7 Novembre 2010

Pallamano Trieste, vittoria (quasi) al foto-finish

Trieste La Pallamano Trieste continua la cavalcata vincente in campionato e conquista la quinta vittoria su cinque incontri giocati. Ma, a differenza di altre gare più soft, l’avversario di turno ha fatto letteralmente penare la formazione allenata da Bozzola: a Chiarbola finisce 31-30 ed è stata battaglia vera contro Cassano Magnago, formazione che decisamente non merita la classifica deficitaria che ricopre attualmente, con soli 3 punti all’attivo. Trieste ha palesemente sofferto in alcuni scampoli di match, riuscendo a risalire la china con la solita solidità mentale: poi, nel momento più importante e col punteggio ancora in bilico, i giuliani sono stati bravi a mantenere l’unico gol di vantaggio e a portare a casa i tre punti che li permettono di rimanere in vetta alla classifica di A1.

I primi trenta minuti sottolineano l’estremo equilibrio sul parquet: Cassano Magnago dimostra di non aver timore reverenziale dei biancorossi, sfoderando un quarto d’ora di buona pallamano fatto da una cospicua varietà di soluzioni offensive, con ottime percussioni ad opera del totem Muraru, spesso ben supportato in ala destra da Montesano. Trieste soffre oltre misura la sfuriate varesotte, andando prima sotto di due al 10′ (8-10) e di quattro lunghezze al 17′ (8-12) dopo la doppia marcatura di Scisci; i padroni di casa mettono le cose a posto grazie alla straordinaria verve di Matej Nadoh (8 reti nel primo tempo e 3/3 nei tiri dai sette metri) ma soprattutto anche alla ritrovata consistenza di gioco, con il giovane Oveglia a dare un preziosissimo contributo in campo. In questo modo Trieste trova il 13-13 al 24′, chiudendo sempre in parità la prima frazione di gara (16-16).

Dopo una ripartenza supersonica da parte giuliana (18-16 con Lo Duca e Radojkovic in contropiede), Cassano Magnago ricuce rapidamente lo strappo con la velocità di Di Vincenzo, abile a perforare la retroguardia triestina per due volte di seguito in un minuto e mezzo scarso: da quel momento i biancorossi tentano di scrollarsi di dosso la resistenza ospite, provando l’allungo a cavallo del quarto d’ora con il parziale di 4-0, firmato nonostante l’uomo in meno in campo causa i due minuti sanzionati a Lo Duca. Ma gli ospiti sono veramente duri a morire e rimangono attaccati alla gara praticamente sino agli ultimi minuti: sul 30-30 Nadoh trova la conclusione vincente, mentre su fronte opposto l’eroe di serata diventa Matej Zaro, autore di due parate fondamentali in un momento in cui gli arbitri perdono letteralmente il lume della ragione (parecchie le decisioni poco “illuminate” dei due fischietti). Negli ultimi secondi, ancora sul +1,  Trieste legittima la vittoria grazie alla palla recuperata da Visintin, con conseguente esclusione temporanea di Di Vincenzo che manda i titoli di coda a una generosissima formazione ospite. 

Pallamano Trieste – Cassano Magnago 31-30 (16-16)

Pallamano Trieste: Modrusan, Zaro, Postogna, Radojkovic 6, Nadoh 12, Carpanese 1, Lo Duca 4, Campagnolo, Visintin 4, Di Nardo 2, Sedmach, Oveglia 1, Anici 1, Pernic, Kerpan. All. Bozzola

Cassano Magnago: Ambrosetti, Corazzin, Scisci 4, Saporiti 4, Cholovsky, Di Vincenzo, Radovcic, Zoldos 3, Muraru 7, Di Cicco, Montesano 3, Gallo, Popovic 5, Colangelo. All. Havlicek

Tag: .

1 commenti a Pallamano Trieste, vittoria (quasi) al foto-finish

  1. Cumbat Giovanni ha detto:

    Vorrei poter contattare Bozzola,se si ricorda,
    mio compagno nel Cividin di tanti anni fà…..
    Avere un E-mail suo per poter sapere quando si
    riuniranno le vecchie glorie a Trieste in un prossimo futuro.Salutoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *