1 Aprile 2010

Affitti più bassi per i negozi con l’obiettivo di far rinascere il commercio

Mercatini, feste gastronomiche e tornei dei Borghi. Ma anche una cartellonistica informativa adeguata, la definizione di circuiti turistici da proporre ai visitatori, e iniziative che portino ad un abbassamento degli affitti commerciali per favorire la nascita di nuovi negozi negli spazi oggi sfitti.
Di carne al fuoco, nel primo incontro del gruppo di lavoro fra Comune e operatori economici della nuova isola pedonale del centro storico, ne è stata messa tanta, con la precisa volontà, da parte di tutti, di unire le forze per dare nuova vita al “vecchio cuore” della città reso oggi più bello e suggestivo da una profonda riqualificazione urbanistica.

A far parte del gruppo di lavoro, presieduto dal sindaco, Ettore Romoli, che aveva al suo fianco l’assessore al commercio e la presidente della commissione lavori pubblici, Marina Francesca Colombo, anche il presidente mandamentale dell’Ascom, Gianluca Madriz, la direttrice, Monica Paoletig e una quindicina di commercianti delle via Garibaldi, Mazzini, Monache e Rastello e delle piazze Sant’Antonio e Vittoria, che, nel corso delle riunioni informative svoltesi in precedenza, avevano dato la loro disponibilità a rappresentare le rispettive aree. E’ stato subito precisato che si tratta di un gruppo aperto, nel quale non solo potranno entrare anche altri operatori che ne avessero intenzione, ma che incontrerà, di volta in volta, a seconda degli argomenti, anche altri assessori, tecnici e professionisti di specicifici settori.

Il sindaco, Ettore Romoli, nel suo intervento iniziale ha ribadito che “la scelta di riqualificare in modo massiccio il centro storico è una scelta culturale che esprime la precisa volontà di ridare un’anima alla città. Avere una parte storica bella, curata e accogliente- ha sottolinato- deve rendere orgogliosa tutta la città, periferia compresa, una periferia che, a sua volta è al centro di diversi progetti di riqualificazione che si realizzeranno prossimamente. L’abbellimento urbanistico però- ha quindi specificato- non è sufficiente, da solo, a rilanciare il commercio e, quindi, insieme agli operatori dovremmo mettere in piedi tutte le iniziative opportune per far si che il centro storico si riempia di vita”.

E di idee ne sono emerse molte, durante l’incontro, in cui sono state anche evidenziate alcune problematiche da affrontare per raggiungere l’obiettivo di attrarre gente nell’isola pedonale. Fra queste anche la questione, oltre che dei parcheggi, anche dei tanti negozi sfitti e maltenuti, soprattutto in via Rastello. A questo proposito il sindaco Romoli e l’assessore Gentile si sono impegnati a verificare la possibilità con i proprietari, di trovare soluzioni per rialzare le serrande dei negozi chiusi.
I commercianti hanno anche insistito sulla necessità di una programmazione a medio termine, perlomeno triennale, che preveda la realizzazione a tappe degli interventi previsti.

Tag: , , .

2 commenti a Affitti più bassi per i negozi con l’obiettivo di far rinascere il commercio

  1. Federico Portelli ha detto:

    Dopo tre anni, si svegliano…
    Meglio tardi che mai, verrebeb da dire. BEne il gruppo di lavoro, anche se servità solo per il 50% di commercianti che sono sopravvissute ad un NON-governo delel politiche commerciali che dura dal 2007.

    Di seguito un esempio. Che rappresenta molto bene come bnei primi tre anni di mandato Romoli&Gentile si siano limitati a chiacchiere ed annunci sul nulla… senza accogliere nessuna dele sensate proposte avanzate dall’opposizione.
    VEniamo al dunque. Ora la giunta tira fuori l’uovo di Colombo. Bisogna ridure gli affitti. Bene. E come pensano di farlo? Non si sa. “PArlando” con i proprietari, sembra di capire. Ma è questo il compito di un sindaco? Altri sono gli strumenti e le politiche che un Comune può mettere in campo.
    Ecco la proposta che feci ad inizio mandato (quando ancora non c’era stata questa morià di attività, strozzate dalal crisi…):
    ALZARE l’ICI AI PROPRIETARI CHE PREFERISCONO LASCIARE GLI IMMOBILI COMMERCIALI SFITTI IN CENTRO PER OLTRE UN ANNO.
    Ovvio che questa soluzione, se praticata con attenzione, porterebbe ad un calo degli affitti. Ora, infatti, pochi “grandi proprietari” preferiscono lasciare sfitto il negozio foinchè non trovano qualcuno disposto a dare le somme (esose) richieste.

    Il gruppo è aperto? Forse è il caso che invitino pure qualche consigliere dell’opposizione con le idee più chiare della maggioranza…

    di seguito il testo dell’ODG presentato anni fa (e non attuato).

    (***)
    Constatato che molti locali commerciali da lungo tempo siano lasciati sfitti in centro città,
    rilevato come questo fatto peggiori l’attrattività commerciale del centro cittadino e della nostra città nel complesso,
    giudicato tale fatto, frutto degli equilibri tra domanda ed offerta del mercato immobiliare, comunque da disincentivare,
    il Consiglio Comunale di Gorizia
    esprime l’indirizzo alla Giunta ed al Sindaco di prevedere, nelle more di prossime eventuali modifiche al Regolamento Ici, iniziative disincentivanti tale fenomeno non escluse aliquote più elevate per i locali agibili e sfitti da lungo tempo in centro città.
    (***)

    Il consigliere Comunale
    Federico Portelli

  2. Andrea ha detto:

    Federico Portelli sindaco di Gorizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *