2 Aprile 2010

Il Consiglio regionale approva il nucleare

Nella giornata di ieri è stata respinta dalla maggioranza in Consiglio regionale la mozione contro la riapertura della corsa al nucleare presentata dall’ opposizione. L’ esito del voto è stato di 27 voti contrari contro 20 favorevoli.

Al termine è intervenuto il presidente della Regione Renzo Tondo che ha ribadito la propria posizione favorevole al nucleare, chiedendo ai consiglieri di non fomentare campagne terroristiche sul tema <<Continuerò a lavorare per la possibilità di partecipare al raddoppio della centrale di Krsko – ha detto Tondo – e sottolineo che non c’è alcun progetto per un insediamento nucleare sul territorio regionale. Comunque nessuna eventuale decisione del Governo passerà sopra la testa del Presidente della Regione>>.

Dura la reazione dell’ opposizione. Il consigliere del PD Menis considera la giornata di ieri come l’ ennesimo nulla di fatto <<Abbiamo sentito ripetere per l’ ennesima volta l’ intenzione di collaborare con Krsko, ma nessuna garanzia è stata data per il Friuli Venezia Giulia. Intanto il tempo passa, le elezioni sono alle spalle e la scelta dei siti da parte dei privati si avvicina>>. Menis lamenta anche la mancanza di una presa di posizione chiare e univoca sulla disponibilità di Tondo ad accogliere una centrale in regione, nonostante le ripetute richieste avanzate dal suo gruppo <<Come  fa il presidente a parlare di soluzione principale riferendosi a Krsko e a non voler parlare delle alternative? Come se la scelta delle localizzazioni italiane si fermasse in attesa di capire come si risolve la questione slovena. E’ assurdo proseguire con questo gioco, perché non esprimersi in un contesto nazionale che ha visto 18 regioni a schierarsi contro un impianto sul proprio territorio equivale a una dichiarazione di intenti non fraintendibile. Un silenzio eloquente al di là dei motivi che si possono portare per giustificarlo>>.

Tag: , , .

4 commenti a Il Consiglio regionale approva il nucleare

  1. ciccio beppe ha detto:

    Leggere che

    nessuna eventuale decisione del Governo passerà sopra la testa del Presidente della Regione

    e poco sotto il banner col cocàl mi hanno dato un certo senso di insicurezza.

  2. Antonio Lippolis ha detto:

    Una cosa e’ certa. Anche questa volta al PD e’ andata male. L’intelligente proposta del presidente TONDO rischia di ammosciare una delle pochissime frecce nell’arco di una sinistra quanto mai inutile e inconcludente.

  3. ciccio beppe ha detto:

    L’astuTondo.

  4. Srečko ha detto:

    Tondo, e tutti quelli che come lui puntano su Krško, fa i conti senza l’oste: in SLO non c’e’ ancora alcuna decisione sul rinnovo (non raddopio) di Krško. E se ci fosse, sarebbe da vedere se un qualsiasi partner italiano venisse scelto (quelli che s’offrono, sono infatti tanti…).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *