30 Luglio 2010

Drugo e Gabibbo: lettera moralizzatrice recapitata agli organizzatori dell’Olimpiade delle Clanfe

Edizione straordinaria del Quel dela Quela. Ieri è stata recapitata a Mauro Vascotto, capobanda dell’Olimpiade delle Clanfe, una lettera firmata Franca C. Porfirio, già famosa per la sua importante missiva a Segnalazioni intitolata “sigaro e tuffi“. Ecco il contenuto della lettera aperta, della quale non vi anticipiamo nulla.

Trieste, 26 Luglio 2010

Lettera aperta agli iscritti della 3a Olimpiade delle Clanfe

Cari ragazzi,
mi permetto di chiamarvi così perchè tali mi sembrate tutti, al di là dell’età anagrafica di ciascuno di voi. Vi scrivo questa lettera nell’estremo tentativo, si sa che la speranza è l’ultima a morire, di farvi capire quanto il vostro comportamento sia portatore di disvalori, ovvero sia dissolutore di importanti valori sociali. A questo riguardo avrei tante cose da farvi presente. Per non annoiarvi troppo, mi limito a dirvene quattro: siete invadenti, volgari, trasandati, esibizionisti.
Siete invadenti, nel senso che non osservate il valore del rispetto per gli altri. La pratica della “clanfa”, di cui vi sentite esperti, si fonda sul principio di buttarsi in acqua per sollevare degli schizzi finalizzati a bagnare persone che vogliono rimanere asciutte. Entrate con invadenza nella vita di altre persone constringendole a bagnarsi o a stare lontane dalla riva del mare.
Recuperate il valore del rispetto per gli altri!
Siete volgari, nel senso che non osservate il valore del rispetto per voi stessi. Mi è capitato spesso di sentire il livello dei discorsi di quelli che fanno le “clanfe” ai Topolini. I contenuti espressi, il linguaggio utilizzato, il tono della voce esprimono una inascoltabile volgarità. Non entro nel merito perchè non ci tengo a ripetere le cose che dite e perchè le conoscete fin troppo bene.
Recuperate il valore del rispetto per voi stessi!
Siete trasandati, nel senso che non osservate il valore del decoro. Il decoro non c’entra nulla con la disponibilità di denaro. Si può essere decorosi con una bella doccia e degli abiti semplici acquistati ai grandi magazzini, come si può essere trasandati portando costosi vestiti firmati. Magari sarete pulitissimi, io non posso saperlo, ma il vostro modo di vestire trasandato non dà questa impression. A cominciare dal vostro mentore, Mauro Vascotto, che sembra “Drugo”, il frichettone del film demenziale “Il grande Lebowski”.
Recuperate il valore del decoro!
Siete esibizionisti, nel senso che non osservate il valore della riservatezza. Ho esaminato i video delle vostre “clanfe” e anche il sito di Mauro Vascotto, che non a caso si definisce “vanzador”. E’ tutto un mettersi in mostra, un vomitare la propria intimità, un voler apparire a tutti i costi. Sembrate clown di Striscia la notizia. Nel video di Life69, e non mi raccontino che il numero 69 rappresenta il segno dei gemelli, Mauro Vascotto e Rebecca Brown mi ricordano il gabibbo e la velina.
Recuperate il valore della riservatezza!
Nel caso Rebecca Brown tornasse a seguire la vostra manifestazione, vorrei dire anche a lei di recuperare certi valori, nella forma e nella sostanza. Per la forma, cara ragazza, ti ho vista più volte al Bivio di Miramare, sempre posizionata vicino alla scala. Ovvero nel punto in cui tutti devono passare, per andare in mare o per andare al bar, e così ogni sguardo maschile si posa sul tuo corpo.
Non buttarti così, fai onore al tuo nome, adotta uno stile british! Per la sostanza, cara ragazza, ti ho vista al California, distribuire gratuitamente a quegli adolescenti una bevanda eccitante piena di caffeina e altre schidezza, come se non fossero già abbastanza surriscaldati dal sole a picco. Non venderti così, fai lavori corretti!
Bene, ho finito di annoiarvi. Dubito che le mie parole sortiranno un qualche effetto. Temo saranno portate via dal potente vento dissolutore che promuove i disvalori dell’invadenza, della volgarità, della trasandatezza e dell’esibizionismo. Immagino che continuerete con le vostre “clanfe”, espressione balneare della sottocultura triestina delle “bobe”. Non importa, con questo tentativo ho fatto il mio dovere e tanto mi basta.

Cordiali saluti!

Franca C. Porfirio

Quel dela Quela on Facebook
Tag: , , .

27 commenti a Drugo e Gabibbo: lettera moralizzatrice recapitata agli organizzatori dell’Olimpiade delle Clanfe

  1. Pingback: “Miss Topolini avrebbe bisogno di un’assistente sociale”: nuova lettera moralizzatrice recapitata al Quel dela Quela | Bora.La - notizie e opinioni su Trieste, Gorizia e el Litoràl Adriatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.