28 Marzo 2010

T. Patoco e le invasioni furlaniche: Violino e le clanfe friulane, tipicamente friulane

furlan advisory

Nuova missiva dal fronte del nostro esimio concittadino T. Patoco, che stavolta ci parlerà di un incontro molto particolare per il suo Esercito Patockista de Liberazion Furlanica.

Le puntate precedenti:

T. Patoco trova un campo de panoce in Quel di Basovizza e se impizza.

T. Patoco trova la dicitura “ufficio scolastico per il Friuli” su un certificato di maturità dell’Oberdan e se impizza. Nasce e parte l’EPLF.

T. Patoco ci aggiorna da Barcola sullo stato dell’avanzata dopo due settimane. Primi longhi per l’EPLF

T. Patoco scopre l’esistenza del paese di Patocco e se impizza.

T. Patoco scopre che Virgilio fa risorgere i friulani nelle risorgive e che Antonio, il dinosauro, è diventato anch’esso friulano (e se impizza).

T. Patoco viene intervistato volentieri e se impizza un spagnoleto.

Oggi:

LE INVASIONI FURLANICHE
Violino e le clanfe friulane, tipicamente friulane

Carissimi concitati concitadini patochi, finalmente ve scrivo per agiornarve un poco su come che va le robe qua de l’Esercito Patockista de Liberazion Furlanica. Come ve gavevo za dito int’ela intervista, gavemo conquistado el paese de Patocco, che desso xe la nostra nova base strategica in furlania. No gavemo dovesto gnanca far tropo cinematografo, parchè i lanfur se ga areso subito de soli. Come i ne ga visto rivar i ne ga verto le porte dela cità e i ne ga oferto un bon piato de frico e un bicer de tocai (brontolando qualcossa contro i ungheresi, ma no gavemo capì ‘ssai). Dopo, co’ i ga visto el Goldrache, i ga pensado che xe un novo model de trator e i ga volesto per forza impizarlo, e visto che no iera zucà el slaif le falische ghe ga brusà tuto el campo de panoce. Alora i mati se ga subito tirado suso le manighe dele bluse e i xe ‘ndai a giustar tuto co’le zape, lassandone le ciave del paese in man. Insoma vitoria dei.

Ma invece ogi volevo contarve de una vitoria ancora più meo: sula strada verso le risorgive, dove che dovaremo sbusarghe el caìcio a Virgilio, se semo fermai un salto a Mereto di Tomba, dove gavemo incontrà un sior, tale sior Violino. Co’ el ga visto che bei che semo, el ne ga subito impinì de complimenti e el ga dito che el nostro EPLF a livel de imagine turistica xe una verta, e che dovemo per forza andar con lui al Vinitaly dove che el ne farà cantar “Oh ce biel cjscjel a Udin” co’le braghe ala zuava. E che, come tuti i prodoti dela region, dovaremo portar el tacomaco “Friulano, tipicamente friulano”, parchè el ga dito che “Venezia” ala gente ghe ricorda i colombi spusolenti de piaza San Marco e “Giulia” invece xe la machina del’Alfa Romeo che ormai xe vecia e anca un poco marantiga. Siora Jole ga dito che el ga ragion, che i colombi xe brute bestie e porta malatie. Comunque, co’ el ga visto el Goldrache ghe se ga impirà i oci ‘ncora de più, che pareva quei dela ministra dele pari oportunità, Mara Fagagna me par che la se ciami. El ga dito che cussì gavaremo ancora “più tiro”, però el Goldrache dovarà molar i boxer co’l’alabarda e meterse qualcossa de più friulano, tipicamente friulano. E el ghe ga conzado una bela zapa e, al posto de quei corni zali che nissun ga mai capido cossa che i servi, el ghe ga messo quatro panoce, disendo che cussì co’ Goldrache sarà in mezo ala fola basterà strucar un boton e el farà popcorn per tuti. Insoma dele some, el ghe ga conzà a Goldrache i popcorni.

