12 Luglio 2010

Una triestina in Olanda: “Le mudande arancioni torna in cassettin, pronte per Euro 2012″

La preparazion alla finalissima xè sta super intensa, anzi per dir la verità i preparativi xè iniziadi za prima, quando tutti i negozi ga comincià a vender gadget arancioni de qualsiasi tipo. Nonostante i olandesi sia stadi accusadi de no gaver un’identità nazionale dalla stessa principessa Maxima, ogni olandese possiedi nel proprio guardaroba una maietta, un vestito, un per de mutande o almeno una sciarpa arancion.

Nel mio rion gavevimo bandiere, bandierine, leoni de peluche, corone gonfiabili (residuo della festa della regina) e balonzini tacadi ai pergoli dalla fine de maggio. In altre parti della città, intiere vie xe stade pitturade in arancion.

A ogni partida, a ogni gol, tuta la città risona de vuvuzela e trombette varie, per non parlar del spetacolo pirotecnico (foghi compradi illegalmente in Belgio o conservadi da capodanno, probabilmente) che seguiva ogni partida, soprattutto quela col Brasile.

Inevitabile quindi che l’apoteosi vegni raggiunta nei giorni prima della finale, con le casse de birra che va a ruba e el coop che approfitta per vender le ultime confezioni de pringles, carta igienica e budini arancioni.

La tensione xè za palpabile alle 16.00, quando comincia la fuga dalle spiaggie, con intere famiglia (in arancion, ovvio) che pedala follemente verso casa. Le birre iera za in frigo del giorno prima. I olandesi no cusina, quindi se se nutri de snack in ogni caso. Migliaia de lori ciapa el treno per andar ad Amsterdam o in altre città dove che xè i maxi-schermi.
Qua a l’Aia no i li ga messi, el sindaco no vol, perché altrimenti vien sempre fora lignade coi sbiri.

Verso le 18.00 tutti davanti alla Tv a veder V1 Orange, el programma calcistico trasmesso in diretta dalla località balneare de Scheveningen, coi ospiti in maietta (arancion, ovvio) e biretta che ne conta tutto quel che xè de saver sule squadre, sula pardida, sule morose de le squadre, sul (maledetto) folpo de Oberhausen e su la nona de van Bronckhorst che ga 84 anni e che xè in stadio a veder la partida (l‘ultima de Giovanni) sventolando la bandiera de le Molucche.

La tension sali, le strade se fa silenziose (tranne qualche vuvuzela solitaria in lontananza), la Museumplein de Amsterdam se riempi de 100.000 persone.

Inno nazionale, tutti a cantar in coro leggendo el testo sul’apposito accendin Bic creado apposta per l’occasioni (nessun altrimenti sa le parole dell’inno nazionale, che parla de Guglielmo, dal sangue tedesco, ghe ga sconfitto – oibo!- l’oppressore spagnolo).

Fischio d’inizio, entusiasmo tra la folla, cori e ole.

Al fallaccio de De Jong xè un leggero imbarazzo, ma in fondo, chi se ciava, el calcio no xè uno sport per signorine e questo ghe se ciaro anche ai olandesi…

Durante el primo tempo sali la tension, no i zoga tanto ben, po’tutti sti falli, i ga avudo culo che nessun xè sta mandà fora. La folla xe un poco delusa…ma ghe credemo!
Sospiro de sollievo al fischio de Webb.

Nel secondo tempo sembra che migliori, anche se le occasioni perdute se spreca cosi come i godverdomme! degli astanti. In realtà tutti temi che se arrivi ai rigori, dove l’Olanda xe ciompissima.

Tempi supplementari, un’ansia senza fine e xè anche finide le birrette. Le vuvuzela no sona più. Inizia el secondo supplementare, Heitinga cacciado, Olanda in 10, a sto punto ne tocca sperar de rivarghe vivi ai rigori. Nel frattempo, smettemo de respirar.

A cui però no se riverà mai, visto che Iniesta metti dentro, mettendo fine alle speranze dei Oranje per la terza volta.

Un intero paese ammutolisi, el terren xè ricoperto da vuvuzela e corone gonfiabili, abbandonade al proprio destino. Domani laveremo le nostre mutande/maiette/sciarpe arancioni, ripiegheremo la bandiera e le rimetteremo in cassettin, pronte per Euro 2012.

Nonostante un poca de tension con certi tifosi spagnoli, la Museumplein se svoda silenziosamente, i treni se riempi e la gente va a casa a dormir. Domani xe lunedì e se lavora.

Nel frattempo, anche senza maxi-schermi, 76 arresti per tafferugli con la polizia a L’Aia, 20 a Rotterdam e un paio de macchine in fiamme: un poca de good old guerriglia urbana, se sa, no fa ghe ga mai fatto mal a nissun.

Tag: , , .

13 commenti a Una triestina in Olanda: “Le mudande arancioni torna in cassettin, pronte per Euro 2012″

  1. Avatar cagoia

    Ma xe fredo su?

    L’Aia za da la iazada

  2. Avatar sindelar

    Niente, gnanca voialtri se rivadi a smentir al pronostico de Paul. Folpo folpo de le mie brame…

  3. Bon dei e dopo i dixi dei tifosi violenti in itaglia…

  4. Avatar sindelar

    Cossa resterà de questi mondiali?
    Le telecronache de HRT2 in digitale che trasmeteva tute le partide mentre son-solo-mi-che-pago-il-canone-RAI le mandava col contagocce.

  5. le telecronache de telekoper iera imbatibili 🙂

    …la palla a vittorino, ora aspettiamoci una delle sue solite scarponerie…
    ..questo giocatore di 35 anni, ha già un po’ di capelli bianchi ed è pronto per andar al bar con le carte…

    ..e lassemo perder i comenti su muslera!

    mitico.

  6. Avatar ng(mediamente provocatorio)

    l’unico mitico di tv koper era e rimane sergio tavčar. il resto e’ fake.

  7. Avatar sindelar

    No dai, anche Siljan e Cotelli son forti.

  8. Avatar sindelar

    Una volta c’erano Clerici e Tommasi per il tennis. Mi vien da piangere quando ci penso.

  9. Avatar ng(mediamente provocatorio)

    tommasi era(ed e’) un grande! anche clerici, ma quando parlava tommasi per me era uno spasso. un grande.

    uh, che tempi il tennis su telekp! lendl, edberg, wilander, becker….

  10. E Bruno Petrali?

    “Palla a Žungul… che scatta sulla destra… passa al centro…”

    (nel frattempo avevano già segnato e la palla era pronta a centrocampo per essere ribattuta)

    “…gol! Ha segnato…”

    (nel frattempo l’altra squadra ha pareggiato)

    “…Popivoda…”

    L.

  11. grande Fabi! te giusto pensavo ieri…
    eh bon, ah… coss’ te vol farghe… in fondo… gnianche pel ql!
    e saludime Gianni! =)

  12. Avatar Flores

    Che bel reportage , Fabiana. leggendo me pareva de esser là. Al C.M.M. se vardava su un lenziol e tuti tifava Spagna…mi magnavo branzin e stavo più ‘tenta che no me restassi un spin in gola.
    Ai suplementari gavevo finì e alora me son ingallada anche mi per i Spagnoli. Tropo fallosi e cativi i Olandesi con quel pie sula cassa toracica, robe ch’el ghe la sfondi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.