17 Giugno 2010

Liberata a Miramare Monica, la tartaruga marina “pescata” da un palangaro

E’ stata liberata venerdì scorso nelle acque di Miramare Monica, la prima tartaruga marina che era arrivata al Centro di recupero dell’AMP di Miramare e di cui ci eravamo occupati in un precedente servizio. Grazie ai veterinari e ai biologi di Miramare le è stato prima tolto l’amo che aveva inghiottito e poi somministrata una cura per risolvere il problema di debilitazione e anemia che la affliggeva, durata due settimane.
Appena toccato il mare la giovane tartaruga, di dimensioni di 39 cm e di età stimata attorno ai 5 anni, ormai completamente ristabilita ha subito preso il largo.
L’animale, rimasto impigliato nei palangari utilizzati per la pesca, aveva inghiottito un amo che le è stato prontamente rimosso dal veterinario dott. Paolo Zucca. Grazie ad una tecnica non invasiva si è riusciti ad asportarle l’amo senza ulteriori ferite. Il suo carapace era infestato da balani di grosse dimensioni e ricoperto di alghe verdi a testimonianza della scarsa capacità di movimento dell’esemplare dovuta proprio allo stato debilitativo in cui versava.
Gli esperti del WWF ci tengono a dire a tutti che la sopravvivenza di questa specie così come quella delle altre specie di tartarughe di mare, delfini e mammiferi marini è affidata alla sensibilità e impegno di tutti. Pertanto si invita, nel caso di avvistamento di individui in difficoltà, a segnalarli tempestivamente alle Aree marine più vicine, ai Vigili del fuoco, alla Protezione civile o alla Guardia Costiera locale.

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.