El tatico Nevio Cocal, che xe un bel merlo, ga subito napà che con tuti quei complimenti el stava zercando de coromperne int’el animo e de sabotar la nostra mission, eliminando cussì l’EPLF, l’ultima speranza triestina contro le mire espansionistiche del Friul. E alora Nevio el ga pensado un bel fufignez dei sui.
Cossa gavemo fato: ghe gavemo dito al sior Violino che el ga ragion, e che xe tuto ‘ssai bel, e che anzi, se no el gaveva ancora pensà, che se poderia propio portar al Vinitaly anca la bora furlana, ma anca e sopratuto le clanfe, friulane tipicamente friulane. E per festegiar sto pato ghe gavemo dito che ghe vol propio che ‘ndemo tuti quanti a Grado a far una bela clanfa tuti insieme, triestini e furlani. E cussì gavemo fato.
E qua vien el bel: metà furlani fazendo la clanfa no se ga serà ben e ga ciapà la panzada, l’altra metà, che ga rivà serarse, no se ga riaverto bastanza de balin e se ga s’ciocà sul fondo, che là a Grado xe ploc, sarà 50 cm de acqua massimo. E, in sto atimo che tuti i furlani iera incocalidi, tut’int’un ga fato la clanfa Goldrache, tirando un schizo de quei che li ga fati svolar driti fin al Vinitaly sparagnando anca la benzina, che qua la costa più che de noi.
Insoma muleria, una ‘ssai ma ‘ssai bela vitoria per l’EPLF, ghe la gavemo sonada al sior Violino! Desso stemo un poco qua a Grado che xe bel sol e dopo ripartiremo con la calmeta.
Ve tignirò agiornai. Viva l’EPLF!

T. Patoco
Capobanda del EPLF

P.S. Qualchidun podessi pensar che gavemo qualcossa contro i furlani. No, no gavemo gnente contro i furlani. Gnanca un spray 🙂

sempre più monon

Quel dela Quela on Facebook

8 commenti a T. Patoco e le invasioni furlaniche: Violino e le clanfe friulane, tipicamente friulane

  1. Avatar Triestin - No se pol ha detto:

    Me piasi sai anche quela del spray, ( flit ) ma ai furlani ghe servi per i musati…

  2. Avatar Polesan ha detto:

    Ma … digo … pode ciol in giro presidenti, governi, famee, i Papi, patriarchi … Pero’ … el Goldrache no. Lui no se pol tocar – digo ‘tuono spazaiale’ de panocie …dei 🙂

    Lame Rotanti!

  3. Avatar ser Paolo ha detto:

    No me ga fato rider

  4. Avatar susta ha detto:

    Avilida e disperada, cossa volè che ve digo… E zà go capì dove che posso metermelo, el mio consiglio de l’altra volta de butarghe stagnachi de jota bolente zò per le risorgive; visto che, diventada “Friulana, tipicamente friulana” anca quela, i lanfur ga imparà a gustarsela co’ l’aria beata, bevendo un bicer de teran e lecandose anca i bafi. Jessusmaria, solo a pensarghe me se indriza i cavei… Per no parlar po’ de quel super fusto che iera Goldrache: rovinà!! Che come che lo go visto, con in man quela zapa e le panoce in testa, go sentì che i oci me se girava per indrìo, e cominciavo a spudar fiumi de bava insanguinada…
    Dopo però go visto ‘sto titolo sul Picolo onlain:
    “Prodotti ‘tipicamente friulani’
    Tondo bacchetta l’assessore”
    …e alora go pensà che se dio no xe furlan, Tondo in ‘sto caso un poco meno anca lu, dei… Insoma, fra bachetade (a Violin co’ l’archeto?) e clanfe gradesi, speremo de averghele sonade (sempre al violin…) come che i se merita!

  5. Avatar alpino ha detto:

    Il Giulia è un’ Alfa Romeo e non una Lancia il Fulvia era Lancia

  6. Avatar Diego ha detto:

    grazie alpino, ho corretto 😉

  7. Avatar alpino ha detto:

    🙂 no iera per romper le togne solo che son un alfista sfegatato solo per quel 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.