutti, dalle elementari in poi) sostenevano essere elisione e non apocope vocalica.
    Elementari “Dardi” 1957, medie “Julia” 1963 con insegnante Minervini (allieva di Concetto Marchesi, toscana) liceo Classico “Petrarca” insegnante Luigi Vecchiet.

  17. MARCANTONIO ha detto:

    semo finiti al corso d’italiano ah ah ah spero accettiate er romano

  18. Bibliotopa ha detto:

    Elementari Dardi, Medie e Liceo Classico Dante: concordi tutti gli insegnanti: Qual è, troncamento e non elisione. Segnaccio rosso per chi avesse scritto con l’apostrofo, ma non mi è mai nemmeno passato per la mente l’idea di farlo. Ogni volta che lo leggo, sento come un pugno allo stomaco, come quando vedo tanti accenti al posto di apostrofi, da parte di gente che ritiene che l’ortografia sia una scelta personale .

  19. Bibliotopa ha detto:

    oops passata, non passato. Quando rimetterete il correttore ?

  20. capitan alcol ha detto:

    Il signor Lomi ci chiede quale sia l’esatta grafia di qual è

    Esatta grafia di qual è

    L’esatta grafia di qual è non prevede l’apostrofo in quanto si tratta di un’apocope vocalica, che si produce anche davanti a consonante (qual buon vento vi porta?) e non di un’elisione che invece si produce soltanto prima di una vocale (e l’apostrofo è il segno grafico che resta proprio nel caso dell’elisione). Come qual ci sono altri aggettivi soggetti allo stesso trattamento: tal, buon, pover (solo nell’italiano antico), ecc. È vero che la grafia qual’è è diffusa e ricorrente anche nella stampa, ma per ora questo non è bastato a far cambiare la regola grafica che pertanto è consigliabile continuare a rispettare.

    A cura di Raffaella Setti
    Redazione Consulenza Linguistica
    Accademia della Crusca

    http://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq_risp.php?id=3779&ctg_id=44

    Siete “fuori-argomento”.

  21. Bibliotopa ha detto:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Apocope
    “Quale e tale non si elidono mai, quindi non vanno mai apostrofati nelle loro forme tronche di qual e tal; è quindi scorretta la forma «qual’è», che va invece scritta «qual è»”

    http://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq_risp.php?id=3779&ctg_id=44

    Esatta grafia di qual è

    L’esatta grafia di qual è non prevede l’apostrofo in quanto si tratta di un’apocope vocalica, che si produce anche davanti a consonante (qual buon vento vi porta?) e non di un’elisione che invece si produce soltanto prima di una vocale (e l’apostrofo è il segno grafico che resta proprio nel caso dell’elisione). Come qual ci sono altri aggettivi soggetti allo stesso trattamento: tal, buon, pover (solo nell’italiano antico), ecc. È vero che la grafia qual’è è diffusa e ricorrente anche nella stampa, ma per ora questo non è bastato a far cambiare la regola grafica che pertanto è consigliabile continuare a rispettare.

    A cura di Raffaella Setti
    Redazione Consulenza Linguistica
    Accademia della Crusca

  22. Bibliotopa ha detto:

    siamo arrivati assieme.. ( commento precedente)

  23. Alessandro Claut ha detto:

    Approfitto della vostra competenza per chiedere se è corretto scrivere perché o perchè. Da bravo leader nascente non voglio iniziare sbagliando e accolgo tutti i suggerimenti e critiche costruttive. Scusatemi io ho fatto il Sandrinelli non potete pretendere tanto sotto quell’aspetto eheh.
    Per dieffe: domani alla conferenza ti spiegherò con chi stiamo e perchè ( o perché) abbiamo fatto quella scelta. A domani pomeriggio ore 17.30 Caffè San Marco.
    Ma ragazzi a parte le battute e gli scherzi aiutateci a raggiungere gli obiettivi ( o obbiettivi? boh) comuni che sono: rottamazione della vecchia politica consociativa triestina intanto iniziamo da quì. Ad esempio di cosa vorreste che si parlasse in una lista civica come la nostra?

  24. mutante ha detto:

    questo ci spiega quanto sia rilevante questa notizia. finisce nel dibattito sul qual è.

  25. capitan alcol ha detto:

    #22 delle case ATER agli extracomunitari?

