3 Giugno 2010

«Mi vado a Barcola in Pineta. Ti?» Dove fare il bagno nelle spiagge di Trieste

Me ricordo co’ iero ‘ssai picio, e mia mama con siora Teresa…
In realtà no me ricordo de co’ iero ‘ssai picio, ma imagino che mia mama (senza siora Teresa) me portassi al Cedas. O nela spiageta fra el secondo e el terzo topolin…o fra el terzo e quarto, no me ricordo mai dove la xe.
Inveze me ricordo ben de co’ iero un poco meno ‘ssai picio, che andavo ai Filtri, che me pareva enormi. I me portava sula parte destra dela spiagia, giusto davanti el ristorante. Tuto quel che iera nela parte sinistra, mi me pareva oltre le colone d’Ercole. Hic sunt leones ciò. Solo una volta me son aventurado quei 30 metri più in là, fin sul moleto, sentindome meo de Indiana Ciònes. Me ricordo che rivavimo al bagno prima che salti fora el sol e andavimo via dopo che iera andà via lui, forsi per educazion e rispeto nei sui confronti.

i Topolini

Poi, co’ xe rivada l’età del’autonomia, dopo una breve parentesi a Muja, go colonizado i Topolini, tra el 7° e l’8°. Dopo, ogni 2 aneti circa iera tipo una promozione, te passavi sempre un poco più avanti. Alora i Topolini diventava tropo “per fioi” e te scalavi al California. Senza disdegnar però lunghe zavatade verso i topolini a vardar le mule. Dopo anca el California diventava “per fioi” e te avanzavi ancora, finchè pian pian te rivavi al Bivio.

Il bellissimo mosaico di Sergio Gallo in pineta

Dopo de el Bivio, xe poco cossa avanzar, alora xe de far tipo i zogheti e de tornar al primo schema, che però no xe el Cedas ma xe la Pineta.
Eco, desso son rivà ala fase dela Pineta, e me par che sia el non plus ultra. Te son lontan dala strada, xe bastanza largo per meter el sugaman, te ga i pini che fa ombra se te vol l’ombra, te pol zogar col balon, te pol vardar i veci con morbin che zoga a quel zogo tipo boce ma con i dischi, te ga svariati scoi adatti a far clanfini, te ga le scalete se te son pigro, e sopratuto xe lori: i barachini.

Scaleta in Pineta

Un su tuti, el mio preferito, ma no lo nomino per no far tropa publicità. Chi lo conossi però capirà facilmente qual xe: xe quel che se te ghe porti un bicer de plastica pien de sigarete trovade per tera el te lo cambia con un bicer de bira o spritz (cambiandote anca el bicer! :P).
Questa xe la mia scelta per l’estate 2010, sperando che el sol la smeti de pomigar. Poi co’ passerò al schema sucessivo imagino che anderò al Cedas…o nela spiageta tra el secondo e el terzo topolin…
Voi dove anderè de bel, e perchè?

Tag: , , .

15 commenti a «Mi vado a Barcola in Pineta. Ti?» Dove fare il bagno nelle spiagge di Trieste

  1. Mi me ricordo de siora Marieta, al Excelsior.. po anni de Grignan, rigorosamente al I, ma adesso vado sule piattaforme de cemento al Bivio de Miramar.
    Scaleta, doccia ( dopo anni de rampigamento sui scoi de Grignan o del etserno del porticciolo de Barcola) , acqua neta , de solito, tranquillo, e la 36 che te porta là. E no se xe propio sula strada.

  2. Avatar Ciano

    grande diego, però secondo mi el bisogno de ombra xe indicativo del tempo che pasa. No dirme anche che deso te speti due ore dopo gaver magnà prima de far el toc…

  3. no no, per adesso son ancora alergico al’ombra 😉
    quel sarà el schema sucesivo!

