14 Luglio 2010

Al Concerto dell’amicizia, tra signore con filo di perle e spettatori in infradito

Per rinfrancare lo spirito dalla sconfitta degli Oranje, semo vignui a Tarieste a veder el concerto de Muti.
Grazie ai potenti mezzi e intricati giochi de potere famigliari (mia mama xe andà a far la fila), gavemo addirittura rivà a procurarse I biglietti per I posti a sedere.

Col gelatin e la bottiglietta de acqua regolamentari, gavemo ciapa posto, sfilando tra due ali de folla transennada che mugugnava improperi nei confronti delle povere hostess in tailleur rosso frescolana e calze color carne.

El pubblico spaziava dalla siora Iole tapada a fogo per la serata, con filo di perle e borsetta gioiello comprada dei cinesi, al vero conosseur de musica in zavatte de bagno e braghe curte. I due gruppi se chiaramente disprezzava a vicenda. (“Ma vara sti campagnoi come che I va conzai a veder Muti e el presidente”, “Ma vara ste mone de babe, dove le pensa che va? Al veglion in Stazion Maritima?”)

All’ improvviso la folla se alza: entra I presidenti. Applausi e “ bravo” fino a che no se ga senti’ dei poderosi buuuuuu: I gaveva inquadra’ Bruno Vespa.
Pubblico in delirio anche co’ xe’ entra el Maestro Muti e la sua cavelada (qui la galleria fotografica).

El concerto comincia coi inni nazionali. A mi Fratelli d’ Italia me fa normalmente bastanza rider come inno e sto giro no fa eccezzion, ma sonado da un’orchestra e cantando da un coro e no da Cannavaro e Buffon, fa effettivamente un’ impression migliore. Molto bei I altri due inni.

Da profana totale, posso dir che el concerto me ga piasso molto e che forsi saria el caso de organizzar questo tipo de eventi piu’ spesso…OK senza l’ ambaradan, el protocollo e le polemiche, ma con la musica e la location.

El concerto finissi (con un poco de anticlimax a dir el vero, niente de boombastico) anche se no tutti capissi e I xe incerti sul da farsi: applaudimo o no applaudimo? Iera de applaudir, se scopri.
Applausi per I tre presidenti, Muti e gli orchestrali tutti.

La folla se disperdi, chi a ciorse un altro gelato, chi in ristorantin a magnarse un due caperozzoli, chi infine a cior la macchina perche’ par che stia per piover e siora Iole no volessi rovinarse la messa in piega che la ga fatto stamattina e che probabilmente ghe servi ancora domani per andar a un funeral o a ciogar a briscola al Cedas con sior Toni e sua cognada.

Concerto di Muti: bagno di folla e fuori programma coi presidenti sul palco dopo la cena a base di tagliolini all’astice

Tag: , , .

37 commenti a Al Concerto dell’amicizia, tra signore con filo di perle e spettatori in infradito

  1. iera anche quei che girava in barca a vela fazendo bordi davanti del Molo, quei che stava sentai sul molo a ciapar el fresco, perchè mi no iero de quei che ga mandado mama a far la fila per el posto sentai. Gaverà pagado de più quei che se ga fatto la zena ai Speci o ai Duchi, ma i stava sentai al fresco e si godeva el concerto.
    No so voi dele sedie, ma mi quei dei caffè li go visti tuti in pie per i inni..
    I gelatai credo che sia i più soddisfatti de tuti.
    Stamattina in Piazza tuto in ordine, quasi tuto messo via, gnente scovazze e.. che fin ga fatto quela specie de monumento cole tre onde al Adriatico?
    Comunque grazie al maestro Muti per la bona idea e la bela serata.
    E forsi qualchedun ga scoperto chi che iera Cherubini..

  2. Avatar cagoia

    @ 0
    ma te ieri ti, quela cole mudande arancioni?