  26. MARCANTONIO ha detto:

    Effebi DS nun ce lo vedo, a proposito io pure sono DS…ma sta per Direttore Sportivo ah ah ah

  27. Bibliotopa ha detto:

    perché e perchè:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Ortografia_italiana#L.27accento_grafico
    “In italiano, il segnaccento, acuto o grave che sia, può essere segnato soltanto sulla vocale su cui cade l’accento tonico della parola, e il suo uso può essere obbligatorio così come accade in fin di parola, o opzionale come avviene in mezzo alla parola generalmente per ragioni distintive. Fino a qualche decennio fa, si usava soltanto l’accento grave ( ` ), perché, come piega Migliorini, “gli stampatori del Cinquecento avevano seguito una norma ricalcata sul greco: accento acuto all’interno della parola, accento grave alla fine. Ma siccome nel corpo della parola l’accento non s’usava quasi mai, l’accento più frequente era il grave”[18]. Più di recente, invece, si è approfittato grazie anche all’avanzamento tecnico, dell’esistenza di entrambi i segni grafici, per indicare anche nella scrittura la differenza la differenza di timbro tra le vocali chiuse é (/e/) ed ó (/o/ e quelle aperte è (/ɛ/) ed ò (/ɔ/)

    Sulle lettere e, o, perciò, la norma ortografica oggi in vigore (e codificata nel 1967 dall’UNI, Ente nazionale di unificazione) richiede di usare l’acuto se la vocale è chiusa (come in perché), il grave se la vocale è aperta (come in cioè).”
    e confesso quindi di esser fuori norma dal 1967 ( anno in cui finii il Liceo, ecco perché a scuola non me lo insegnarono 🙂 )
    Ma Claut deve essere più giovane di me..

    ah già: mi insegnavano già alle elementari “su qui e su qua l’accento mai non va”.

    Io da una lista civica desidererei che si occupasse di proposte di pulizia della città, manutenzione ordinaria, in particolare delle scuole, mezzi pubblici, mezzi di trasporto da e per la città…

  28. Luigi (veneziano) ha detto:

    “Da bravo leader nascente” è fantastica, quasi quanto “in questo momento sono in Sardegna, e sono uno dei pochi privilegiati che può permettersi una vacanza”.

    Il blog di Trieste Europea poi è una miniera di fantastiche battute, tutte scritte dal Nostro.

    Ne volete qualcuna? Il titolo l’ho messo io.

    2012: ANNO SABBATICO
    “noi abbiamo un progetto che inizierà ad essere testato nel 2011 ma che verrà esplicitato in pieno alle regionali del 2013”

    UNA VOLTA TANTO NON L’HA DETTA BERLUSCONI
    “anch’io ho amici gay che ci posso fare? Fa trendy averne”

    QUESTA CITTA’ E’ TROPPO PICCOLA PER NOI DUE
    “se quest’ultimo punto dovesse avverarsi (NDR: andare al potere in città), sono cazzi acidi per tutti perchè non guarderemo in faccia nessuno”

    DI QUALE ANNO?
    “Il nostro progetto è stato illustrato a grandi linee da febbraio a luglio con tre punti principali, gli altri verranno illustrati entro la fine dell’anno”

    NO XE DITO (It’s not finger)
    “Non abbiamo per il culo la politica triestina”

    IO VI HO AVVERTITO…
    “se non vinciamo le elezioni nel 2011 fra un paio di anni rimpiangerete questo brutto momento perchè sarà molto peggio per tutti voi”

    PAR MI UN NERO!
    “alcune persone che contano nel mondo imprenditoriale triestino hanno voluto contattarmi per chiedermi un incontro diciamo borderline ma quasi istituzionale per sapere come la penso”

    ESPERIENZE EXTRACORPORALI
    “Dopo un quarto d’ora mi sono preso e sono andato via”.

    POLTERGEIST
    “la più divertente sentita è che Putin ci ha dato 500 mila euro per fare il mazzo a Dipiazza”.

    L’ASTA E’ UFFICIALMENTE APERTA!
    “Le prospettive di allearsi con qualcuno ci sono ma oggi vogliamo fare una proposta provocatoria . Chiediamo alla Lega, a Bandelli, al Pd, all Udc, a Italia dei Valori, ai grillini e altri ancora di incontrarci, e di metterci daccordo su quattro – cinque punti e portarli avanti a livello trasversale nel prossimo consiglio comunale.”

    TENGO FAMIGLIA
    “Se qualche persona benestante con un cuore grande come una casa ha da buttare via 300 mila euro ed è intenzionato a sponsorizzare la nostra lista civica, allora saremo felici di andare da soli contro tutti”

    I VALORI DI FONDO
    “L’inno dell’inglorioso mondiale sudafricano per noi italiani parla di come bisogna muoversi camminare per raggiungere i propri scopi”.