  4. mi son ndà poco ai topolini perchè son sempre sta un po’ nerd e iera tropa socialità, là… : )
    desso son tornà, al’inizio, ala spiageta, che i miei fioi ghe piaxi, xè el gelato dei gormiti e xè vizin de cità…
    son ndà a lungo al fantastico molo ‘red star’ anche noto come ‘stella rossa’ o ‘rdeca zvezda’, cioè l’ultimo logo possibile prima de miramar.
    una volta, ma co iero sai picio e iera stada pena indeta la riserva de mìramar, i miei parenti i me ga portà a far el bagno sula spiagia del castel ma xè rivà subito un vigile che me ga dito che chi che xè in famiglie anarchiche come la mia no gavarà sai futuro… : (

    se devo dir preferisso più de tute quela dei filtri e, volendo/podendo spender pila e tempo, quela dele ginestre

  5. A me non piace nessuna delle “spiagge” di Trieste:

    1. Troppe consistono solo di sassi artificiali e cemento

    2. Troppo intasate e non si trova posteggio. L’autobus è troppo affollato.

    3. POCA O NIENTE OMBRA !!!

    Quindi, quando sono a Mainz, come ora, vado o in piscina o sulla spiaggia sul Reno (l’acqua non sarà una meraviglia, ma almeno poca gente, posteggio a volontà e ombra).
    Altrimenti, da TS, se ci alziamo presto andiamo a Moscenicka Draga, a limite a Salvore o Strugnano o… meglio niente e vacanza balneare degna di questo nome in hotel con piscina, sdraie, spiaggia di ghiaia a max. 5 minuti dalla stanza. Meglio una settimana da leoni che 3 mesi da pecora.ù
    Trieste vive di dogmi e di miti.

  6. …mi andavo alla cascata in valrosandra (drio casa) perche’ anche mi iero un pochetin nerd e non me piasi el cemento.
    i sassi del rosandra xe piu’ comodi e aventurosi – e l’acqua xe a dir poco freska, oviamente…

    😀
    le spiagge urbane de trst ga’ un loro fascino. xe una filosofia de vita dopo el lavor. anche desso co’ vegno su la prima e l’ultima roba che go de far con qualsiasi tempo xe andar sulla riva del mar. xe impagabile.

  7. Mi no go mai fato spiagia a TS, salvo un par de volte, ma go un anedoto.

    Me nono (classe 1904) nei ani ’50 xe stà ciamà da Venezia a Trieste a lavorar in un archivio locale de un ministero. No se ga fato trasferir: el partiva a le 5 de la matina da Venezia, se faseva la toletta in treno, el rivava a TS par ‘ndar a lavorar a ‘sto ministero e tornava a VE co faseva scuro.

    Tre ani xe ‘ndà ‘vanti cusì, ma dal 1 magio fin al 30 setembre, se portava el costume da bagno e ‘ndava a farse ‘na tociada in mar, prima de montar in treno. Tuti i giorni, anca se pioveva.

    El gera ‘na roccia, e xe morto a novantanove ani.

    Luigi (veneziano)

  8. Avatar Ciano

    Mi no poderia mai. Me da fastidio el salso. Eco perchè preferiso Barcola, perchè xe le doce!

  9. Avatar susta

    Mi de picia mia mama me portava al Ausonia, anzi, al “Savoia”; inveze dopo co’ la compagnia se andava a Grignan sui scoi, che zò per quei scoi me xe anca sbrissà l’orologio, quel de oro dela comunion, mai più visto (iera un Longines, caso mai butè un ocio…).
    Dopo xe vignù el periodo del bivio, quando che ‘l iera meravigliosamente fatiscente e ancora “zona defighettizzata”, alternado coi filtri (zona naturista).
    Adesso continuo a ‘ndar in zona bivio però più indrìo verso la Marinella, ma sicome no soporto più de star sul sol (cartina tornaSOLE bati: infati vecia son!) vado, fazo una bela nudada e una -come per Ciano- imprescindibile docia, e torno casa. Co’ xe le 10 praticamente go za fato anca la spesa…

  10. Avatar Macia

    Mi ‘desso che lavoro no più tempo.
    Ma l’evoluzion rispechia bastanza quela de Diego: de picio con mia nona al Savoia, co vigniva anche mio nono (che gaveva l’auto, una vecia Ritmo, ma no saveva nudar perché el iera trentin), ‘ndavimo in spiageta a Barcola. Mio nono se meteva el tacuin ne le mudande e andava a pie fin Miramar, bevendose un frizzantin al chioscheto. Co el tornava indrio, ingrumavimo i sugamani e andavimo a casa a pranzo.
    Mia mama inveze me portava al Pedocin, ma za co gavevo diese ani la ga capì che iera meo smeter, che no iera un bel veder tute quele babe per un muleto.
    Co mio papà tornava de lavor andavimo tuti a Sistiana a Castelreggio per el bagno serale: 17.30-20, le meio ore.
    A le medie, iero ogni giorno a remenarme a l’otavo Topolin, al ginasio inveze, cambiada compagnia, se piazzavimo a Muja, piastre o molo T. Fina quando me go sbregà el muso fazendo una balena bianca. Cusì, per impresionar una mula che me piaseva. Almeno semo ancora amici, capita cusì, quando che te ghe fa passion.
    Ultimi ani de liceo, California, Università un poco più avanti, ma no fin al bivio, che me fazeva senso i palestrai e le quarantenni rifatte.
    ‘Desso, se va ben, se ciapemo la domenica e andemo de qualche parte in Istria, o a Grado.
    Come vedè, no son ancora a la fase pineta…