  3. Ciao BiblioT, mi no go manda mia mama, xe’ anda’ ela volontaria per farne un cadeau a noi che rivavimo dall’Olanda in 20 ore de macchina.
    Anche quei de le sedie (quesi) tuti in pie…e cmq secondo mi la maggioranza pensa che Cherubini sia Lorenzo, in arte Jovanotti…:)

  4. @ cagoia…si iero mi…te ga visto che ghe le mostravo a Vespa? 😉

  5. @fabbss 5: te son mata! te gavevi almeno el lamierin contro l’omo Vespa?

  6. Avatar piero vis'ciada

    (perle ai porci)

  7. Avatar cagoia

    mi gavevo visto una volta Ornella Muti
    o iera Ornella Vanoni
    no me ricordo
    Ma per bon Napoletano xe rivà in Vespa?
    E Turk col Tomos?

  8. Avatar alpino

    “El concerto comincia coi inni nazionali. A mi Fratelli d’ Italia me fa normalmente bastanza rider come inno e sto giro no fa eccezzion, ma sonado da un’orchestra e cantando da un coro e no da Cannavaro e Buffon, fa effettivamente un’ impression migliore. Molto bei I altri due inni.”

    figuremose se qua a bora.la no se dava el plauso agli inni croato e sloveno..

  9. Avatar massimiliano

    a string of pearl…
    Glenn Miller
    e ale babazze ghe pareva de tornàr co iera i americani… 😉

  10. Avatar ufo

    @9 🙂

    E come che el disi ogi el Primorski, in piaza granda fa tuto un altro efeto…

  11. Avatar Eros

    UFO, come avrai capito mi sento sloveno, pur non avendo nessun avo tale. Se ieri sera fossi stato in Piazza Grande ad ascoltare l’inno sloveno mi sarebbero venuti i brividi. Perché Trieste-Trst sia davvero una città civile, manca la bandiera slovena sul palazzo comunale, accanto a quella italiana ed a quella europea. Come a Koper-Capodistria, del resto. Dove la civiltà ed il rispetto per le minoranze è cosa già affermata. Mentre a Ts non lo è.

  12. Avatar ufo

    In effetti ghe saria una legge regionale che lo prevedi – ma qualchedun ga dito che le leggi per i amici se interpreta e per i nemici la se aplica, per cui nell’attesa podemo ben che meterse comodi…

    Sentir quel inno in quela piazza xe sta più che altro una sodisfazion per tute quele volte che la stesa piazza la xe sta rifiutada alla comunità slovena “in quanto riservata ad iniziative di particolare significanza culturale”, dopo de cui te se la trovi utilizzada per MTV e adiritura per sedicenti sfilate de moda che viste de vizin le sembra tanto come spettacoli del Carillon.

    E ancora bon che dal 91 xe la Zdravljica ad esser inno. Quel de prima (Naprej zastava Slave) el iera giusto un poco più ‘lacrime e sangue’. Me vien dura imaginar un Concerto del’Amicizia che parti con “za blagor očetnjave naj puška govori”…

  13. Avatar chinaski

    eros, decidite. giusto un par de giorni fa te disevi de eser anarco-capitalista e che el tuo ideal xe la zita’ privata, e che esisti solo i individui e che el spirito comunitario xe sintomo de parassitismo. ogi te disi che te se senti sloven, che te se commuovi a sentir l’ inno sloven, e cussi’ avanti. me par che te ga le idee un poco confuse, fio mio. imagino che sentirse sloven, come d’ altra parte sentirse talian o altro, voli dir riconoserse in zerte tradizioni, in zerti “miti”, in zerti raconti tramandadi de generazion in generazion. e po’ la lingua, o le lingue, ovio, ma de sole no le basta. altrimenti basteria laurearse in lingua e leteratura americana per diventar americani, per dir. comunque xe una roba un pocheto piu’ profonda del atto notarile con cui se diventa “zitadini” de una zita’ privata.