    Luigi (anonimo veneziano)

  29. Paolo Geri ha detto:

    Io non ho capito una cosa. Claut è iscritto al PD o no ?

  30. MARCANTONIO ha detto:

    Vale pure l’alleanza con Storace? se si posso vedere d’intercedere ah ah ah

  31. effebi ha detto:

    28 …in partito stanno vericando (ansiosamente) 🙂

  32. sergio ha detto:

    ma che bravi!! se questi sono i nostri futuri amministratori che si perdono nella grammatica, siamo a posto, preferisco uno che sbaglia qualche parola ma che lavora, al posto di un burocrate che non fa niente, ma che sinistra abbiamo a Trieste? Roba da vergognarsi, vengano questi signori a rottamare, ci dovrebbero essere dei rottamatori anche da parte del centro destra, io che ho qualche anno in vita mia persone serie nella politica triestina non nè ho mai viste nè di destra, e ancor meno della sinistra, come è ridotta la città è agli occhi di tutti

  33. Matteo Apollonio ha detto:

    Drammatico.

  34. MARCANTONIO ha detto:

    Sergio un po’ d’italiano pero’ non guasta, mica vorrai Di Pietro?

  35. Tergestin ha detto:

    Non conosso personalmente Claut, ma fino a prova contraria se no sbalio xe una persona piu’ che pulita, che ga fato un gran lavor (riconosudo a livel internazionale, boicottado a livel locale) con la Greenaction.

    No gavevo alcun dubbio che el nostro ineffabile Venezian ghe faseva le pulci, visto che no xe ligado ai poteri forti.
    Strano inveze che no go mai sentido mezza parolina sul nostro sindaco e sui suoi piu’ o meno recenti intrallazzi, nonche’ sulle sue continue gaffes e stecche grammaticali (Claut al confronto xe Umberto Eco).

    Me vien in mente “Il maestro di Vigevano”, dove Sordi zigando ai muleti de alzarse immediatamente co’ entra el preside el dirigi el coro “Viva viva il direttoreeeee…..nostro grande educatoreeee!”.

  36. dimaco ha detto:

    Alberto
    Sordi, colui che mise sullo schermo la figura dell’italiano medio. grandissimo.

  37. MARCANTONIO ha detto:

    le sue interpretazioni nel borghese piccolo piccolo e nella grande guerra con Gassmann

  38. kaiokasin ha detto:

    Ma è lo stesso Claut del misterioso Economist club?
    http://www.economist.it/A.C.%20ECONOMIST.html

  39. Alessandro Claut ha detto:

    Si sono io e sono uscito subito dall’Economist Club ma certo che neanche mi ricordavo di questo. Se è per questo sono stato anche vice coordinatore di Camminatrieste prima di diventare Presidente degli Amici della Terra. Non sono iscritto al Pd e non ci penso nemmeno a farlo. Sul veneziano no comment se l’è legata al dito perché l’ho sputtanato per bene per cui neanche lo calcolo più. Grazie a Sergio e Tergestinus. Se questa gente avesse fatto l’uno per cento di quello che abbiamo fatto in questa città ora non saremmo in queste situazioni ma vi invito alla conferenza stampa. Forse la mandiamo anche in diretta streaming visto le richieste a livello regionale di maggiori informazioni su cosa vogliamo fare.

  40. Luigi (veneziano) ha detto:

    Sputtanato?

    Memoria labilissima, ma che ci vuol fare: è probabile che la quantità industriale di battute che l’Uomo sforna sia il suo lato migliore…

    Comunque sia, in bocca al lupo per il “leader nascente”: siamo tutti sicuri che diverrà un “caro leader”.

    Aspetto trepidante il primo video: http://www.youtube.com/watch?v=z7G_ZgbBzJ4

    L.

  41. Macia ha detto:

    Dove ho già sentito questa frase dell’1%? Ah già, Calderoli…

  42. dieffe ha detto:

    un leader ha bisogno di una qualunque base per potersi definire tale.

  43. bonalama ha detto:

    si può scrivere anche qualè!!!(ah ah ah) tutto si può scrivere, la carta non inorridisce, un altro discorso è se sia o meno corretto.Inauguriamo la grammatica ad personam? Non mi sembra un grande inizio. Voglio dire che la risposta piccata mi sembra rivelatrice di un’insofferenza che rende difficile apprezzare appieno il movimento, se tali sono i portavoce, lo scherno ed il sarcasmo andrebbero piuttosto usati verso altri personaggi. Suvvia!