  11. Avatar Lupo

    …son cresù al bivio..
    Me portava mamma e nonna, che le gaveva la discesa e el scoio prenotai… sempre quella gente x 15 anni… palestrai, le prime babe culturiste.. tutto là..
    una volta raggiunta l’indipendenza ciclomotoria un periodo a grado, ma me schifava la sabbia.. Qindi in cosa zona naturista.
    De grando, con famiglia, sistiana o ginestre..
    Ma, se go 10 min liberi del mondo, scampo ancora al bivio a sentarme su quel scoio dove go passà estati…
    No ghe go mai portà i fioi.. ma saira ora de cominciar!!
    Nobis!

  12. Avatar chinaski

    a gorizia, primi ani otanta, la mularia se divideva in tre categorie: quei che ‘ndava in isonzo, quei che ‘ndava in vipaco, quei che ‘ndava in bucal.

    el bucal xe una specie de pozza scavada da una cascatella sula pevmica, che xe un torentel vizin oslavia. no me ga mai piasso ‘sai. in vipaco ghe iera una corda ligada a un albero, e se podeva far i tuffi tipo tarzan, co’ ‘l se tacava a la liana, ciapava la rincorsa e el se molava giusto in tempo per planar in acqua. el zogheto iera ‘sai pericoloso, perche’ se un se molava tropo presto finiva sui pieroni de l’ argine. ma el piu’ bel de tuti iera l’ isonzo. mi ‘ndavo a savogna, dove un giro de corente gaveva scavado una fossa profonda un tre-quatro metri. su la riva ghe iera un gelso inselvadighido, che el gaveva un stranissimo ramo che sporgeva de un due metri sora l’ acqua, a una altezza de un quatro metri. se rampigavimo su pe l’ albero e fazevimo tufi de tutti i tipi, clanfe comprese, ovio. a feragosto la mularia del paese organizava un gara de zateroni. i se costruiva ‘sti zateroni con bidoni svodi e un par de tavoloni inciodadi. i partiva de gorizia, ponte nove agosto, e i rivava al ponte de l’ autostrada. soto el ponte i veci i preparava la griglia pei civa e le costine, e i tigniva i fresco le casse de union ne l’ acqua del fiume.

    (inutile dir che de tuto questo no xe rimasto piu’ gnente)

  13. punta sottile de fiòl
    barcola pineta quattordicenne
    california diciottenne
    adesso liburnia/filtri/yugo…
    comunque, qualsiasi posto che te va, te trovi sempre qualchedun che te conossi!
    tutti al mareee, tutti al mareeeeeee, a mostrar le chiappe chiareeeeeeee!

  14. Io da piccola andavo al exelsior,arrivavo dalla Francia per le vacanze,da mia zia,a Trieste,dopo tanti anni ho fatto conoscere le spiagge a mio figlio,siamo innamorati della città;Abito sempre in Francia,spero che il prossimo estate potro ritrovare la pinetta di Barcola e Trieste,cara al mio cuore.

  15. Avatar Fabio Magris

    Fabio

    co iero picio i mii me portava a l’Ausonia. Nudavo coi suri… ne l’aqua alta, prima con
    tre, dopo due… ma i iera ligai tanto streti che una volta, convinto de averli ‘dosso, son
    andà zo per le scalete chè i mii iera za in aqua…
    “che bravo” me disi mama “te nudi senza suri”
    “ma no. li gò indosso..”
    “varda che no”
    go ciapà paura e son corso su per le scalete e solo dopo me son guardà… e… xe vero
    no li gavevo!!! alora me xe vegnù un colpo. Però… cussì me son imparà a nudar, mmm
    star a gala…
    dopo mama me portava a la Diga, al Pedocin, al Cedas, al Excelsior, a Barcola co no
    iera ancora i Topolini, una volta anche a Sistiana. Più grande in clapa sempre ai ultimi Topolini o sui scoi del porticiolo. Adesso col tempo passà go bisogno de ombra e alora Grignan o Sistiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.