  14. Avatar effebi

    eros, ti hanno annusato (i te ga nasado…)

  15. Avatar Eros

    Essere anarco-individualista non vuol dire non avere “gusti personali”, preferenze, “deboli”, ecc. ecc.
    Un anarco-individualista non è una monade che non mangia perché non sente il “gusto”.
    Un anarco-individualista può preferire, come me, la Slovenia all’Italia, ma non idolatra nessuna nazione e nessuna bandiera. E, soprattutto, un anarco-capitalista mette tutte le nazioni, tutte le bandiere, tutte le religioni e tutte le lingue sullo stesso pano, perché hanno tutte PARI dignità. Poi, ognuno può preferire l’una all’altra.

  16. Avatar Eros

    poi però non dite che sono io a “spostare” la discussione su altri temi…

  17. “Un anarco-individualista non è una monade”… boca mia tazi!

    L.

  18. Avatar chinaski

    a parte che anarco-individualista e anarco-capitalista xe robe diverse. a parte che co’ sta storia dela monade te se la zerchi, la ciolta pel cul, ma la xe cussi’ scontada che te la risparmio. a parte tute ‘ste robe, mi credo che un anarco capitalista meti si’ tute le bandiere, lingue, religioni sul stesso piano, ma per el semplice motivo che le considera zero tute quante. tanto xe vero che el se blinda nela sua private town e buta via le ciave.

  19. @ chinaski

    Come forse saprai, le “private towns” oggi esistenti (per esempio le varie Sun City) sono organizzate in modo da avere migliaia di lavoratori che ogni mattina entrano in questi paradisi, e alla sera ne escono.

    Sono i serventi dei proprietari/condomini: cuochi, negozianti/affittuari, poliziotti, spazzini eccetera eccetera eccetera.

    In realtà, queste “private towns” sono concettualmente uguali – fatte le debite differenze di tempo – alle città medievali.

    Non a caso, queste città erano cinte regolarmente da mura, con le guarnigioni che ad un certo punto chiudevano il portone e chi c’è c’è, chi non c’è non c’è.

    Le mura servivano in realtà ad impedire non solo e non tanto l’invasione di popoli stranieri, ma l’assalto dei contadini nei periodi di magra. Assalto che poi regolarmente arrivava lo stesso, come dimostrano le imponenti jacqueries che ritornarono per molti e molti secoli.

    In pratica, dopo mille anni siamo tornati al punto di partenza.

    E qualcuno pure vorrebbe che questo sistema divenisse la regola mondiale…

    L.

  20. Articolo esenzial, ma no xe mal 😀

  21. Avatar Eros

    18Luigi (veneziano)

    “15 luglio 2010, 07:19
    “Un anarco-individualista non è una monade”… boca mia tazi!
    L.”

    —-

    te volevi dir che xe un “mona”? :-)))

  22. Avatar Eros

    Chinaski e Luigi, non rispondo solo perché stiamo andando OT. Se viene aperta una discussione ad hoc, sappiate che avrete tutte le risposte ai vostri comunque interessantissimi post.

  23. Scusa Alpino, ma per esempio se un no ghe piasi la pizza ma adora i cevapcici, allora el xe’ antipatriottico?

  24. Avatar chinaski

    luigi

    so, so… infatti il modello proposto e’ quello feudale. non per niente da qualche parte su queste pagine *qualcuno* aveva detto che la rivoluzione francese e’ l’ origine dei mali del mondo…

    a proposito. non so se conosci il romanzo di ballard “condominium” (l’ avevo letto su urania tanti anni fa, adesso sembra che sia diventato un classico della letteratura “alta” :D).

    http://it.wikipedia.org/wiki/Il_Condominio

  25. Avatar chinaski

    luigi

    questo e’ veramente un bel romanzo sul tema: “the tortilla curtain” di boyle:

    http://en.wikipedia.org/wiki/The_Tortilla_Curtain

  26. fabiana campeòn, come sempre!
    mi son andado a magnarme una lubianska alla Marea sulle rive. nonostante el supporto de una birra grande + una birra picia no go rivado a finirla. son pasado in piazza e la roba più divertente iera veder la gente. tropa roba. quei andadi là aposta e quei capitadi per caso. gli intenditori e quei che no capissi un’acca. quei interessadi e quei che no ghe fregava niente…
    insoma, iera tuta la cità in piaza, tranne quei LOLE de menja, lippi, kodarin, bandelj…
    i sarà andadi a scoltarse pianobar a portorose…