  44. bonalama ha detto:

    dimenticavo, i particolari mi attraggono esempio: persona ben vestita ma con le suole bucate, non i calzini può accadere, ma le suole no!!! E’ inequivocabile segnale di pataccheria

  45. sergio ha detto:

    @ Marcantonio, assolutamente no, anche se il suo partito ha qualche idea buona, , vedi mozione contro le facili pensioni Il giorno 21 settembre 2010 il Deputato Antonio Borghesi dell’Italia
    dei Valori ha proposto l’abolizione del vitalizio che spetta ai
    parlamentari dopo solo 5 anni di legislatura in quanto affermava cha
    tale trattamento risultava iniquo rispetto a quello previsto dai
    lavoratori che devono versare 40 anni di contributi per avere diritto
    ad una pensione. Indovinate un po’ come è andata a finire ! :
    Presenti 525
    Votanti 520
    Astenuti 5
    Maggioranza 261
    Hanno votato si 22
    Hanno votato no 498 etc. etc.
    vedi quando si parla di soldi e di prebende statali, i parlamentari sono tutti eguali, chi dovrei votare? sinistre destre centro, centro sinistra centro destra? Chì???, Quando l’elettorato vota queste persone è complice, al parlamento si deve cambiare quasi tutti come qui da noi, rottamare, rottamare,e ancora rottamare queste persone che pensano solo alla propria poltrona, e seguire le nuove, se lavorano restano se no fuori dalle boll, questa è la mia opinione

  46. Triestin - No se pol ha detto:

    no me par ghe sia niente de novo…a parte la grammatica domani in conferenza ghe sarà le solite ciacole…altro che rottamatore ( el xe solo in zerca de un sponsor e visibilità ) Per el momento ga ragion Luigi

  47. Paolo Geri ha detto:

    L’ articolo dice “la lista dei “rottamatori” vicini al Sindaco di Firenze Matteo Renzi”.
    Renzi è un dirigente del PD sino a prova contraria. Claut dice che non è iscritto al PD e non ha intenzione di farlo. E allora cosa c’ entra con i “rottamatori” del PD ? Chiedere un po’ di coerenza è chiedere troppo ?

  48. Paolo Geri ha detto:

    Claut dice di non essere iscritto al PD e di non avere intenzione di farlo. Visto che Renzi è – sino a prova contraria – un dirigente del PD che cosa c’ entra Claut con i “rottamatori” ? O sbaglia l’ articolo ad accostarlo a loro o se no è troppo chiedere un po’ di coerenza ?

  49. cagoia ha detto:

    Il nulla.
    Passemo oltre.

  50. kaiokasin ha detto:

    Ma siamo sicuri che il PD triestino ha bisogno di rottamatori? A me pare così mal messo già di suo. (e alle primarie si presenta – come ha fatto Renzi – o no? mi pare un po’ in ritardo).

  51. mutante ha detto:

    un paio di domande a Claut (anche perchè io all’ora della conferenza stampa lavoro):
    -l’idea di rottamare i politici è una rimasticazione delle idee di grillo da parte di uno che la poltrona con il pd se l’è presa, non trova?
    -a questo punto, non conviene confluire nel movimento 5 stelle? non è protagonismo?
    -un’idea europea di trieste non esula dai quiz sui posteggi e sulle aree verdi, come quelli sul suo sito, e non dovrebbe abbracciare idee più ampie? quali sono in breve?
    -perchè definire un utente, che magari è fastidioso e molesto, come uno che si è sputtanato invece di confrontarsi con lui?
    -che c’entra un sindaco di firenze con una trieste europea?

  52. mutante ha detto:

    ad esempio: sono pienamente d’accordo sulla città metropolitana e sul made in trieste, però nel blog si parla di un piano urbanistico europeo: nei fatti che vuol dire? libertà assoluta di costruire o conservazione e rielaborazione di quanto già presente? c’è molta vaghezza, trovo.

  53. kaiokasin ha detto:

    “Ma ci da fastidio dover sottolineare per l’ennesima volta…”
    quanto a grammatica è pronto per la liderscip.

  54. dieffe ha detto:

    13 presenti:
    il sottoscritto; 3 cameramen; due hostess; i genitori del collega di claut; roberto giurastante; 3 ex politici bolliti della prima repubblica; 1 spettatore.

    non è stato presentato il simbolo.
    non è stata presentata una squadra.
    non è stato presentato un programma.

    bah.

  55. MARCANTONIO ha detto:

    e i giornalisti?

  56. dieffe ha detto:

    mi no li go visti. ah si, sessa de triesteoggi. stop.

  57. Triestin - No se pol ha detto:

    come annunciado a pagamento su questo blog, un flop… zeroooo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.