  27. Avatar cagoia

    menia iera in cesa pregar.
    iera scrito sul pimorski:

    Župan in Menia
    Dipiazza je bil, poleg treh predsednikov, protagonist torkovih dogajanj. Najbolj ga je vsekakor skrbelo vreme, saj bi dež nedvomno skalil Mutijev koncert. Menda je vsakih pet minut klical vremenoslovce in jih gnjavil s prognozami, tako da so v določenem trenutku kar izklopili telefon. Njegovi sodelavci so mu stalno pravili, da vsaj do 22. ure ne bo deževalo, Dipiazza pa jim ni verjel. Očividci trdijo, da je med 18.10 in 18.15 župan zavil v cerkev za velikim trgom in tam ostal nekaj minut. V cerkvi je srečal Roberta Menio, ki je Najvišjega prosil za dež, veter in točo. Bog je uslišal župana.

    Per la traduzioon basta far copia incola sul tradutor de google e se capissi el senso.

  28. Avatar massimiliano

    forsi el pregava per un’onda anomala…

  29. Avatar cagoia

    no, solo per piova vento e grandine

  30. Avatar matteo

    probabilmente alla politica queste manifestazioni non piacciono perche non raccattano voti dopo

  31. @ chinaski

    Urania? Hai sempre il dono di sorprendermi.

    Per quanto riguarda il discorso più generale, ti dirò: io vedo un’enorme energia sempre più compressa. Chiamala “rabbia” o chiamala come vuoi: la mia sensazione è che siano sempre più necessarie delle misure emergenziali.

    Il contorno di queste energie che io vedo accumularsi in modo estremamente pericoloso è stato descritto ancora una volta ieri da un ottimo articolo apparso sul Sole 24 Ore. Vi si leggeva che nel decennio 1997-2007 per ogni 1 dollaro d’aumento del PIL negli USA, 0,58 centesimi sono andati all’1% della popolazione. Quella più ricca.

    Per la prima volta da quando esistono gli USA, la middle class è drasticamente diminuita in percentuale e le differenze di distribuzione del reddito sono divenute macroscopiche. Ciò è accaduto negli ultimi 30 anni. Non a caso, da quando Reagan è andato al potere.

    L.

  32. Avatar effebi

    aviso che codarin c’era, anzi, si narra che sia lui stesso l’eroe della serata avendo proposto a toth e budin la visita a balkan&targaesodo rilanciata ai presidenti e da questi accettata…
    il motivo per cui lo stesso codarin poi non sia andato in nessuno dei due posti è uno dei nuovi misteri italiani 🙂

    (per chi non lo sapesse codarin è “gli esuli” essendo presidente della federazione delle associazioni degli esuli)

    ah, già che ci sono, per sapere se il concerto fosse finito (e quindi capire se battere le mani o meno) bastava leggere e ascoltare … (i numerosi posti a sedere avevano a disposizione il libretto) ma capisco che sono entrambe attività di un certo impegno

  33. @32: Luigi (veneziano)

    prima cosa sorprendente (e totalmente OT): sul sito di FDC c’è il link al tuo sito… vabbè…

    seconda cosa sorprendente: il futuro visto dagli anni 80, è ADESSO!

  34. Avatar ufo

    Nessun dubbio che Codarin ci fosse, al concerto – ha passato tutto il pomeriggio a prepararsi…
    Però rivendicare la paternità di un’idea solo dopo che la stessa ha avuto successo mi sembra la solita storia della vittoria dai mille padri. Si fosse espresso a voce alta quando l’itinerario presidenziale era ancora oggetto di pubblico dibattito…

  35. Avatar ufo

    Tornando sugli inni: proprio bravi!

  36. Avatar effebi

    36… e no… e no !
    oggi condarin “cuor di leone” sul piccolo, a margine del sondaggio “è meglio essere sani e ricchi o poveri e malati” ribadice “il merito e la reponsabilità sono miei…

    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.